Vai a pagina  
1
          ...             
  I Forum di Anziani.it  Politica  Il Pensatoio...
Nuova discussione   Rispondi
assodipicche Oggetto: Aggiornamento (dall' agenzia AdnKronos)  01 Lug, 2020 - 18:45  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6039
Attività utente
Attività utente


cicuta Oggetto: dal web  01 Lug, 2020 - 06:57  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2379
Attività utente
Attività utente

Quando Giorgia Meloni incontra sulla propria strada un ingegnere aerospaziale e si mettono a discutere di numeri. Il risultato è la blastata del secolo. Del secolo. Eroe!

Voi sapevate che significa "blastare"? Io no. ecco:

"è un termine che forse tra qualche anno troverete anche sul dizionario Treccani, per il momento è solo un neologismo urbano che ha origine dall'inglese “to blast”, che tradotto significa demolire, distruggere, smontare."





cicuta Oggetto: Beato quel popolo che non ha bisogno di eroi  08 Mag, 2020 - 16:28  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2379
Attività utente
Attività utente

A volte capita che io mi imbatta in articoli che esprimono idee e concetti che condivido ma che non sono altrettanto capace di esprimere: questo è uno di essi

www.glistatigenerali.com/sanita_societa-societa/165915/
assodipicche Oggetto: La profezia di Sylvia Browne  23 Mar, 2020 - 17:57  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6039
Attività utente
Attività utente

Con le dovute implicazioni? Mah...mi deve essere sfuggito!
Patrizia51 Oggetto:   23 Mar, 2020 - 14:17  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4765
Attività utente
Attività utente

La notizia l'avevamo già pubblicata sia io (il 17 marzo) che Liliana, il giorno dopo, in Di tutto un po', con le dovute implicazioni. Io, come avevo già detto, non credo alle profezie perché ritengo siano pure casualità che prima o poi qualche volta ci azzeccano, ma certe coincidenze un po' mi inquietano....

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
assodipicche Oggetto: La "profezia di Sylvia Browne"  23 Mar, 2020 - 12:18  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6039
Attività utente
Attività utente

Sylvia Browne, all'anagrafe Sylvia Celeste Shoemaker (1936), è stata una (sedicente) medium, sensitiva e autrice di numerose pubblicazioni negli Usa e nel mondo. Ha seguito molti casi giudiziari americani azzardandone la soluzione, ma -a quanto pare- non ne ha mai azzeccata una. Partecipava frequentemente a programmi tv ed era piuttosto popolare. Nel 1992 venne condannata per frode finanziaria e appropriazione indebita. È morta nel 2013.
Perché ne parlo? Perché l'effetto coronavirus l' ha resuscitata, in quanto qualcuno s'è ricordato che in un suo scritto del 2004, pubblicato da Monadori, che magari sta approfittando per cercare di tornare a vendere il libro nella collana "Oscar nuovi misteri", avrebbe "profetizzato"-si fa per dire- l' attuale pandemia. Inutile dire che questa storia-cucinata in salse diverse-sta girando largamente nei social. Vediamo di fare un po' il punto.
Questo è il brano nella edizione italiana di Mondadori ("Profezie" il titolo, coautrice Lindsay Harrisoned, scrittrice):
"Entro il 2020 diventerà di prassi indossare in pubblico mascherine chirurgiche e guanti di gomma, a causa di un’epidemia di una grave malattia simile alla polmonite, che attaccherà sia i polmoni sia i canali bronchiali e che sarà refrattaria a ogni tipo di cura. Tale patologia sarà particolarmente sconcertante perché, dopo aver provocato un inverno di panico assoluto, sembrerà scomparire completamente per altri dieci anni, rendendo ancora più difficile scoprire la sua causa e la sua cura”.
Vediamo invece quello che viene riportato come testo originale:




In questo brano non si parla di mascherine e guanti, e c'è un'altra differenza che ora evidenzierò, ma il contenuto -tutto sommato- è fedele all'originale. Perché mascherine e guanti sono state introdotte nel testo italiano? L'ha introdotto l'autrice o l'ha voluto l'editore italiano? Inoltre: il testo italiano dice "entro il 2020", l'originale dice invece "intorno al 2020" (usa "around"=intorno), perché -come tutte le sibille- anche la Browne si mantiene sul vago, tanto prima o poi qualcosa accadrà comunque. Strano però che non ci abbia avvertiti della Sars e dell'Ebola.
Il testo inglese sostiene poi che così com'è arrivata "improvvisamente" (suddenly), sempre improvvisamente sparirà, per tornare all'attacco dopo dieci anni e quindi sparire definitivamente.
Vabbe', non mi dilungo, anche perché in ogni caso questa "profezia" non c'è stata di nessun giovamento, ormai è andata! È una curiosità. E non serve neppure a dare lustro alla profetessa, che anche lei ormai è andata, da inascoltata cassandra.
Io, in ogni caso, miscredente assoluto del paranormale, non le avrei dato retta allora e non do retta ora ai suoi sostenitori, che vanamente la divulgano nel web.
Solo....mi sarebbe piaciuto (mi piacerebbe, se ancora ci degna) conoscere il parere di TittiMendoza.


moniaxa Oggetto:   22 Mar, 2020 - 13:49  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4885
Attività utente
Attività utente

Mi chiedo,in risposta'' IORESTOACASA',, coloro che la casa e' solo nei'' SOGNI''



che faranno???
cicuta Oggetto: magie della natura  15 Mar, 2020 - 16:51  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2379
Attività utente
Attività utente

Meraviglie della natura Che valga come segno premonitore: ce la faremo!




cicuta Oggetto: magie della natura  15 Mar, 2020 - 16:47  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2379
Attività utente
Attività utente

 vabbè.....errore


Ultima modifica di cicuta il 15 Mar, 2020 - 16:52, modificato 1 volta in totale
moniaxa Oggetto: virus--  14 Mar, 2020 - 13:55  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4885
Attività utente
Attività utente

Quanto sta avvenendo ora.nel Sud,e'successo in Sardegna, occupate, le seconde case, sia da sardi, non

residenti,siada altri, immaginate, la mia zona ( turistica e industriale) ...si spera che restino in quarantena

e muniti diautocertificazione
moniaxa Oggetto:   09 Mar, 2020 - 07:56  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4885
Attività utente
Attività utente

Paura...

La paura, diminuisce il sistema immunitario, ecco di cosa ho''PAURA''!!!!!..
Patrizia51 Oggetto:   24 Feb, 2020 - 20:12  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4765
Attività utente
Attività utente

Cura, rispetto, competenza, comunità: ecco gli ingredienti contro il Coronavirus

La scrittrice e giornalista Concita De Gregorio ci invita oggi a riflettere sulla terapia più efficace contro il contagio

Scrittrice e giornalista de La Repubblica, Concita De Gregorio ci regala questa mattina una riflessione su quanto sta accadendo nel Paese di fronte all’emergenza Coronavirus, scattata venerdì mattina nel Lodigiano in seguito all’accertamento di un primo caso. In questi giorni, i numeri sono cresciuti e con essi la paura che già si annidava dentro ciascuno di noi. Paura giustificata o psicosi? Sembra che persino i più autorevoli virologi del paese debbano mettersi d’accordo. Comunque sia, è il momento di tirare fuori un po’ di senso civico, che in fondo altro non è che “l’abc della convivenza”, scrive Concita de Gregorio in un articolo su
La Repubblica.

Hanno chiuso il Duomo di Milano. Hanno chiuso Brera. Chiudono le scuole. L'amuchina è a prezzi da mercato nero. Hai visto la mascherina griffata, online? 190 euro. L'Italia è il malato d'Europa, guarda quanti contagi: ne parla tutto il mondo. L'allarme arriva dal Financial Times e dal Washington Post. Se ne parla a casa di domenica con figli e nipoti bambini, riuniti a tavola. E allora cosa bisogna fare?

Sono quattro gli ingredienti utili a contrastare il contagio: cura, rispetto, competenza e comunità.

Cura
Se la profilassi contro il contagio è semplice e corrisponde all’abc della convivenza, cerchiamo di fare tutto con un po’ di gentilezza, commenta Concita de Gregorio. Volete sapere come ci si prende cura? Noi vi rispondiamo con una frase di Papa Francesco:
“Non dimentichiamo mai che il vero potere è il servizio. Bisogna custodire la gente, aver cura di ogni persona, con amore, specialmente dei bambini, dei vecchi, di coloro che sono più fragili e che spesso sono nella periferia del nostro cuore.”

Rispetto
La profilassi contro il contagio corrisponde alle regole igieniche sanitarie di base: lavarsi le mani prima e dopo aver mangiato, starnutire o tossire mettendosi il gomito davanti. Insomma, non si tratta altro che delle regole base della buona educazione e di aver rispetto per la persona che ci siede accanto sul treno, o in fila alle poste.

Competenza
Evitiamo di affidarci ai commenti dei virologi improvvisati sui social e rivolgiamoci a qualcuno che abbia studiato la materia: un medico, un immunologo, un virologo. Quelli veri che adesso sono in prima linea ogni giorno per contrastare il contagio, per cercare terapie veloci ed efficaci. Affidiamoci alla comunità scientifica e dismettiamo i panni da medici ed esperti che non spettano a noi.

Comunità
In un momento come questo occorre fare comunità e per farlo “non basta essere padroni a casa propria, chiudersi, alzare il muro, pensare a sé”. Comunità vuol dire, in questo momento, prendersi cura di sé stessi e di chi ci circonda, perché proteggere sé stessi equivale a proteggere gli altri.


.....


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
assodipicche Oggetto: Il naufragio di San Paolo e i migranti  22 Gen, 2020 - 17:22  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6039
Attività utente
Attività utente

Aprendo la settimana ecumenica destinata all’ospitalità, Papa Francesco ha fatto un parallelo tra l’accoglienza riservata a San Paolo dagli abitanti di Malta e quella riservata oggi ai migranti, visti spesso come una minaccia.
Con tutto il rispetto per il Papa, mi viene spontaneo dire con franchezza che è un paragone che non regge in alcun modo. Vediamo come andarono i fatti.
Paolo, con la sua predicazione, aveva suscitato l’ira dei giudei e quindi stava per fare la stessa fine di Gesù. A differenza di Gesù, però, Paolo era cittadino romano e non poteva essere condannato a morte dal governatore. Ponzio Pilato aveva potuto farlo con Gesù perché questi non era cittadino romano. Il diritto processuale di Roma era inflessibile su questo punto. E così Paolo viene affidato a un centurione e spedito a Roma sotto nutrita scorta. Il viaggio non va bene, sopravviene la tempesta e, dopo 14 giorni, i malcapitati approdano a Malta. Troviamo il racconto sia negli Atti degli Apostoli che in Luca.
Dice il Papa: «In contrasto con la brutale violenza del mare in tempesta, ricevono la testimonianza della “rara umanità” degli abitanti dell’isola».
Ebbene il “rara umanità” non è contrapposto – anche perché non è “logicamente” contrapponibile- alla violenza del mare, che non è umana, ma al comportamento abituale della popolazione indigena, che aveva la simpatica abitudine di depredare e uccidere i disgraziati che naufragavano sull' isola, mentre in quella circostanza li accoglie, probabilmente perché –dico io- c’erano i soldati romani.
E comunque, dopo aver stupito gl’indigeni con un paio di episodi fantasiosi, Paolo e la sua scorta si rimettono in viaggio e se ne vanno e alla fine arrivano a Roma.
Come si fa a paragonare questo episodio a sostegno delle migrazioni? Paolo è obbligato a mettersi in viaggio, sta subendo una “traduzione” militare come carcerato, non vuole emigrare né violare leggi e frontiere; non può quindi essere paragonato al migrante, che è spinto da ben altre motivazioni.

assodipicche Oggetto: Gramellini e le facili assonanze  10 Dic, 2019 - 19:15  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6039
Attività utente
Attività utente

Gramellini, chiudendo un suo commento sull' evasione fiscale, afferma: "Se tanti italiani non hanno senso dello Stato è perché lo Stato continua a fare loro senso". (Corriere della Sera)
Bella trovata tautologica, in cui l'assonanza ha tratto però in inganno l'autore. Se prendiamo infatti per buono l'assunto più o meno utopistico che in un paese democratico lo stato è costituito dai suoi cittadini, arriviamo alla conclusione che molti italiani (se non tutti) fanno senso.... a se stessi. È così? Risulta penoso pensarlo, ma un certo fondamento ce l'ha quest' affermazione: i nostri uomini politici li produciamo noi, dico nel vero senso della parola; dal concepimento al culmine della carriera. Sono nati da noi infatti, da noi sono stati educati, hanno assimilato la nostra cultura, l'etica che gli abbiamo fornito, li abbiamo votati....poi, quando sono diventati "Stato"... ci fanno senso? Non vi viene da ridere? (adesso qualcuno penserà:..."Da ridere? No, ci viene da piangere!"...ma dai ch'è meglio ridere....di noi stessi ovviamente!)

Patrizia51 Oggetto:   04 Dic, 2019 - 19:30  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4765
Attività utente
Attività utente




Scorrendo le notizie mentre sono su di un treno che mi porta dall'altra parte dell'Italia, ce n'è una che mi fa venire in mente quella frase biblica che dice "e Dio ci ha creato a sua immagine e somiglianza"...

In Indonesia una ragazzina di 17 anni, campionessa di ginnastica, viene estromessa dalla possibilità di continuare a gareggiare perché non più vergine.

L'ho riletto 2 volte perché pensavo di non aver capito.

Lei, brava e competente, non può gareggiare perché a detta dell'allenatore non è più "intatta e pura", quindi i genitori fanno ricorso e portano il certificato medico che attesta l'integrità fisica della ragazzina.

È stata presa, umiliata, spogliata, visitata.

Se chiudo gli occhi sento le sue grida, il suo pianto, il suo dolore, la sua umiliazione mentre la spogliano e la visitano per vedere se è ancora vergine oppure no.

È il pianto e la disperazione di migliaia di donne prima di lei che hanno subito lo stesso trattamento e la stessa umiliazione nella storia, come Giovanna d' Arco che fu visitata per dimostrare d'esser vergine in un freddo castello della Loira secoli fa: inerme e indifesa sei nuda dinanzi a chi ti giudica e ti visita per dimostrare la tua purezza.

Sono millenni che gli uomini sono ossessionati dal possesso dal controllo del corpo femminile: uomini padroni, uomini che detengono la proprietà della donna, uomini patriarcali e indottrinati da religioni prive di senso.

Un giorno, fra centinaia d'anni, forse raggiungeremo realmente la parità di genere.

Nel frattempo smettiamola di dire che siamo fatti a immagine e somiglianza di Dio perché è offensivo per quel pover uomo.

dal post Facebook di Katia Arrighi

Quanta strada dovremo ancora fare per avere gli stessi diritti senza discriminazioni?
Quante donne dovranno ancora subire controlli, indagini, processi per dimostrare che.... che cosa? cosa devono dimostrare? che hanno eventualmente fatto quello che tutti gli uomini fanno, senza dover subire sul loro corpo nessun controllo sul "sigillo di garanzia", senza dover dimostrare niente, senza sottomettersi a regole o obblighi che con lo sport (in questo caso) c'entrano proprio un bel nulla?

Forse un po' di strada l'avremo anche fatta, ma sono solo piccoli passettini.... la maggior parte resta ancora da fare.... ed è veramente tanta.....



_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   14 Ott, 2019 - 16:45  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4765
Attività utente
Attività utente

Va bene, è giusto che ognuno abbia i propri diritti civili, ma così non ci si capisce più nulla.... Ma prima non lo sapevano?

Alessia e Davide cambiano sesso. E il giudice: “Restate sposati”

13 ottobre 2019

Riconosciute per la prima volta le nozze trans, anche se dopo i ruoli si sono invertiti

ROMA - Storia di Alessio, proprietario del supermercato che sposa Valentina, operaia al cantiere navale: poi lui diventa Alessia e lei diventa Davide, e per la prima volta al mondo la giudice che riconosce il duplice cambiamento di sesso ordina all'anagrafe di ratificare la validità - a ruoli invertiti - del loro matrimonio.

Ora Davide è il marito, Alessia la moglie!

Repubblica



_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
moniaxa Oggetto: le vie della politica..  12 Set, 2019 - 16:58  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4885
Attività utente
Attività utente

...sono infinite!

Non e' strano che Briatore, nei gg scorsi si e' incontrato col

governatore Solinas.., oggi, decida di formare altro movimento, ovvero''''

movimento del fare'' fare cosa? altri euro, dollari, sterline??
Patrizia51 Oggetto:   11 Set, 2019 - 17:39  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4765
Attività utente
Attività utente

Nelle celebrazioni dei 18 anni passati dall'attentato terroristico dell'11 settembre 2001, ho ritrovato questo scritto nel mio blog, che mi sembra sempre attuale....




COME HA POTUTO DIO PERMETTERE TUTTO QUESTO?

In una intervista della TV americana, hanno chiesto ad una ragazza orfana a causa della tragedia delle Twin Towers:
"Dio come ha potuto permettere che avvenisse una sciagura del genere ?"

La risposta che ha ricevuto è "interessante":

"Io credo che Dio sia profondamente rattristato da questo, proprio come lo siamo noi, ma per anni noi gli abbiamo detto di andarsene dalle nostre scuole, di andarsene dal nostro governo e dalle nostre vite. Essendo Lui quel gentiluomo che è, io credo che con calma Egli si sia fatto da parte. Come possiamo sperare di notare che Dio ci dona ogni giorno la Sua benedizione e la Sua protezione se Gli diciamo: "lasciaci soli"?
Penso che tutto sia cominciato 15 anni fa Madeline O'Hare ha ottenuto che non fosse più consentita alcuna preghiera nelle nostre scuole americane....e le abbiamo detto OK.
Poi qualcuno ha detto che è meglio non leggere la Bibbia nelle scuole (la stessa Bibbia che dice, tu non ucciderai, tu non ruberai, ama il prossimo tuo come te stesso) e noi gli abbiamo detto OK.
Poi il dottor Benjamin Spock ha detto che noi non dovremmo sculacciare i nostri figli se si comportano male, perchè la loro personalità viene deviata e potremmo arrecare danno alla loro autostima, e noi abbiamo detto "un esperto sa di cosa sta parlando" e così abbiamo detto OK.
Poi qualcuno ha detto che sarebbe opportuno che gli insegnanti ed i presidi non punissero i nostri figli quando si comportano male, e noi abbiamo detto OK.
Poi alcuni politici hanno detto: "non è importante ciò che facciamo in privato, purchè facciamo il nostro lavoro" e d'accordo con loro, noi abbiamo detto OK.
Poi qualcuno ha detto che il Presepe non deve offendere le minoranze, così nel famoso museo Trussaud di Londra al posto di Maria e Giuseppe hanno messo la Spice Girl Victoria e Beckham e noi abbiamo detto OK.
E poi qualcuno ha detto: "Stampiamo riviste con fotografie di donne nude e chiamiamo tutto ciò "artistico" o salutare apprezzamento per la bellezza del corpo femminile.......e noi gli abbiamo detto OK.
Ora ci chiediamo come mai i nostri figli non hanno coscienza, rispetto e non sanno distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato.
Probabilmente, se ci pensiamo bene noi raccogliamo ciò che abbiamo seminato!

Buffo come sia semplice, per la gente, gettare Dio nell'immondizia e meravigliarsi perchè il mondo sta andando a rotoli.
Buffo come crediamo a quello che dicono i giornali, ma contestiamo ciò che dice la Bibbia
Buffo come si mandino migliaia di barzellette via e-mail, che si propagano come un incendio ma quando si incomincia a mandare messaggi che riguardano il Signore, le persone ci pensano due volte a scambiarseli.
Buffo come tutto ciò che è indecente, scabroso, volgare ed osceno circoli liberamente nel cyberspazio, mentre le discussioni pubblicate su Dio siano state soppresse a scuola o sul posto di lavoro.
Buffo come a Natale nelle scuole la recita per i genitori non possa più essere sulla Natività ed al suo posto venga proposta una favola di Walt Disney.
Buffo come si stia a casa dal lavoro per una festività religiosa, ma non si conosca nemmeno quale sia la ricorrenza.
Buffo come qualcuno possa infervorirsi tanto per Cristo la domenica, mentre è un cristiano invisibile e incoerente durante il resto della settimana.
Buffo che quando inoltri questo messaggio tu non ne dia una copia a molti di quelli che sono nella tua lista degli indirizzi, perchè non sei sicuro di cosa penseranno di te, per il fatto di averglielo mandato.
Buffo come posso essere più preoccupato di ciò che pensa la gente di me, piuttosto di ciò che Dio pensa di me...................................................

(dal Web)


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
assodipicche Oggetto: Leonardo e la sindrome Adhd  25 Mag, 2019 - 16:39  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6039
Attività utente
Attività utente

Nei giorni scorsi si è parlato molto di Leonardo da Vinci -genio universalmente riconosciuto e celebrato- perché il 2 scorso è stato il cinquecentesimo anniversario della sua morte.
Pensando a lui, io però mi sono sempre chiesto: ha avuto molte idee davvero sorprendenti, ma perché non ne ha condotto a compimento quasi nessuna?
Adesso c'è un tentativo di spiegazione scientifica. È un tentativo, ovviamente, ma fondato, a mio parere. Per chi pensa che la questione sia interessante, riporto un articolo appena letto su Ansa.it:

"L'Adorazione dei Magi: incompiuta. Il trattato di anatomia: mai pubblicato. La macchina per il volo: irrealizzata. E' davvero lunga la lista dei progetti che Leonardo da Vinci non è riuscito a portare a termine. Non solo per colpa di contrattempi e imprevisti della storia, ma probabilmente anche a causa della sindrome da iperattività e deficit di attenzione (Adhd *). A ipotizzare questa 'diagnosi', a 500 anni dalla sua morte, è uno studio pubblicato sulla rivista Brain dal neuropsichiatra Marco Catani del King's College di Londra, che ha provato a ricomporre il quadro clinico del grande artista rinascimentale partendo dagli indizi disseminati nei documenti storici scritti da biografi e contemporanei di Leonardo.

Il ritratto che emerge è quello di un genio dalla curiosità vorace e dalla mente vagabonda, incline alla distrazione e spesso inconcludente, abituato a usare la mano sinistra e con possibili disturbi del linguaggio, indicativi di un cervello 'cablato' in maniera insolita: tutte caratteristiche che secondo Catani non lasciano spazio a dubbi.

"Sebbene sia impossibile fare una diagnosi post-mortem su una persona vissuta 500 anni fa - afferma l'esperto - sono convinto che l'Adhd rappresenti l'ipotesi più convincente e scientificamente plausibile per spiegare la difficoltà di Leonardo nel portare a termine i propri lavori. I documenti storici indicano che impiegava fin troppo tempo per pianificare i suoi progetti ma mancava di perseveranza. L'Adhd potrebbe spiegare vari aspetti del suo temperamento e del suo genio stranamente inconstante".

Irrequietezza, inconcludenza, continua procrastinazione: i tipici segni dell'Adhd sono presenti fin dall'infanzia di Leonardo e persistono per tutta la sua esistenza. Le fonti storiche lo descrivono come un uomo sempre in movimento, pronto a saltare da un lavoro a un altro: spesso insonne, poteva lavorare ininterrottamente giorno e notte facendo solo brevi pisolini. Fa pensare all'Adhd anche il fatto che fosse mancino, probabilmente dislessico e con l'emisfero cerebrale destro dominante nei processi linguistici, tutte caratteristiche piuttosto comuni nei pazienti iperattivi.

A cinque secoli dalla sua morte, "spero che il caso di Leonardo dimostri come l'Adhd non sia legato a un basso quoziente intellettivo o a mancanza di creatività - continua Catani - ma piuttosto alla difficoltà di capitalizzare il proprio talento naturale. Mi auguro che l'eredità di Leonardo ci aiuti a cambiare lo stigma che circonda l'Adhd"."



*attention deficit hyperactivity disorder
assodipicche Oggetto: Sulla preghiera e dintorni.  30 Apr, 2019 - 18:24  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6039
Attività utente
Attività utente

I “grandi” interrogativi sulla preghiera non si sono persi in un battibecco! Che poi non c’è neppure stato perché io non ho battuto nessun becco! Diciamo che sono stati bloccati da un intervento, che –fondato su una bufala da somministrare a presunti babbei ignoranti e rincitrulliti come noi- non poteva passare sotto silenzio.
Del resto bisogna riconoscere che non è facile affrontare un argomento come la preghiera su piani tanto diversi (razionale e irrazionale). Quando poi ci si mette anche chi, alternando sistematicamente l’uso della sviolinata accattivante a quello dell’ aggressione offensiva, spara cavolate fuori tema, la voglia di continuare ad approfondire va decisamente a farsi benedire.
L’intervento di Patrizia sulla preghiera è comunque rimarchevole, ma su un piano mistico, per quanto mi riguarda. Mi viene subito d’osservare che, se partiamo dal dogma dell’ onniscienza e dell’onnipotenza di Dio, riesce poi impossibile non attribuirgli ogni cosa, mentre chi crede (probabilmente convinto d’ accattivarsene così la benevolenza) gli attribuisce tutto quello che accade di buono e lo esenta da tutto quello che accade di cattivo. Non solo, ma lo si implora, lo si onora, lo si glorifica e altro ancora per convincerlo a intervenire per il bene. E perché mai, se si ritiene che Dio possa volere e fare solo e soltanto il bene, che ci ama, che ci è sempre vicino? Quando noi affermiamo :”Sia fatta la tua volontà così in cielo come in terra”, noi in realtà non preghiamo nel senso stretto della parola, ma ci arrendiamo rassegnati. E che altro possiamo fare? La rassegnazione grava sul credente come un cappa, nel nome di Dio egli accetta tutto, il bene e…. il male, in funzione di una compensazione nell’aldilà. Che poi….dobbiamo essere noi a dirgli “Sia fatta la tua volontà”???….cos’è…gli diamo il permesso? Non è già così? Non è la sua volontà quella che viene fatta ogni giorno? Muoiono centinaia di migliaia di bambini, per fame, per guerre, per malattie, per maltrattamenti….perché restare indifferente? Per il libero arbitrio? “Io ti do il libero arbitrio e poi ti giudico”. Qual è lo scopo del male: provare la malvagità di alcuni per poi punirli e la bontà di altri per santificarli? Una strage d’ innocenti per l’ attribuzione del premio o della pena eterni?
Dio Padre: qualcuno dice a suo padre “sia fatta tua volontà”? E c’è qualche padre”normale” che dai figli vuole preghiere e genuflessioni? Patrizia parla della preghiera come di una forma di comunicazione. Uno parla da solo e la chiama comunicazione? Non riceve mai risposta e lui la chiama ancora comunicazione?
Questi sono i miei interrogativi e non sono tutti, ehhhh ce ne sono ancora tanti! Ma mi fermo; il tema della violenza lo affronteremo un’altra volta, non senza ricordare quanto accaduto ieri: un poliziotto ha ucciso la moglie nel sonno e si è suicidato, con due bambine piccole in casa. Non lo ha fermato neanche questa presenza. Non è servita la legge sul femminicidio, non sono serviti girotondi e proclami, non sono servite le preghiere del Papa. Non lo ha bloccato neppure il tanto inflazionato amore! Cosa può esserci di così irrefrenabile, di così terribilmente insopportabile e opprimente da spingere a tanto una persona da tutti definita normale!?
Considerazione personale: io sto con mia moglie da più di sessant’anni, tra fidanzamento e matrimonio, e non c’è stato mai bisogno di dirci “ti amo”; questi si mettono cuoricini su Facebook e persino sotto il campanello della porta di casa (i due cognomi e il cuoricino in mezzo) e poi finisce tutto così.
Insomma…io comunque la preghiera la capisco e la suggerisco, ma non come strumento teologico. Come strumento umano di aggregazione, rassicurazione, sfogo, catarsi, liberazione, serenità. Chi praticandola realizza questi risultati è un privilegiato.

Nuova discussione   Rispondi Vai a pagina  
1
          ...             
ANZIANI.IT
Via del Poggio Laurentino 2
00144 Roma (RM)
P.Iva: 05121921000
DATA PROTECTION OFFICER

E' possibile contattare in qualsiasi momento questa email dpo@final.it per richiedere l'anonimizzazione o rimozione completa dei propri dati dalla piattaforma secondo la General Data Protection Regulation (GDPR).

INFORMAZIONI LEGALI