Vai a pagina  
1
          ...             
Nuova discussione   Rispondi
liliana Oggetto: L'arte per un grande artista  20 Set, 2017 - 14:03  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente

Ogni uomo è un artista
LA NOZIONE DI "ARTE" PER JOSEPH BEUY: L'artista ha intriso di significato il concetto di unità tra arte e vita, egli “è riuscito a investire la sua stessa persona di arte, e l’arte della sua persona”.
Il suo concetto di arte è legato strettamente all’impegno creativo che deve essere di ognuno, nel modellare la propria esistenza e il mondo in cui vive; secondo questa idea infatti, la creatività è una caratteristica di tutti gli esseri umani e non una prerogativa di chi si definisce artista. Con l'espresione “Ogni uomo è un artista” egli esprime proprio questo, l’arte è l’unica forza veramente rivoluzionaria, che permette attraverso la creatività e la libertà di fare della vita una “scultura vivente”.
L’uomo per Beuys, è quindi necessariamente un’entità vitale e creativa, che deve impegnarsi nel mutamento della struttura sociale; egli crede dunque nelle potenzialità dell’uomo, in termini di energia creativa che quest’ultimo non deve dimenticare, per poter modificare al meglio la realtà che lo circonda. Egli deve infatti avere la consapevolezza che essere uomo significa proprio questo, il dovere di prendersi la responsabilità e la libertà di agire, che costituiscono la sua dignità.
Creatività, per Beuys significa la libertà di essere uomini inventivi e di vivere creativamente la vita nella consapevolezza della potenzialità che abbiamo di plasmare il sociale affrontandone i problemi; in un approccio che posso definire educativo, l’artista fa coincidere il mondo dell’arte e della vita col mondo dell’educazione, egli infatti conferisce molta importanza alla formazione degli individui, ricchi di potenzialità importanti per il presente e il futuro.
L’uomo è un essere creativo e libero ed è importante creare una coscienza di questo per far sì che egli attraverso un atto artistico, possa usare la sua creatività in modo rivoluzionario e quindi cambiare la storia. Questo concetto educativo di cui si serve Beuys è necessariamente legato alla politica che gli uomini, organizzati in gruppi consapevoli, devono prendere in carico, per raggiungere una democrazia reale. Il concetto ampliato di arte, sostenuto dall’artista, estende quindi l’impulso di libertà e creatività anche alla pedagogia e alla politica.
Col concetto di libertà egli esprime la libertà dell’individuo singolo, ma soprattutto la libertà dell’uomo nel rapporto con l’altro, nel mettere a disposizione degli altri i frutti del suo libero agire, questo attraverso la comunicazione che permette di «mostrare quel che abbiamo prodotto con la nostra libertà»; alla comunicazione Beuys dà molta importanza in quanto ognuno deve rendere pubblico il suo pensiero e la sua azione avvicinandosi agli altri. Tutto ciò è finalizzato, nel pensiero dell’artista, a creare modelli reali per proporre un nuovo ordinamento sociale in cui le facoltà umane vengano realizzate nella loro completezza.
L’azione dell’artista si concentra sull’ampliamento della comprensione di sé e della realtà da parte dell'uomo che lo porterà ad una capacità di rinnovamento e ad una maggiore cura degli altri e quindi della società; infatti ogni atto quotidiano, se svolto sotto la forza della creatività, diventa atto artistico che mette in opera creativamente il messaggio di uguaglianza e di libertà di Beuys.
In sostanza “Arte” per Beuys non è più un concetto museale, bensì antropologico e in quanto tale si rivolge ad ogni campo dell'attività umana, dalla scienza alla politica, investendo soprattutto la dimensione pratica dell'agire, in un processo di rigenerazione e liberazione dell’individuo. Tale concezione globale dell'arte responsabilizza l'uomo nei confronti di ogni suo atto, sollecitandolo a partecipare ed impegnandolo ad agire creativamente per modificare il proprio mondo. La possibilità per ognuno di essere artista, a modo proprio ed al di fuori delle convenzioni imposte, è il pilastro su cui si basa l'impegno di Beuys in favore di una radicale uguaglianza.
A questa definizione di arte è indissolubilmente legato il concetto di Scultura Sociale, un principio universale che deve animare e sorreggere il lavoro quotidiano di ogni essere umano che concepisca il mondo come un “materiale plastico da modificare” (Mustacchi, 1999, pag. 63), per mezzo della propria energia creativa e della capacità attraverso di essa di valorizzare ogni atto quotidiano promuovendolo ad atto artistico; questa intenzionalità è racchiusa in quella che Beuys ha denominato "Teoria della Scultura", la quale esprime il modo in cui ognuno di noi deve saper incanalare la propria energia creativa nell’intenzione.
“Ogni uomo è un artista” si riferisce dunque, alla qualità di cui ognuno può avvalersi nell’esercizio di una qualunque professione nell’ambito del quotidiano.





cicuta Oggetto: I 7 SEGRETI DI BOLOGNA  10 Set, 2017 - 13:16  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 1434
Attività utente
Attività utente

I 7 SEGRETI DI BOLOGNA

liliana Oggetto: Visite ai musei  02 Set, 2017 - 08:41  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente


Roma, domenica 3 settembre ingresso gratuito nei musei della Capitale
Anche domenica 3 settembre 2017, come tutte le prime domeniche del mese, torna l’ingresso gratuito nei Musei Civici della città per tutti i
residenti a Roma e nellarea della Città Metropolitana con molte iniziative per bambini e adulti e una grande varietà di mostre da visitare. Inoltre, come prima domenica del mese, il percorso di visita nell’area dei Fori Imperiali sarà aperto al pubblico gratuitamente dalle ore 9.00 alle 19.00, con l’ultimo ingresso alle 18.00.. L’apertura straordinaria prevede l’ingresso alla Colonna di Traiano e, dopo il percorso con passerella attraverso i Fori di Traiano e Cesare, la prosecuzione attraverso il breve camminamento nel Foro di Nerva che permette di accedere al Foro Romano, mediante la passerella realizzata presso la Curia dalla Soprintendenza di Stato. Le iniziative sono ideate e promosse da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. I servizi museali sono a cura di Zètema Progetto Cultura.

Un video







liliana Oggetto: Anniversario della morte della Principessa Diana  31 Ago, 2017 - 09:44  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente


Tradimenti continui, pianti ininterrotti, obblighi di corte intollerabili e una totale mancanza di attenzione e di considerazione, anche dalle persone a lei più vicine: i 15 anni di matrimonio di Lady Diana con il principe Carlo d’Inghilterra sono stati terribili. È lei stessa ad aver raccontato nel 1991, tramite decine di registrazioni audio, che cosa davvero avveniva dietro le porte e i muri delle varie dimore reali, e le situazioni descritte da Lady D, poi soprannominata “la principessa triste”, sono a dir poco inquietanti.


Un video con la presentazione del libro di Antonio Capranica .


















liliana Oggetto: L'arte di generare la felicità  20 Ago, 2017 - 11:15  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente

L'arte di generare la felicità
Tutti aneliamo alla felicità e se ci fosse un metodo per trasformare il dolore in gioia in molti ne sarebbero seguaci.
Thich Nhat Hanh
monaco buddhista, poeta e attivista vietnamita per la pace, propone il suo metodo per trasformare la sofferenza e lo fa nel libro:
Trasformare la sofferenza,

Non si tratta di un qualcosa di automatico, tipo bacchetta magica per intenderci, ma di un cammino che ognuno di noi è chiamato a compiere: non è un caso che il sottotitolo dell’agile volume è L’arte di generare la felicità.


Tutti vogliamo essere felici scrive il monaco; nel mondo ci sono molti libri e insegnanti che cercano di aiutare le persone a essere più felici, eppure continuiamo tutti a soffrire. Per Thich Nhat Hanh la soluzione al problema non è poi così lontana dalla sofferenza stessa: Una delle cose più difficili da accettare è che non esista un regno dove c’è solo felicità e non c’è sofferenza. Ciò non significa che ci dobbiamo disperare: la sofferenza può essere trasformata. Appena apriamo la bocca per dire
“sofferenza”, sappiamo che nello stesso momento è già presente anche l’opposto della sofferenza. Dove c’è sofferenza, c’è "felicità».

Il libro "Trasformare la sofferenza" è una sorta di manuale pratico, ricco di esempi di vita quotidiana e con tanto di esercizi, per compiere un cammino verso la felicità. Dopo essersi soffermato sull’arte di trasformare la sofferenza, Thich Nhat Hanh invita a riconoscerla e ad abbracciarla per poi osservarla a fondo e quindi ridurla. In base alla propria sensibilità spirituale che l’ha reso celebre in tutto il mondo, Thich Nhat Hanh propone cinque pratiche per coltivare la felicità e, dopo aver sottolineato che la felicità non è una questione individuale (e se solo capissimo pienamente questo punto saremmo già molto avanti!), propone delle pratiche concrete per generare la felicità: dagli esercizi sul respiro alla presenza mentale, dai mantra alla meditazione.
Per poter essere felici non dobbiamo aspettare che la sofferenza sia finita tutta: la felicità è a nostra disposizione, proprio qui e proprio ora. Forse però dovremmo modificare la nostra idea di felicità: il maggiore ostacolo che ci tiene lontani dalla vera felicità potrebbe essere proprio l’idea che abbiamo della felicità.


Copertina anteriore



liliana Oggetto: Canazei  17 Ago, 2017 - 12:15  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente


Ancora tanta voglia di unire l'utile al dilettevole , cercando clima e Cultura, arte e leggenda
Scopri le meraviglie del popolo ladino attraverso una splendida vacanza a Canazei.

Canazei si trova in un luogo antico e magico, dove storia, tradizione, arte, lingua, ambiente e leggenda hanno radici in un passato lontano che torna a farsi sempre vivo ancora oggi ad ogni sorger del sole. Il turista che visita Canazei non può non rimanere affascianato da questa sua peculiarità che la rende ancora più speciale.
L'arte in Val di Fassa
Le chiese
Architettura


liliana Oggetto: Festival delle bande siciliane  04 Ago, 2017 - 11:45  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente





liliana Oggetto:   04 Ago, 2017 - 11:42  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente




Ultima modifica di liliana il 04 Ago, 2017 - 11:50, modificato 2 volte in totale
liliana Oggetto: Dopo un milione di anni  30 Lug, 2017 - 07:39  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente

L'ascia "Dopo Un Milione Di Anni"
Dal web
E' curioso pensare che nella società in cui viviamo esistono alcuni oggetti la cui evoluzione compie passi da gigante e ne esistono altri invece la cui forma e utilizzo sono gli stessi da secoli.
Uno dei primi utensili creati dall'uomo primitivo è stata l'ascia, per tagliare la legna e assicurarsi un fuoco per la notte. Questo oggetto è rimasto sostanzialmente immutato fino ad oggi, nessuna modifica ha apportato concreti cambiamenti nel suo uso.
Il finlandese Heikki Karna, ha trascorso anni a pensare come migliorare questo strumento e consentire di tagliare molta più legna da ardere in pochi minuti.
Questa è la sua storia...
L'ascia è uno dei primi strumenti di cui l'uomo primitivo si è fornito, in quanto serviva per tagliare la legna per il fuoco, che scaldava e teneva lontani gli animali.
I primi esemplari di ascia risalgono ai primi anni dell'età della pietra, nel Paleolitico inferiore. Erano costituiti da pezzi di silice a forma di goccia, scalfita alle estremità in modo da essere tagliente. Presentava una tacca su una estremità dove veniva alloggiato il bastone per l'impugnatura.
Ecco un'ascia moderna: con le centinaia di migliaia di anni che sono trascorsi non è cambiato praticamente nulla... finora!

liliana Oggetto: La voglia di viaggiare e conoscere  22 Lug, 2017 - 11:45  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente


Patrizia51 Oggetto:   07 Lug, 2017 - 17:47  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2728
Attività utente
Attività utente

Oggi ricorre l’anniversario della morte di Marc Chagall, pittore bielorusso naturalizzato francese, di origine ebraica, un grande artista che ha cambiato le sorti della storia dell’arte.
Il "Musèe du Messagge Biblique" a Nizza, dedicato ai suoi dipinti che rappresentano vari racconti biblici, merita veramente una visita.
Io sono affascinata da questo pittore e quando ho avuto modo di vederli dal vivo è stata veramente una forte emozione.



Vetrate








_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
liliana Oggetto:   04 Lug, 2017 - 08:33  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente


Risultati immagini per La notte di Pompei

Pompei, Scavi visitabili di notte Franceschini: ora sono un modello


Corriere del Mezzogiorno
di Davide Cerbone
«Una bella storia italiana»: alla fine lo mette lui il titolo a questo giorno di orgoglio pompeiano. Dario Franceschini ha da poco salutato la commissaria Ue alle Politiche regionali, Corina Cretu, che ha speso parole al miele per l’operato del governo. Allora, voltarsi indietro è inevitabile: «Nel 2015 in quella stessa sala firmai con il predecessore della signora Cretu (Johannes Hahn, ndr) un impegno a spendere entro scadenze precise i fondi europei», ricorda il ministro per i Beni e le attività culturali. «La sfida era completare i restauri nei tempi stabiliti: oggi possiamo dire che quella sfida è vinta».
Ministro, Pompei s’è lasciata alla spalle i tempi bui?
«Sì. La gente finalmente si è accorta dei beni culturali e anche la politica ha cambiato rotta. Con la tutela e la valorizzazione di questo grande capitale si creano posti di lavoro, si migliora l’immagine del Paese, si crea sviluppo. Il riconoscimento sta nello sblocco da parte dell’Ue delle risorse che erano state bloccate».
Com’è possibile che gli scavi archeologici più importanti al mondo siano stati abbandonati al degrado?
«Pompei ha avuto alti e bassi. Ma, certo, l’Italia ha perso molto tempo. Quando tagli le risorse, quando non ci credi, può capitare anche questo. Quando sono arrivato, tre anni fa, Pompei era legata ad un’immagine negativa. Ricordo che giurai da ministro e il sabato e la domenica successivi ci furono due crolli. C’era il terrore di non riuscire a spendere in tempo i fondi europei, di perdere i finanziamenti. Ora stiamo recuperando, e abbiamo dimostrato che con un lavoro di squadra i risultati arrivano anche in termini di visitatori: 3 milioni e 200mila visitatori nel 2016, un record storico».
liliana Oggetto: Per Alma  03 Lug, 2017 - 08:49  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente

Grazie Alma,condivido il tuo pensiero,rammaricandomi per il lutto nel mondo dell'arte.


Alma Oggetto:   03 Lug, 2017 - 08:40  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2496
Attività utente
Attività utente

Un altro pezzetto di noi che se ne va...
Che la sua comicità piacesse o nn piacesse, questo è il fatto.
liliana Oggetto:   03 Lug, 2017 - 08:29  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente

 


Ultima modifica di liliana il 03 Lug, 2017 - 08:41, modificato 2 volte in totale
liliana Oggetto: Rimini  01 Lug, 2017 - 08:59  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente

Risultati immagini per Rimini

Secondo una ricerca, per gli italiani Rimini è la città più ospitale.


A Rimini non mancano le iniziative culturali, una molto importante si terrà:

Lunedì 10 luglio (ore 21,15), nello splendido scenario della Corte degli Agostiniani di Rimini (via Cairoli), la scienza intersecherà la letteratura, portandoci nel cuore della migliore cultura italiana. “Invitato d’onore” sarà Giacomo Leopardi, un maestro ribelle ed eretico, il cui pensiero continua a illuminare noi uomini del presente, insegnando a conoscerci.

L’incontro, aperto a tutta la cittadinanza e ideato dalla Biblioteca Gambalunga, è realizzato in collaborazione e con il contributo di SGR per la Cultura, l’iniziativa con cui Gruppo Società Gas Rimini contribuisce alla crescita socioculturale del territorio in cui opera.

Un video














liliana Oggetto: Trento  29 Giu, 2017 - 09:44  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente

Dopo la dolorosa notizia per la morte di Paolo Limiti,riprendiamo i viaggi nelle città di arte

Paesaggio trentino


TRENTO


Quando visiterete Trento vi renderete conto di quanto sia ricco di musei. C’è quello dedicato alla scienza, il MUSE di Renzo Piano, poi quello della montagna, la SAT (Società Alpinisti Tridentini), ancora dell’aeronautica, il Gianni Caproni, e infine quello dell’arte contemporanea, il MART, situato nella vicina Rovereto. Tra una galleria e l’altra esplorate il centro fatto di palazzi color pastello, mura merlate e alte torricelle. Il cuore è Piazza Duomo, dove troneggia la Statua di Nettuno. Tappa obbligata il Castello del Buonconsiglio!



Museo delle sccienze







liliana Oggetto:   27 Giu, 2017 - 16:07  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente

Una persona eccezionale

Vero signore della televisione


Risultati immagini per paolo limiti morto


Paolo Limiti è morto a 77 anni addio al noto conduttore








liliana Oggetto:   26 Giu, 2017 - 09:27  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente

Risultati immagini per volterra immagini

Continuando ad unire l'utile e il dilettevole:

"Volterra cuore d’alabastro"


Abbracciata da una lunga cinghia muraria del XIII secolo, Volterra è una tipica cittadina dall’aspetto medioevale, che custodisce al suo interno piccoli gioielli urbanistici in pietra d’alabastro, artigianato nobile e artistico ed elemento caratterizzante della cultura e della storia della città.

La Pinacoteca di Volterra ha la sua origine nel 1842, quando Luigi Fedra Inghirami, operaio della cattedrale, iniziò a raccogliere nella cappella di S. Carlo (annessa al Duomo) alcuni dipinti provenienti da chiese, monasteri e compagnie soppresse della città.

Nel 1905, su proposta di Corrado Ricci, si addiviene alla costituzione di una galleria pittorica comunale, al secondo piano di Palazzo dei Priori, dove vengono depositate le opere più significative presenti nella cappella di S. Carlo, altre di proprietà comunale e demaniale nonché alcuni dipinti provenienti da chiese ed enti cittadini.

Dal 1982 la Galleria Pittorica, o Pinacoteca, è ospitata nelle sale del Palazzo Minucci-Solaini, esempio notevole di palazzo tardo-quattrocentesco, tradizionalmente attribuito ad Antonio da S. Gallo il Vecchio. Oggi alla Pinacoteca, che costituisce la sezione più importante, si affianca il Museo Civico, costituito da opere di grande interesse storico-artistico, pertinenti ad enti non più in grado di assicurarne una adeguata tutela o una soddisfacente valorizzazione.

Tra le opere più significative segnaliamo, oltre la celebre e grandiosa tavola della Deposizione del Rosso Fiorentino, i polittici di Taddeo di Bartolo, di Alvaro Pirez e di Cenni di Francesco, la Pietà di Francesco Neri da Volterra, una predella con storie della Vergine di Benvenuto di Giovanni, due sculture lignee di Francesco di Valdambrino, la pala del Cristo in Gloria di Domenico Ghirlandaio, la Sacra Conversazione e l’Annunciazione di Luca Signorelli da Cortona, un cospicuo materiale di sculture e ceramiche medievali, un ricco medagliere (interessante la collezione medicea) nonché una raccolta numismatica di notevole interesse.

La Pinacoteca organizza mostre ed esposizioni temporanee, talvolta in collaborazione con altri enti ed istituti, con particolare riguardo al patrimonio culturale cittadino. Conferenze e seminari di studio su argomenti attinenti alle raccolte fanno ormai parte dei programmi abituali.

L’attività didattica, estesa a tutta la cittadinanza, si rivolge in particolare alle scuole e agli studenti di ogni livello, offrendo percorsi finalizzati alla conoscenza e all’analisi delle singole realtà artistiche.







liliana Oggetto: Dove non manca l'arte  23 Giu, 2017 - 09:31  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6523
Attività utente
Attività utente


Coredo (TN) - Trentino Alto Adige

Periodo di vacanze, è possibile fare l'utile e il dilettevole in alcune località.


Nel cuore della Val di Non, potrete godervi natura, storia e divertimento. Tra le passeggiate più belle: quella che conduce al Santuario di San Romedio e i percorsi per il sentiero della Merlonga. Il Palazzo Nero offre un interessante ciclo affrescato raffigurante le vicende di Genoveffa di Brabante, punita per adulterio.



Nuova discussione   Rispondi Vai a pagina  
1
          ...