Vai a pagina  
1
          ...             
Nuova discussione   Rispondi
liliana Oggetto: Pagami per non fare nulla  24 Gen, 2021 - 09:10  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7562
Attività utente
Attività utente


«Una vita in vacanza», cantava lo Stato Sociale solo qualche anno fa. Per Carlo Farina, 30 anni, napoletano, è presto fatto. La sua è una trovata geniale: aprire la sua sdraio in piena via del Corso a Roma,per chiedere l'elemosina, con un cartello in mano con scritto: «Pay me for do nothing», ovvero «Pagami per non fare nulla».

«Una generazione di "sdraiati" quella di Carlo», dicono in molti. E così lui si è sdraiato davvero. A scoprire questa storia è stato Roma Today.



Roma, pagato per non fare niente: chi è Carlo Farina, il ragazzo che  guadagna fino a 80 euro al giorno















liliana Oggetto: Angeli guerrieri della terra dei fuochi  22 Gen, 2021 - 13:26  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7562
Attività utente
Attività utente

Lettere al direttore: gli Angeli custodi


Un articolo interessante



La terra dei fuochi è una realtà di cui si è sempre parlato poco, a maggior ragione in un periodo come questo di incertezze e emergenze sanitarie, educative, sociali.

La lotta di questi giorni, non si svolge solo sul piano sanitario, ma anche attraverso una corsa contro la povertà, in aiuto di famiglie fragili, che hanno bisogno oggi ancora di più aiuto.

La terra dei fuochi continua ad esistere,ha continuato negli anni a mietere vittime innocenti, che occupano quando va bene, un angolino nella cronaca e poi basta.

Angeli Guerrieri della Terra dei Fuochi” ha continuato a sostenere a distanza le famiglie, anche in questi mesi così lunghi e duri. È ancora più pesante la pandemia per chi deve affrontare ogni giorno la lotta contro un mostro.

L’Associazione è vicina ai piccoli malati e ai genitori, accompagnandoli lungo complessi protocolli, accogliendo i bambini nella ludoteca e offrendo sostegno psicologico con gli sportelli di ascolto.

Per partecipare alla lotteria di Natale, una delle tante iniziative con le quali l’associazione realizza i suoi progetti, basta inviare un bonifico con IBAN: IT07G0311139810000000003317 - Angeli guerrieri causale lotteria solidale, seguito da un whatsapp con la ricevuta al 3401298149.

Siamo frutto di un miracolo che non avvenne, eppure siamo un miracolo che ogni giorno si compie e si rinnova.Ed è quanto scrivono in un post, i soci fondatori dell’Associazione (genitori di bambini volati in cielo) .

Un miracolo di cui non esistono foto che tengano, di cui non ci sono nomi da raccontare, per rispetto della privacy delle persone a cui porgiamo la mano. Siamo il segno tangibile della resurrezione:

non dei nostri figli che non sono morti mai, ma della nostra e delle nostre anime. La nostra speranza morì imprigionata nell’ ultimo battito di cuore delle nostre amate creature, per rinascere a vita nuova, in ogni singolo battito di cuore dei figli della nostra terra e, nell’attesa di una loro guarigione. Ogni bimbo ha il diritto a diventare grande,ai nostri non fu concesso, divennero angeli.... Angeli guerrieri, di cui noi quaggiù,indegnamente ne cantiamo le gesta e ne imitiamo il coraggio.



Giovanna Angelino




Corriere di San Nicola

assodipicche Oggetto: Due pesi e due misure  21 Gen, 2021 - 18:56  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6088
Attività utente
Attività utente

Come mai non vedo nessun indignatissimo "Vergogna!" per il fatto che nella popolarissima tramissione " Uno mattina" (Rai Servizio pubblico!) l'illustre Alan Friedman, opinionista, economista, scrittore, imprenditore, intrallazzatore, ha definito "escort" la signora Trump? Tra i sorrisetti dei presenti, che poi però -per carità!-si sono dissociati, non sia mai!

Le Boldrini, le Littizzetto e tutte le ierofantesse del femminismo di sinistra coraggiosamente tacciono? E Friedman.....invidia per Melania paragonata alla moglie?

A proposito.....lo sapete che il signorino possiede una megavilla del '500 in Toscana (750 metri quadri + 200 della dependance), a Pieve di Compito, che tempo fa voleva vendere per 25 milioni di euro? Allora cercò persino di pubblicizzarla, sfruttando le sue conoscenze nei media, facendo circolare la notizia che la villa avrebbe ospitato William e Kate.
È davvero difficile capire come mai lui ci tratti a pesci in faccia e noi stiamo ad ascoltare le sue baggianate! Inguaribile masochismo?

assodipicche Oggetto:   20 Gen, 2021 - 12:01  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6088
Attività utente
Attività utente

Mah.....sul fatto che queste esercitazioni illuminino la mente a amplino il sapere (!) ho i miei dubbi. Ma quello che m' intriga e mi preoccupa è: l'ha poi trovato il portafoglio?

Patrizia51 Oggetto:   20 Gen, 2021 - 11:20  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4982
Attività utente
Attività utente

Grande Umberto Eco, è veramente una delizia leggere certi articoli .....

Oggi le "parolacce" non fanno più scalpore, è tutto un turpiloquio a tutti i livelli e in tutte le occasioni, anche quando non sarebbe proprio necessario, ma leggere questi esercizi di retorica illumina la mente e amplia il sapere.



Umberto Eco - Come dire parolacce in società

Vedo nel nuovo romanzo di Kurt Vonnegut (Hocus pocus, Bompiani) che il protagonista decide di non usare parolacce e si limita a espressioni che (nella traduzione di Pier Francesco Paolini) suonano come: "che pezzo di escremento!", "che testa di pene!", "siamo in una bella casa di tolleranza!" L'invito giunge opportuno in un momento in cui i giornali registrano, da parte degli uomini politici, insulti da carrettiere, e sui teleschermi si affacciano signori distinti che si appellano a vicenda con riferimenti espliciti a parti del corpo solitamente coperte da biancheria detta, appunto, intima.
È vero che in questa stessa rubrica io avevo tempo fa rivendicato il diritto di usare la parola stronzo in certe occasioni in cui occorre esprimere il massimo sdegno. Ma l'utilità della parolaccia è appunto data dalla sua eccezionalità. Usare parolacce troppo sovente sarebbe come riscrivere l'intero Signor Bruschino facendo battere soltanto gli archetti contro i leggii, mentre gli altri strumenti tacciono. Mussolini, in un momento tragico della storia d'Italia, disse in parlamento che avrebbe potuto fare di quell'aula sorda e grigia un bivacco per i suoi manipoli, e la frase suonò drammaticamente minacciosa. Se avesse detto (e tale era il senso della sua dichiarazione) "brutte facce di merda, avrei potuto mettervela in culo come niente," o l'avrebbero trattato come un buffo, o si sarebbero accorti che il condizionale era fuori luogo, perché l'evento si era già verificato.
Si è perduta quell'arte dell'ingiuria celebrata da Borges ("Signore, vostra moglie, col pretesto di tenere un bordello, vende stoffe di contrabbando!"), e pazienza. Ma almeno si dovrebbe ritrovare un'arte della perifrasi. Ed ecco perché, a uso dei protagonisti della politica e dello spettacolo, seguono alcune espressioni indubbiamente eleganti e forbite, sotto il velame della cui elaborata stranezza gli esperti potranno riconoscere l'espressione originaria, ben più volgare e consueta, che esse celano, senza peraltro eliminarne la forza perlocutoria.
"Taccia, Lei, il cui viso avrebbe potuto essere definito da un noto maresciallo dell'Impero nelle ultime ore della battaglia di Waterloo!" "Ella ha una scatola cranica che più che alla speculazione sarebbe atta alla riproduzione." "La invito a recarsi là dove potrebbe opportunamente qualificarsi come partner passivo di un rapporto tra maschi adulti consenzienti!" "La smetta, o segmento fusiforme del prodotto finale di un complesso processo metabolico!" "Il tale, nel suo giorno natale, era unito da cordone ombelicale a una signora che aveva saputo condurre la poliandria a manifestazioni quasi frenetiche."
"Verga sicula, che gran bella porzione di ghiandole di Bartolino e tube di Falloppio!" "Quello? Dalla paura è pronto a secernere preterintenzionalmente, e senza aver prima abbandonato i propri abiti, cellulosa, cheratina, residui biliari, muco, cellule epiteliali desquamate, leucociti e batteri assortiti!" "Gustavo è solo un cinquanta per cento di deliquio dei sensi ottenuto manualmente." "Silenzio, non imitate un luogo in cui si faccia mercimonio di grazie della seconda metà del cielo!" "Indigenza scrofa, l'ho ricevuta in vaso indebito!" "La prego, non mi deteriori quelli che l'etimologia latina vuole quali testimoni!" "Come dice Dante, usava la parte terminale dell'intestino retto come strumento per segnalazioni militari." "Ragazzí, che operazione serramentaria!"

"La baronessa? Ma si dedica alla raccolta e accumulazione di gettoni che testimoniano della sua operosità e a fronte dei quali riceverà un corrispettivo in denaro allo scadere della seconda settimana di attività!" "Guardi, io di Lei e della sua opinione sottopongo a ripetute succussioni l'unica borsa in pelle fornitami da natura, con tutto ciò che essa contiene!" "Ma la smetta di adularmi! Lei è un soggetto le cui papille gustative hanno perduto ogni dimestichezza con il cibo prima che esso abbia subito tutte le trasformazioni a cui viene sottoposto dal nostro organismo onde far fronte alla curva generale dell'entropia!" "Se non la smette sono disposto a interfacciare la parte inferiore delle mie Timberland con la sua zona perineale, imprimendo all'intero suo corpo una forza propulsiva atta a farle percorrere un ampio tragitto senza che Ella debba ricorrere ai consueti mezzi di deambulazione!" "Ha tutta la mia riprovazione, o persona la cui parte posteriore inferiore del tronco necessiterebbe di un intervento plastico a fini di restauro!" "Organo esterno dell'apparato genito-urinario maschile a forma di appendice cilindrica inserita nella parte anteriore del perineo! Ho perso il portafoglio!"



La bustina di Minerva (Milano, Bompiani 2000).

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
liliana Oggetto: Musica e sogni  19 Gen, 2021 - 17:31  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7562
Attività utente
Attività utente

Dormire con un solo emisfero, lo fanno anche gli uomini



La musica concilia il sonno, ma c'è anche il contrario

La sveglia del mattino è un trauma?

Una app vi dice a che ora andare a letto

Ci si sente assonnati, storditi, più stanchi di quando si era andati a dormire. La sveglia per molti è uno dei momenti più difficili della giornata. Il problema non è solo legato a quante ore si dorme, ma anche a che ora si va a dormire: una "app" aiuta a calcolare il momento giusto per andare a letto ed evitare risvegli traumatici.



Si chiama "sleepyti.me" ed è un calcolatore online che aiuta a trovare l’ora giusta per andare a dormire, senza interrompere i «cicli» del sonno e quindi svegliarsi all’orario desiderato più in forma che mai, freschi.



Impostare il calcolatore è semplice: basta decidere a quale ora ci si vuole svegliare e il software calcolerà gli orari giusti in cui ci si deve addormentare. Il calcolatore è disponibile anche per gli smartphone, scaricando l’applicazione da iTunes o Google Play.



Buon sonno a tutti ma sopratutto felice risveglio



L.M.










assodipicche Oggetto:   18 Gen, 2021 - 16:11  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6088
Attività utente
Attività utente

E questo è un arrangiamento della canzone in un raro video indiano made in Bollywood, ma se vuoi puoi trovare anche quello ben più noto di Connie Francis (Never on Sunday):



youtu.be/y4Rv8q9LH1c




assodipicche Oggetto:   18 Gen, 2021 - 15:43  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6088
Attività utente
Attività utente

Ovviamente io mi sono riferito a qualcosa che avevo letto. Ti allego un link che ne parla.

Il nome dell'autore, come accade spesso nelle traslitterazioni dal greco, può essere scritto in modo leggermente diverso, ma è sempre lui. Troverai il testo originale della canzone nella nota. In pratica, se ho capito bene, è lui, l'autore, che va al porto in cerca di baldi marinai.

Ecco il link:


muromaestro.wordpress.com/2018/05/26/yannis-tsarouchis-i-ragazzi-del-pireo-o-dellamore-greco/


Ultima modifica di assodipicche il 18 Gen, 2021 - 17:41, modificato 1 volta in totale
assodipicche Oggetto:   18 Gen, 2021 - 15:38  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6088
Attività utente
Attività utente

Funziona sempre peggio


Ultima modifica di assodipicche il 18 Gen, 2021 - 15:45, modificato 2 volte in totale
Patrizia51 Oggetto:   17 Gen, 2021 - 17:47  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4982
Attività utente
Attività utente

Veramente molto bella questa canzone e l'interpretazione di Melina Mercuri molto coinvolgente ... Che dire... io nel 1960 avevo 9 anni, pensavo a tutt'altro, e devo dire che il film Mai di domenica non l'ho mai visto (ma lo cercherò e provvederò, perchè mi ha intrigato molto). Ho cercato un po' in rete e ho visto che il film è la storia di una prostituta che la domenica esce con i suoi clienti, ma mai per lavoro (da qui Mai di domenica....), ma non ho trovato nessuna allusione alla omosessualità maschile, come non l'ho trovata nelle parole della canzone (questo il link con la traduzione in italiano); che cosa non ho capito?

Il film fu presentato in concorso al 13º Festival di Cannes e valse alla sua protagonista Melina Mercurī il premio per la migliore interpretazione femminile e nel 1961ottenne l'Oscar per la migliore canzone.



Ho letto fra l'altro alcune curiosità riguardo la censura dell'epoca (da Wikipedia):

"Mai di domenica, che uscì nei cinema italiani nel 1959, fu revisionato dalla Commissione per la revisione cinematografica del Ministero per i beni e le attività culturali con le seguenti disposizioni:

- che fossero modificate le battute dette dai marinai dell'incrociatore alla prostituta nel mercanteggiare il prezzo della prestazione;

- che fosse eliminata la scena nella quale il marinaio e la prostituta sono nudi nella stanza, inquadrati nella parte superiore del corpo, mentre conversano seduti sul letto;

- che fosse ridotta la scena della doccia del protagonista che conversa con la prostituta e particolarmente quando questi toglie alla donna l'asciugamano che le copre i seni e successivamente l'amplesso.




La canzone è stata interpretata anche in italiano da Dalida con il titolo Uno a te uno a me.



_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
moniaxa Oggetto: Re: Mai di Domenica  17 Gen, 2021 - 13:03  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4908
Attività utente
Attività utente

assodipicche ha scritto:

…𝗘𝗻𝗮 𝗸𝗮𝗶 𝗱𝘂𝗼 𝗸𝗮𝗶 𝘁𝗿𝗶𝗮 𝗸𝗮𝗶 𝘁𝗲𝘀𝘀𝗲𝗿𝗮 𝗽𝗲𝗱𝗶à...


<><><>

Vedo in giro nei gruppi facebook mattinieri bongiornisti che augurano Buona Domenica. È vero, oggi e domenica! 17 gennaio 2021! Eggià, metti insieme la vecchiaia, il covid, e il freddo che ti aggredisce appena metti il naso fuori della porta e avrai il quadro completo dell’isolamento, che ti fa perdere anche la nozione del tempo.

Metto il timer del termostato sul continuo e scrivo quello che mi passa per la testa.


Domenica….mi viene in mente il film “Mai di Domenica”….che anno era? Il 1960, Melina Mercuri vinceva a Cannes. E io dov’ero? Bighellonavo, alla fine dell’anno avrei iniziato a lavorare, ma a gennaio non lo sapevo! E che possiamo ricordare del 1960? Beh, non ci crederete, ma la lira vinceva l’Oscar della moneta per l’affidabilità che i banchieri le riconoscevano. E l’avrebbe rivinto nel 1964. Era anche l’anno in cui J.F. Kennedy diventava presidente. Ed era l’anno della Dolce Vita di Fellini, che scatenava le ire del Vaticano che chiedeva a gran voce l’applicazione della censura; oggi sembra un film per novizie! Tempus fugit, scappa, corre, come Forrest Gump, non si ferma mai. E tutto cambia!


Ma torniamo a Mai di Domenica! Chi non ha sentito, almeno una volta, il motivo del film, “I ragazzi del Pireo”! Riascoltiamolo nella versione originale cantata da Melina Mercuri, una donna quindi (e che donna!), che si trova a cantare una canzone di chiare allusioni omosessuali maschili (l’autore, Manos Hatzidakis lo era) perché quella non era un’epoca “aperta” come quella odierna. E, del resto, la lingua greca era incomprensibile per tutti, tranne che per i Greci, ovviamente!😉



youtu.be/YCFXGanTx4A





........e ovviamente il '''SIRTAKI''' buoba domenicaASSO
assodipicche Oggetto: Mai di Domenica  17 Gen, 2021 - 11:34  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6088
Attività utente
Attività utente

…𝗘𝗻𝗮 𝗸𝗮𝗶 𝗱𝘂𝗼 𝗸𝗮𝗶 𝘁𝗿𝗶𝗮 𝗸𝗮𝗶 𝘁𝗲𝘀𝘀𝗲𝗿𝗮 𝗽𝗲𝗱𝗶à...


<><><>

Vedo in giro nei gruppi facebook mattinieri bongiornisti che augurano Buona Domenica. È vero, oggi e domenica! 17 gennaio 2021! Eggià, metti insieme la vecchiaia, il covid, e il freddo che ti aggredisce appena metti il naso fuori della porta e avrai il quadro completo dell’isolamento, che ti fa perdere anche la nozione del tempo.

Metto il timer del termostato sul continuo e scrivo quello che mi passa per la testa.


Domenica….mi viene in mente il film “Mai di Domenica”….che anno era? Il 1960, Melina Mercuri vinceva a Cannes. E io dov’ero? Bighellonavo, alla fine dell’anno avrei iniziato a lavorare, ma a gennaio non lo sapevo! E che possiamo ricordare del 1960? Beh, non ci crederete, ma la lira vinceva l’Oscar della moneta per l’affidabilità che i banchieri le riconoscevano. E l’avrebbe rivinto nel 1964. Era anche l’anno in cui J.F. Kennedy diventava presidente. Ed era l’anno della Dolce Vita di Fellini, che scatenava le ire del Vaticano che chiedeva a gran voce l’applicazione della censura; oggi sembra un film per novizie! Tempus fugit, scappa, corre, come Forrest Gump, non si ferma mai. E tutto cambia!


Ma torniamo a Mai di Domenica! Chi non ha sentito, almeno una volta, il motivo del film, “I ragazzi del Pireo”! Riascoltiamolo nella versione originale cantata da Melina Mercuri, una donna quindi (e che donna!), che si trova a cantare una canzone di chiare allusioni omosessuali maschili (l’autore, Manos Hatzidakis lo era) perché quella non era un’epoca “aperta” come quella odierna. E, del resto, la lingua greca era incomprensibile per tutti, tranne che per i Greci, ovviamente!😉



youtu.be/YCFXGanTx4A



liliana Oggetto:   15 Gen, 2021 - 09:28  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7562
Attività utente
Attività utente




liliana Oggetto: Per alvare il mondo  13 Gen, 2021 - 11:28  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7562
Attività utente
Attività utente

ᐈ Di mani a forma di cuore immagini di stock, disegni cuore mani | scarica  su Depositphotos®


Ci sono piccoli gesti in grado di salvare il mondo.Possono davvero salvare tutto il mondo? In parte.Ed è abbastanza per risollevare, anche solo per un attimo, le sorti di una vita che ora più che mai, mostra tutta la sua fragilità.



Buona vita a tutti

L.M.

assodipicche Oggetto:   07 Gen, 2021 - 15:59  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6088
Attività utente
Attività utente

Ciao Moniaxa!
Eh..ormai il sito Anziani è alla deriva. Quel mio post su "I soliti anziani", l'ho dovuto infatti dimezzare, perché non sono riuscito ad incollare la parte finale che tirava in ballo la nota parabola del banchetto di nozze, al quale un tizio aveva invitato delle persone ragguardevoli che però avevano rifiutato con varie scuse. E lui ordina ai servi di andare in giro a raccattare ospiti, affermando che mai più avrebbero avuto la sua cena coloro che avevano rifiutato l'invito. E concludevo dicendo che la Rai avrebbe dovuto fare allo stesso modo.
Quella trasmissione non è male e Amadeus se la cava bene. Io ce l'ho con quegli artisti un po' più giovani (diciamo!) che, invitati, hanno rifiutato perché hanno schifato i 500 euro di gettone. Per cui la Rai ha dovuto accontentarsi di persone assolutamente rispettabili ma non adatte.

Quanto al "nostro" sito, ritengo sia in via di estinzione, abbandonato a se stesso. La proprietà ormai starà pensando: vabbeh, lasciamoglielo a sti quattro vecchietti che ancora si ostinano, tanto...quanto potranno durare, magari con un aiutino da parte del Covid.

Ti saluto.

moniaxa Oggetto: Re: Siamo nel 2021....vedremo!  07 Gen, 2021 - 12:56  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4908
Attività utente
Attività utente

assodipicche ha scritto:

Certo che dobbiamo sperare! E collaborare perché la speranza si avveri (facendoci vaccinare senza storie, ad esempio!).

Quindi....Buon Anno anche a te, Sticla, e a tutti quei "fantasmi vaganti" che entrano numerosi a leggere, ma non ricambiano mai!


............................................................................................................................................................................................................



volevo condividere,quanto postato sull'argomento TV, ma non mi e' stato permesso, come

d'altronde diversi agormenti,,sara'colpa del mio pc?

vero, caso,GIUCA, o altri concorrenti, ma devo dire che ci vuole molta pazienza,

alcuni lo sono a ''prova''

del binoccolone,ne vogliamo parlare?Da condire in tutte le salse

comunque a mio avviso, poche sono le trasmissioni che si salvano.. e'stata carina



''the voice senior''.forse perche' nostalgica



Con la speranza che ilbuon DIO ci dia l'aiuto per affrontare questo brutto periodo

auguro buona giornata a tutti














assodipicche Oggetto: Siamo nel 2021....vedremo!  01 Gen, 2021 - 17:50  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6088
Attività utente
Attività utente

Certo che dobbiamo sperare! E collaborare perché la speranza si avveri (facendoci vaccinare senza storie, ad esempio!).
Quindi....Buon Anno anche a te, Sticla, e a tutti quei "fantasmi vaganti" che entrano numerosi a leggere, ma non ricambiano mai!

Sticla Oggetto: l'anno che verrà  01 Gen, 2021 - 08:52  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 1437
Attività utente
Attività utente

Buon anno Asso, sull'anno passato condivido...noi italiani diamo sempre la colpa a qualcun altro, è così comodo! Sperare non costa nulla, e noi speriamo...



assodipicche Oggetto: Il 2020 se ne va  31 Dic, 2020 - 18:24  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6088
Attività utente
Attività utente

Se io fossi il 2020, confesso che sarei alquanto amareggiato. Novello Calimero, mi sentirei maltrattato perché nero. Penserei: ma io che colpa ne ho?! I politici ve li siete scelti voi; il Covid forse no ma forse pure; altri guai sono dipesi dalla vostra incuria, altri dal caso, col quale io niente ho a che fare.
In fondo io che sono: una parentesi nel tempo, voi m’avete inventato; mi esponete con una serie di numeri e di santi su dei fogli appesi al muro, che io manco ci vorrei stare, nei luoghi più impensati, scribacchiato, con le note della spesa e le scadenze delle tasse. E adesso mi trovo oltraggiato e vilipeso senza aver fatto nulla, vittima di un giudizio senza appello.
Vabbeh, pazienza! Ma lasciate ch’io metta in guardia il mio collega entrante, che tutto giulivo si fa prendere dall’euforia per i botti che ne salutano l’arrivo! Stai attento, che questa è gente subdola, anche a me hanno fatto la stessa cosa. E che promesse! D’essere più buoni, d’essere altruisti, di voler aiutare i bambini africani, di fare bene la raccolta differenziata, di non evadere le tasse e tante altri splendidi proponimenti che non ti sto a dire, troppo lunga è la lista, dall’economia alla politica, dalla scuola alla salute. E poi…ecco come va a finire.
Perciò segui il mio consiglio, guardati le spalle. Anche se parti …vaccinante, ricordati che la gente è ingrata, promette e non mantiene, ti sviolina e poi ti accusa, non dirà mai: ma che bell’anno è stato questo qua. E allora….ti faccio tanti auguri. Quando fra un anno te ne andrai in pensione fa in modo che dicano di te: beh vabbeh, è vero che non ci voleva assai, ma alla fine, meglio di quell’altro un po’ lo è stato!
Auguri!
Patrizia51 Oggetto:   31 Dic, 2020 - 16:45  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4982
Attività utente
Attività utente

Ultimo giorno dell'anno.... finito anche il 2020, l'annus horribilis.... !!!!!!

Tempo di bilanci? Mah.... In definitiva, il passaggio dall'ultimo giorno dell'anno al primo giorno dell'anno nuovo è né più né meno come il passaggio da un giorno qualsiasi ad un altro, ci giriamo tanto intorno, ma domani, dopodomani e tutti gli altri giorni a venire faremo le stesse cose che abbiamo fatto oggi, ieri....dunque ... cambia niente....
Tutti lì a dire: "rifletti, guardati intorno, rallenta, ricorda, rielabora", "fare le riflessioni di fine anno ti permette di raddrizzare il timone e puntarlo sulla direzione desiderata", "cerca di capire dove sei adesso e di stabilire dove vuoi andare"... ma che vuoi rielaborare, decidere, stabilire... la vita decide da sé...

Quest'anno è stato davvero impegnativo e ha avuto periodi molto difficili, anche a livello personale: purtroppo te li ritrovi lì, senza esserteli cercati, a volte come un regalo del destino, a volte per le scelte di altri che devi forzatamente accettare e cercare di gestire in modo che lascino in giro meno dolore possibile, ma non sempre ci riesci perché l'età non aiuta e le energie esulano dalla buona volontà, che pure non manca… Con l'età, si sa, diventiamo emotivamente molto più fragili e convivere con le sofferenze nostre e degli altri non è sempre facile: ti dà un senso di impotenza che spesso ti porti dietro, anzi dentro, per giorni e giorni, e pensi: "Quando finirà?"

Ma ci sono stati anche momenti sereni, belli, momenti che ti ricaricano e ti riconciliano col mondo, piccoli momenti che ti fanno capire quanto ancora vale la tua presenza, una tua parola, un tuo abbraccio, ma anche momenti importanti nei quali hai la percezione netta di quanto chi hai intorno sia la cosa più importante che c'è, l'unica cosa che conta, e quanto queste persone siano necessarie, oltre che insostituibili, per la "sopravvivenza". Vi amo tutti per quello che siete!
E il prossimo anno come sarà? Le speranze sono sicuramente per un tempo migliore, anche se sarà comunque n salita …. avremo un anno in più.... e sono già tanti...ci saremo ancora il prossimo 31 dicembre?

Possiamo forse prevedere, organizzare, decidere, cambiare qualcosa? Assolutamente no, e allora andiamo avanti così, con quello che la vita ci offre, nel bene e nel male, consapevoli che la maggior parte del tempo l'abbiamo vissuto e fiduciosi che quello che abbiamo ancora da vivere sarà sempre e comunque il nostro tempo, un tempo da usare e da offrire....

Che fare, dunque, di questo ultimo giorno dell'anno? Festeggiarlo? Ma sì, dai, siamo qui, e questo mi sembra che sia già un bel risultato… Festeggiamo, allora, e brindiamo a questo nuovo anno, a questo esserci, a questa vita che ci ha regalato ancora tempo, a queste persone che abbiamo vicino, a cui vogliamo bene e che ci vogliono bene, a questa "presenza" mentale, a questa salute (un po' sì e un po' no, ma se ci guardiamo intorno vediamo di peggio - no? - per cui...) che bene o male continua a sostenerci e a permetterci di muoverci e partecipare, a questa condizione economica e sociale che ci tiene vivi, a tutto questo amore che continua a girarci intorno e ogni tanto ancora a farci battere il cuore di meraviglia....

Abbiamo (ho) acquisito la certezza che solo con il passare degli anni, solo ad una certa età si comincia a vedere chiaro chi siamo, cosa vogliamo e cosa siamo disposti a concedere, solo allora emerge una tranquillità interiore che ci permette di relazionaci meglio con il mondo: non si sente più la necessità di dimostrare nulla a nessuno, anche se dimostrare chi siamo a volte diventa necessario per far capire agli altri dove possono arrivare, senza oltrepassare i limiti, perché chi non è in grado di impostare questi limiti sta involontariamente concedendo agli altri il diritto di sorpassarli…

Buon anno di consapevolezza, dunque...

Iniziamo questo anno allora proprio con la consapevolezza che domani è il primo giorno di un anno tutto nuovo che ci è dato vivere, un anno che nessuno ha ancora vissuto e che sarà tutto da scoprire, un anno in cui riporre le nostre speranze e i nostri desideri, un anno in cui potremo dare valore ad ogni attimo, un anno in cui potremo recuperare un po' di gioia....


BUON ANNO a tutti.... e.... buona vita!





_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Nuova discussione   Rispondi Vai a pagina  
1
          ...             
ANZIANI.IT
Via del Poggio Laurentino 2
00144 Roma (RM)
P.Iva: 05121921000
DATA PROTECTION OFFICER

E' possibile contattare in qualsiasi momento questa email dpo@final.it per richiedere l'anonimizzazione o rimozione completa dei propri dati dalla piattaforma secondo la General Data Protection Regulation (GDPR).

INFORMAZIONI LEGALI