Vai a pagina  
1
          ...             
  I Forum di Anziani.it  Quattro chiacchiere tra noi..  Nuova scuola della lingua napoletana
Nuova discussione   Rispondi
soldatini Oggetto: Figli illustri di Napoli  21 Nov, 2017 - 14:01  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7804
Attività utente
Attività utente









Senza la sua storia e la sua cultura Napoli non sarebbe quella città così peculiare, così unica da poter essere riconosciuta in un singolo scorcio, in un oggetto, una parola, un rito scaramantico, un’immagine; senza la sua cultura e la sua storia Napoli non sarebbe Napoli, ma storia e cultura sono fatte da donne e uomini che esistono e sono esistiti grazie a Napoli e per fare Napoli. Questa città, infatti, ha con i suoi figli un rapporto speciale, in cui entrambi si plasmano a vicenda e in modo da costituire un legame insolvibile, un tutt’uno – così Napoli non è semplicemente vicoli, strade, palazzi, piazze, mare, ma è tutto ciò insieme alle persone che vivendola le dànno vita; Napoli è commistione di pietra e carne, di colli e passi, di mare e spiriti, di Sole e di voci – un rapporto d’amore, ideale e passionale, un amore che come tutti quelli in cui sono coinvolte le viscere non è estraneo da tormenti e burrasche.

soldatini Oggetto: Bona Jurnata  20 Nov, 2017 - 12:44  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7804
Attività utente
Attività utente

a tutta a scola Napulitana. Bella poesia e commovente storia Puffe'. Mo e' poveri ce ne stanno assai e penso ca adda' essere assai difficile tira' fora' a mano pe' chiedere l'elemosina chi nun l'a' mai chiesta. Io veco spesso ca mettono 'o piattino , anche pecchhe' nun tenono o curaggio e' parla'. Spisso a gente passa 'ndifferente e nu rivolge nemmeno nu sguardo a sta povera gente, forse pecche' c'e' sta o povero vero, chillo ca se piglia scuorno? e ce sta' chi invece sfrutta a situazione ? magari dice che e' cecato o surdo o struppiato, ma semp' pover' cristi song. Nun saccio pecche' me so ricordato do ' CRISTO NAPULITANo e Luciano Somma



CRISTO NAPULITANO


Ce site state maje
dint'a nu vascio
sgrarrupato e viecchio
scavato dint''e pprete
addò l'ummedità trase 'int'all'osse?
Ce site state maje
dint'a nu vascio?
Na tavula tarlata
cu' quatto segge 'e paglia
na branda militare
n'armadio rusecato
e 'a famma tanta famma
patuta juorno pe' ghiuorno,
pe' quanno po' durà nu calannario
accuminciata già quanno se nasce
sufferta e ogne mumento 'e stu calvario.
Cristo che campa
senza cchiù Dio
stanco d''a vita
stanco d''a morte
stanco...
Sempe accussì
'a primma 'e Masaniello,
l'unica nuvità
è na televisione
che fa vedè ricchezze scanusciute
case, cummedità, magnà, visone...
Ce site state maje
dint'a nu vascio?
Guagliune annure, femmene ammusciate,
puzza d'ummedità, tanfo 'e sudore,
nu pizzeco 'int''o core, nu squallore.
Chest'è ancor'ogge Napule,
'o mare, 'o sole, 'a vita assaie luntano
e 'a croce ch'è pesante
p''o Cristo senza Dio Napulitano.




puffetta Oggetto:   20 Nov, 2017 - 08:36  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2824
Attività utente
Attività utente

Buona giornata e buon inizio settimana

O cieco di
ANGELO MANNA (1935 - 2001)
Giornalista Deputato al Parlamento Storico Poeta
.
I due sonetti sono dedicati al popolare cieco che negli anni Cinquanta suonava la fisarmonica con una mano sola e cantava, a mezza voce e con una vena di immensa tristezza, spesso dinanzi alla chiesa di San Gregorio Armeno, a volte sugli scalini del Gesù Nuovo. Lo conoscevamo tutti noi che andavamo a scuola al Vittorio Emanuele, al Genovesi, alla Pimentel Fonseca, al Salvator Rosa, al Diaz, e gli volevamo un gran bene. Che fine facesse e quando, quel cieco, non l’abbiamo mai saputo. Di lui non dimenticheremo mai “ ’a chiammata”, la voce “Fate bene ô povero cieco”, e la grande dignità con la quale, povero cieco, si sforzava di tenere a freno l’immensa sofferenza.
Pozza stà dint’ â gloria d’ ’o Paraviso.
.
’O cieco
I.
Preddonate si nun ve guardo nfaccia ...
nun pe nniente, so’ ’o cieco ’e Sant’ Aspreno,
e si na meza mana nun ’a caccio,
è ca stu cieco manco chella tene ...
.
Ncartato a state e a vvierno int’ ê ppetacce, ¹
faccio ’o pezzente ² a San Gregorio Armeno ...
ccà dormo, ccà me sceto ... ccà mm’ ’a faccio,
’a Crocia mia nchiuvato ccà me tene ...³
.
Nu scanno, nu piattino ... e cchesta è ’a scena ...
e, ccerto, nun pe vvuto o pe capriccio
... in Albania ... scurtàvamo nu treno ...
.
Buh ! na granata ! ... e sso’ ll’ommo a ppusticcio ⁴
che vale quanto chi nce vò fà bbene
nterra nce fa sunà nu sòrdo ’e spiccio ...⁵
.
II.
Si è dint’ a ll’uocchie che sta ’e casa ’o scuórno,
chi perde ’a vista perde pure ’a faccia ...⁶
Ogge, dimane ... e vvène ... vène ’o juórno
ch’ ’a mana ’a stenne, e allonga pure ’o vraccio,
.
e va cammenianno tuórno tuórno,
e pure ’a voce, ca nun tene, caccia
pecché CCHIÚ vvoce pozza avé ’o taluórno, ⁷
e MMENO ’a dignità, ca lle rinfaccia
.
ca, cecanno, isso ha perzo sulo ll’uocchie ...
cercanno ’a carità, perde ll’onore ...⁸
ogge, dimane ... e ss’ ’e spezza ’e denócchie ...
.
Ma quanno ’o sòrdo arriva, e ffa rummore,
p’ ’o pezzente è ’a campata ca s’accócchia ...
p’ ’o cecato è nu schizzeco d’Ammore. ⁹
soldatini Oggetto: Na bona fine e semmana  18 Nov, 2017 - 11:35  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7804
Attività utente
Attività utente



Image



FIGLIA ‘E DONNA ROSA

Comme le piace ‘e se tenè purposa,
Carmelina, ‘a figlia ‘e donna Rosa.
Quanno cammina tutta se quartea
l’uommene ‘a guardeno, essa se recrea.

Quanno se ferma, ‘mposta 'o pietto ‘nnanze
‘mpuntata ‘mmiez’a via, senza crianza
‘nu giovane 'a guarde e tira ‘nu suspiro:
“cademe ‘mbraccia ojnè comm’a 'nu piro!”

‘Na sera camminava p’’o quartiere
facette sospirà puro 'o spazzine:
“quanto si bella, Carmelina mia,
pe’ nu sorriso tujo, che faciarria!”

P’avè ‘nu vaso a te, bella Carmela,
attraversarria 'o mare senza vela
e po’ venesse ‘ncopp’ 'add ‘onna Rosa:
“Signò, Carmela vostra la mia sposa!”

Io esse pur’America pe’ terra
a costo e fa venì ancora ‘na guerra;
e mentre cammenasse ‘ncopp’o mare
allegro cantarria: 'Ti voglio amare!


Ma Carmelina a chesto nun ce penza
e' ‘na guagliona e non tene coscienza
perciò quanno cammina se quartea,
si n’ommo 'a guarda tutta se recrea!.

Reno Bromuro Napoli 3 aprile 1946

soldatini Oggetto: Bona Jurnata a tutta a scola napulitana  17 Nov, 2017 - 12:56  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7804
Attività utente
Attività utente

Meglio accussi' Puffe', cmq guarisce 'ampress'. Tanto pe' cambia nuje simmo ancora flaggellati da pioggia. Pacienza comme diceva Eduardo adda' passa' a nuttata.
Na nutizia interessante :
Il 21 Novembre 2017 ritorna come ogni anno la tanto attesa “Festa dell’Albero” L’iniziativa rientra nell’ambito più generale della Giornata Nazionale degli Alberi promossa dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare e dal Ministero della Istruzione per rimboschire alcune zone protette e devastate dagli incendi. TRa le zone individuate c'e' il Parco Nazionale del Vesuvio.
All'niziatia parteciperanno oltre alle istituzioni anche le scuole, i ragazzi potranno porre a dimora piantine nelle aree forestali e anche nei propri istituti.





Sperammo ca i piromani se passassero a mano pa' cuscienza.

puffetta Oggetto:   17 Nov, 2017 - 08:47  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2824
Attività utente
Attività utente

Buona giornata e buon fine settimana grz Soldatì no nn sono ammalata ma neppure guarita Qua sole e freddo pungente


Vicino



di Nazario Bruno


M’abbasta, ’o ssaje, ca tu mme staje vicino,
pure senza parlà, sulo c’ ’o sciato,
pe dda’ na forza nôva a ’stu destino,
pe nnun me fa’ sentì cchiù abbandunato ...


Tu staje vicino a mme ... sento ’o respiro ...
ma nun tengo ’o curaggio ’e te guardà;
mme fa paura mo, ca, si mme ggiro,
chisti penziere mieje può andivinà ...


’O ssaccio ca è ssulo n’illusione,
mme pare troppo bello p’ ’o ppenzà,
’a troppo tiempo nun so’ cchiù gguaglione
e ssuonne nun ne pozzo cchiù ssunnà ...


È amaro e ddoce sentere int’ô core
ancora nu sapore ’e ggiuventù,
è amaro e ddoce sentere ch’âmmore
parla ... pure si nun parle tu ...


E stammo zitte, uno vicino a n’ato,
cercanno ’e annasconnere ’e penziere ...
’stu suonno è nu suonno ggià sunnato ...
è nu suonno ch’avimmo fatto ajere ...


Eppure è bbello a tte tené vicino,
che ppace, che dducezza ca mme daje!
Si fosse chisto ll’urdemo cammino
vurria ca nun putesse fernì maje …




soldatini Oggetto: Bona jurnata  16 Nov, 2017 - 12:24  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7804
Attività utente
Attività utente

a tutta a scola napulitana e speranno ca Puffetta nun se ammalata cu st'acqua ca nun fernesce . Ma po' dic' io nun putesse chiovere nu poco a vota. No' tantu tiempo asciutto e po' tutt'na vota acqua acqua acqua e tant' disastri. Ma pensann' nun e' che e' colpa nostra

soldatini Oggetto: Bona jurnata  15 Nov, 2017 - 13:35  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7804
Attività utente
Attività utente

o meglio bon appetito visto che e' ora e magna'. E pecche' oggi nun ce trattammo cu nu bellu timaballo comme e' chisto :



un timballo, fatto con i bucatini e ripieno di carne e sugo, una ricetta nata nell’800 napoletano alla corte dei Borbone, che ancora oggi quando viene portata in tavola, racconta un po’ di quella Napoli.
O cerino ‘e bucatini, è questo il nome del piatto in questione, scelto per la peculiarità della sua presentazione in tavola. Il timballo veniva infatti servito “fiammante”, ovvero con una fiamma centrale che ricordava quasi la testa di un fiammifero detto anche “cerino”, ma anche un po’ la sagoma del Vesuvio fumante. ‘O cerino ‘e bucatini ha una ricetta tanto complessa quanto gustosa, che richiederà attenzione, pazienza e una buona dose di dedizione alla cucina, affinché la riuscita del piatto sia quella desiderata.

Per' nun a' scrivo pecche pure io nun ce song riuscita. Troppo complicata. Vuje gudetevi a figura

puffetta Oggetto:   15 Nov, 2017 - 10:54  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2824
Attività utente
Attività utente

Buona giornata a voi


Doce e amaro



Di Luciano Somma


Nun me dicere niente,
'e vvote è ciento mille vote meglio
restà dint' 'o silenzio,
pe sentì tutt' 'e palpite d' 'o core
'o scorrere d' 'o sango dint' 'e vvene
l'amaro e 'o ddoce tremmulio d' 'o bbene .
Lassale 'sti parole
scritte 'ncopp'a na paggina d' 'o tiempo
ca c'è nemico , e tu sai quanto e comme ,
nun me chiammà pe nomme .
Mo ca tra nuje ,
ce ne stammo accurgenno ,
juorno pe' ghiuorno ,
è addeventata cennere
l'estate
e fa paura
'a maschera 'e ll'autunno !


soldatini Oggetto:   14 Nov, 2017 - 10:49  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7804
Attività utente
Attività utente

Bona jurnata cu l'acqua . Chiove ma comme chiove.


A proposito o populo napoletano ten' semp' 'o parla'culurito in ogni occasion pure quanno chiove


Image


Ciruzzo Caramella, quanno chiove porta 'o 'mbrello quanno chiove fino fino, porta pure 'o bastoncino ~
(Ciruzzo Caramella, quando piove porta l'ombrello, quando pioviggina, porta pure il bastone)

~ Chiove e maletiempo fa: 'a cas' 'e ll' ate nun è bbuono a stà! ~
(Piove ed è maltempo: non è bene stare in casa altrui!)

Chiove dint' 'a terra toja ~
(Ti va tutto bene)


Cielo a pecurelle acqua a ccarraffelle ~
(Cielo a pecorelle acqua a boccette)


~ E' acqua ca nun leva sete ~
(E' acqua che non disseta - una cosa che non da' soddisfazione)

puffetta Oggetto:   14 Nov, 2017 - 08:43  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2824
Attività utente
Attività utente

Buona giornata a voi


So' rose morte...


Gennaro Sansone



Che cosa strana dint' a 'stu ciardino,
mità nuvembre e ancora è chino 'e sciure !
Me pare primmavera ma, 'a vicino,
so' senza addore tutte 'sti culure...


So' sempe belle ma, nun so' cchiù 'e stesse,
so' rose 'autunno, songhe n'ata cosa.
Nasceno e moreno, so' comme 'e prumesse...
So' rose morte, nun so' cchiù addurose .


Cresceno senza forza, addò sta cchiù
chillu prufumo chino 'e fantasia !
Durano quanno dura 'a giuventù,
e guardo e penzo, che malincunia...!


soldatini Oggetto: Bona Jurnata  13 Nov, 2017 - 13:22  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7804
Attività utente
Attività utente

a tutta a scola napulitana e bona semmana. A cumpagnella Puffeta c'e' miso n'antologia e canzoni napulitane. Ja' sape' Puffetta ca proprio iersi sera so' jut' a vede' nu spettacolo e caffe' chantant e cabaret. Tutte macchiette e canzoni napoletane del '900. Oltre a farmi tante risate chelle canzoni struggenti ca sul' chi e' napulitano e luntano a Napule e po' capi', m'hanno fatt'senti' nustalgia da casa mia Avimm' ringrazia' e nostri poeti, comme Salvatore Di Giacomo, Libero Bovio, Ernesto de Curtis ,Vincenzo Russo, Raffaele Viviani. E.A.Mario e tantissimi ancora c' hanno dato a possibilita' 'a tanti artisti e' purtà a canzone napulitana po' munno
C'aggia fa'

puffetta Oggetto:   13 Nov, 2017 - 09:12  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2824
Attività utente
Attività utente

Buona giornata e buon inizio settimana

soldatini Oggetto: Bona serata  11 Nov, 2017 - 15:31  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7804
Attività utente
Attività utente

Image



Quando si pensa ad una public house, normalmente indicata come pub, vengono in mente l’arredamento in legno, la compagnia degli amici, la musica in sottofondo possibilmente dal vivo, dell’ottimo cibo e soprattutto una vasta scelta di birre.

Il Murphy’s Law di Vico Equense contiene in sé tutti questi elementi, declinati però verso il top ed accompagnati da un elemento più unico che raro: una terrazza che si affaccia sul Vesuvio ed il Golfo di Napoli che ne fa, con molta probabilità, il pub
con il panorama più bello del mondo. È aperto anche la domenica a pranzo, quando la straordinaria bellezza della Terra delle Sirene si mostra in tutta la sua luce.

Vale la pena affacciarsi a quwlla terrazza.

puffetta Oggetto:   10 Nov, 2017 - 08:02  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2824
Attività utente
Attività utente

Buona giornata a voi e buon fine settimana brrrrr che friddo 6°


Na scorza ‘e noce



di Giulio Mendozza


Quann’ero piccerillo
na scorza ‘e noce era na varchetella...
cu ll’acqua int’’o vacillo
nu detillo vuttava ‘a scurzetella.


Essa, felice ‘e correre,
girava attuorno attuorno alleramente,
i’ me ne jevo ‘nzuocolo :
ero nu capitano ‘e bastimente…


Quanta felicità
pruvava ‘o core ‘e chillu strappatiello,
ma mo stu rricurdà
è sulo triste pe stu vicchiariello.


>>>><<<<


Spisso ‘a felicità è ‘ndisponente:
bell’è pe cchi s’’a gode
e no pe cchi ‘a ricorda sulamente !


soldatini Oggetto: A tutta a scola napulitana  09 Nov, 2017 - 13:18  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7804
Attività utente
Attività utente







Bona jurnata Puffe' anche si chiove. Ja sape' Puffe' che quanno chiove a Napule nun e' comme quanno chiove e part' toje. Per esempio quannno ven' un' e chill' acquazzoni , te fa dicere :S’è scatenato


o patapate ‘e ll’ acqua!” pecche' se dice accussì forse do rumore ca fa a' pioggia , oppure da un patre e tutte le piogge o dal greco parapatto che significa spargere copiosamente attorno. Piove a dirotto a Napule di dice
chiove a langella.
Po' quanno chiove a zeffunno è
quanno chiove a dirotto.
“Forse è l’autunno ca me mantène sta malincunia: chiove a zeffunno, Ninetta mia…” canta accoratamente l’ Autunno di L. Bovio, sulle patetiche note di cui seppe, nel 1913, rivestirlo Ernesto De Curtis e sembra fargli eco Salvatore Di Giacomo in Lettera malinconica, quando recita : “
T’ aggio ditto ‘a buscìa: chiove a zeffunno…”.

E po' nun ce scurdammo da trubbea ca e' chella pioggia ca ven' all'intrasatta cu lampi e tuoni e te coglie 'mpreparato e te cumbina comme e' Santu Lazzaro. e po' nun ce scurdammo ca sulo a Napule schizzeccheia
ovvero chiove finu finu.
A ogni modo comme chiove chiove a pioggia fa quasi sempr'. bene
puffetta Oggetto:   09 Nov, 2017 - 09:25  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2824
Attività utente
Attività utente

Buona giornata a voi ... e chiove


MADONNA NERA
di Bruno Zapparrata.


Comme si' bella cu sta fila mmiezo
e 'o blu 'e chist'uocchie ca s'appiccia nfronte,
cu ll'aria mesta e c''o sapore e cchiesia
vestuta 'e niro, pare na Madonna !



Guardannote me scenne chianu chiano
doce e sincera na malincunia,
me faie na cèra e nu surriso amaro,
mo si' sulo ricordo 'e pecundria...


Fuie n'attimo sperduto dint''o bbene,
palomma d'oro, me vasaie e vulaie,
forze nun ce spiegaime buono, è overo,
resta 'o fatto ca nun te scordo maie..
.
Che Croce quanno veco cadè 'e stelle
io ca 'e guardavo dinto a st'uocchie belle,
d''a nustalgia ca m'arricorda 'a sera,
d''e suonne int''o silenzio 'e na preghiera...


Si parlassemo n'ora sulamente
te faciarria capì che d'è na pena,
felicità abbrusciata dint''a niente,
na paggina stracciata 'a miez''o bbene!


Te guardo ancora e pare nu ritratto,
cu ll'aria scura comme ll'ombra 'e sera,
tiene 'a stess'aria 'e quanno te dicette,
si' na Madonna, na Madonna Nera...


puffetta Oggetto:   08 Nov, 2017 - 09:33  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2824
Attività utente
Attività utente

Buona giornata a voi




PENZIERO 'E MATINA ( stralcio )



di Guido De Martino


Quanno truove 'a ruggiada ncopp' 'e ffronne,
nun 'a tuccà:
so' 'e llacreme ca 'a notte chiagne 'o munno
ca 'o sole e sulamente 'o sole
'e pò asciuttà.


soldatini Oggetto: Na bona jurnata  08 Nov, 2017 - 08:06  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7804
Attività utente
Attività utente

a tutta a scola napulitana. ogni tanto riesco a trasi' int'a scola a prima matina.
Ieri e' stata na jurnata disastrosa pa' penisola Sorrentina ( a casa mia ) cu l'acqua ca scenneva a secchiate. Simmo sempre 'mpreparate quanno arrivano e disastri naturali, ma e' pure colpa nostra ca pensammo a distruggere a natura invece da salva'.
Tra incendi dolosi ( vedi Monte Faito) tra costruzioni selvagge abusive, tra discariche a cielo aperto, ecco poi cosa succede.. Non ci resta che piangere come diceva TROISI.
CMQ ce' sta na frenzola e' sole e nu buon auspicio : Bona jurnata


puffetta Oggetto:   07 Nov, 2017 - 08:45  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2824
Attività utente
Attività utente

Buona giornata a voi



‘O llunedì


di Carmen Auletta


Nisciuno ‘o po’ vvedé 'stu llunnedì
ca, comm'è ssempe , arape ogne semmana.
Me sceto tarde e mme sento 'e murì,
sturduta comm’ a ddint' â 'na campana.


Ce vo’ 'nu juorno pe me ripiglià.
Si penzo a ttutto chello ca mm’aspetta
me passa pur ‘ ‘o ggenio ‘e accumincià!
E’ mmeglio ca me soso e me ‘ntuletto!


Si fosse po dummeneca ogne ghiuorno,
manco ce stesse ‘o gusto ‘e ll’aspettà
e ll’aria ‘e festa ‘un ‘a sentesse attuorno
e ppur' 'o llunnedì vurria truvà.


Nuova discussione   Rispondi Vai a pagina  
1
          ...