Vai a pagina  
1
          ...             
  I Forum di Anziani.it  Quattro chiacchiere tra noi..  Nuova scuola della lingua napoletana
Nuova discussione   Rispondi
soldatini Oggetto: Bona Jurnata  26 Set, 2017 - 12:54  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7731
Attività utente
Attività utente

a tutte e cumpagnelle o meglio avimma dicere bon appetito. E parlanno e magna' allora cc'e' sta bene stu piatto ca m'aggio preparato. Gnocchi alla Sorrentina

Gli gnocchi alla sorrentina hanno origini campane e sono preparati con pomodoro, mozzarella e basilico. La ricetta, infatti, si chiama così perché prende il nome dalla città di Sorrento in provincia di Napoli. Gli gnocchi si fanno in casa e si cuociono con una salsa fresca di pomodoro, fiordilatte, basilico e una spolverata di parmigiano. Dopo la preparazione della salsa e la cottura degli gnocchi in acqua bollente, si inseriscono in un tegamino in terracotta, a Napoli chiamato anche pigniatiello, e si lasciano per qualche minuto in forno per ultimare la cottura. Vanno serviti ben caldi, possibilmente nello stesso tegamino utilizzato nella cottura che manterrà il contenuto al caldo.

Image


soldatini Oggetto: Boan jurnata  25 Set, 2017 - 13:11  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7731
Attività utente
Attività utente

e bona semmana a tutta a scola napulitana.



TRISTEZZA

E'autunno!
Mmiez''o nniro-fummo 'e ll'aria
p''e vvie 'e sta città
senza cchiù verde
veco n'albero annuro
e attuorno a 'e rame sicche,
scheletrite,
na chiorma d'aucelluzze appaurate...
E' nu lamiento 'o suono, è nu rummore,
comme 'mpazzute voleno
pe' nu suspiro: ussiggeno...
N'accanimento inutile!
...e a uno a uno cadeno
'ncopp'alsfalto traditore e ummedo
d''o marciappiede sulitario e traggico.
Vedennele accussì
sponta na lacrema
'e na tristezza
ca nun se pò credere.
LUCIANO SOMMA




puffetta Oggetto:   25 Set, 2017 - 08:35  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2790
Attività utente
Attività utente

Buona giornata e inizio settimana

Speranza
di Giovanni Croce.

Addò nu raggio ‘e sole maje ce trase
e ‘e vasce songo nire, so’ pertuse,
addò ‘nzieme ê ffelere ‘e panne spase
ce stanno ninne annure e appecundruse,
fermate..e, ‘int’a sti viche scure, oj sole
miette ‘o surriso ‘nfaccia a sti ccriature,
falle cuntente, scarfale ‘e llenzole,
‘e ttutte ‘e panne stise fanno sciure…
Addò se stenta ‘a vita notte e ghiuorno
e, spisso, nun esiste nu dimane,
addò na mana stesa cerca attuorno
nu core buono pe nu muorzo ‘e pane,
scinne d’’o Cielo, scinne mano ‘e Dio,
puorte ‘a speranza a n’anema ca è stanca..
Tu ca si’ Pate, dille : “ Figliu mio,
miettete ‘ncuollo na cammisa janca
e saglie llieggio…pe mille ciardine,
fra cante doce va, nun te stancà..
Addò tu vide rose senza spine,
fermate ! È ‘o posto d’’a felicità !!”
soldatini Oggetto: Bona Jurnata  22 Set, 2017 - 13:10  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7731
Attività utente
Attività utente

Finalmente na bella nutizia pe'a Campania, speranno ca' e politici nun se mangiano 'a' parola.

In arrivo nuovi fondi in Campania per la valorizzazione dei siti di interesse culturale. Si tratta del piano strategico “Grandi Progetti Beni Culturali“, proposto dal Ministro Dario Franceschini, che prevede investimenti per il restauro, la valorizzazione di musei e aree archeologiche, biblioteche e poli museali. Saranno investiti 35 milioni per le catacombe di Napoli al Rione Sanità (4 milioni), la Reggia di Carditello (7 milioni), il Real Bosco di Capodimonte (7 milioni), l’Anfiteatro di Santa Maria Capua Vetere, Parco della Reggia di Caserta (7 milioni). Infine, 3 milioni verranno investiti per la realizzazioni di una parte della Giffoni Multimedia Valley.
Tra le tante opere di riqualificazione, ci saranno lavori che interesseranno il Rione Sanità. Verranno creati nuovi spazi dedicati alla lettura e l’incontro, servizi di caffetteria, biglietteria e bookshop, per migliorare l’accessibilità al sito con percorsi di visita per i disabili motori e con un nuovo percorso coperto con ingresso dal piazzale della Basilica del Buonconsiglio a Capodimonte.





Investimenti anche per il recupero del Real Bosco di Capodimonte riguarderanno i 134 ettari di parco circostanti la reggia borbonica costituiti da oltre 400 varietà di alberi secolari, esempi di rococò napoletano, residenze, fabbriche artigiane, depositi e chiese, fontane e statue.


puffetta Oggetto:   22 Set, 2017 - 08:14  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2790
Attività utente
Attività utente

Buona giornata e buon fine settimana


Songo 'nnammurato di.............


Gnorsí ‘o ccunfesso: songo… ‘nnammurato,
me piace ‘a pasta. Tutta: tagliatelle,
mezzane, zite, penne, vermicielle,
linguine, don ciccillo ‘ncruvattate…
basta ch’ è ppasta e m’ îte accuntentato,
m’ îte fatto signore! ‘O pirciatiello
‘a làgana, ‘o tubbetto, ‘a fettuccella…
chella ca songo songo me truvate
pronto pe le fà ‘a festa… ‘Na furchetta
o pure ‘nu cucchiaro… comme sia
le dongo ‘nfaccia… â faccia ‘e chi ‘a scamette
e dice ca fa male… Fessarie!
Nun stàtele a sentí a ‘sti chiacchiarune
ca niente ‘e pô appassà ‘e maccarune!
Cunnita comm’ è è; stufata o espressa,
cu ‘a vongola, a rraú, pure… scarfata,
vullente ‘e fuoco, fredda, arrepusata,
pure azzeccata sotto… è bbona ô stesso!
Mettitammélla annanze e – cu permesso -
faccio unu muorzo e dico: Sia lodato
chillu grand’ ommo ca se ll’ è anventato
chestu mmagnà degno ‘e ‘nu rre o ‘e ‘nu… fesso!
E si vulite farme ‘nu regalo,
cunníteme duje tierze ‘e vermicielle
all’ uso nuosto: vierde, juste ‘e sale
cu ll’ aglio, ll’ uoglio e ‘o ppoco ‘e cerasiello…
E pe ‘stu piatto lloco, v’ assicuro,
manco d’ ‘a… cchiú pappona me ne curo!
Pecché – nun me pigliate pe ricchione… -
‘a femmena è zucosa, sissignore…
è sapurita, te pô dà calore…,
ma nun pô mmaje apparà ‘nu maccarone!
Nun pô vení a chi sí? cu ‘nu zetone,
cu ‘nu manfredo chino ‘e zuco e addore,
cu ‘na pasta ‘mbuttita o cu ‘o sapore
ca pô lassarte ‘mmocca ‘o cannellone!…
Fosse ‘a cchiú bbella s’ à dda tené ‘a posta
e à dda aspettà, si ‘o maltagliato è pronto…
e ave voglia ‘e farmela ‘a… pruposta
e dirme: E ghiammo!… Niente! I’ nun me smonto.
Quanno me chiamma ‘a pasta e ‘a pummarola
i’ corro… e ‘a lasso a s’ arrangià essa sola!

soldatini Oggetto: Bona Jurnata  21 Set, 2017 - 11:46  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7731
Attività utente
Attività utente

a tutta a scola napulitana. Oggi parlammo e' :

" Per secoli si è creduto che l’eruzione del Vesuvio, che rase al suolo le città di Pompei ed Ercolano, fosse avvenuta il 24 agosto del 79 d.C.

Invece una moneta, ritrovata a Pompei, cambierebbe la storia di quel giorno e non solo. La data dell’eruzione è documentata nelle lettere di Plinio il Giovane dove si attesta che avvenne “nonum kal. septembres”, ovvero 9 giorni prima delle Calende di settembre (24 agosto).
Image
Dopo secoli da quella terribile tragedia gli archeologi ipotizzano che il catastrofico evento sia avvenuto in autunno, teoria sostenuta dal ritrovamento di frutta secca carbonizzata, bracieri e vino in fase di invecchiamento e precisamente il 24 ottobre di quello stesso anno.
A rafforzare questa tesi ci sarebbe la moneta in questione, ritrovata nel tesoretto della “Casa del Bracciale d’Oro” appartenuto ad un pompeiano in fuga dalla furia del vulcano. Si tratta di un denario d’argento con impresso il volto dell’imperatore Tito (79 – 81 d.C.) e accanto la scritta “IMP XV”, che sanciva la quindicesima acclamazione imperiale del “princeps“, ricevuta da Tito non prima del settembre del 79 d.C., un terminus post quem per la data della distruzione della città.

Va considerata, però, anche un’altra ricerca: quella della D.ssa Teresa Giove, responsabile del Medagliere del MANN. Nella scheda di presentazione della moneta nel catalogo della mostra “Storie da un’eruzione”, sostiene che dopo un’attenta pulitura del denario la legenda che ne risulta è IMP XIIII e non IMP XV.

La moneta, insieme ad altri reperti, è stata per anni conservata nei depositi della soprintendenza e del Museo archeologico di Napoli, ora invece torna alla ribalta con la mostra “Tesori sotto i lapilli” nell’Antiquarium degli Scavi e visitabile fino al 31 maggio "

puffetta Oggetto:   21 Set, 2017 - 09:31  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2790
Attività utente
Attività utente

Buona giornata a voi

Napule
di Eduardo Scarpetta.

Cielo che nun ‘o truove a n’atu pizzo,
mare ‘ncantato, addò tanti ffigliole
se perdono p’’a famma… Nu scugnizzo
che dorme ‘nterra o che se scarfa ô sole..
Chi è ricco assaje, chi soffre e campa ‘e stiente
e gente ca s’accidono pe niente !!!
**
Popolo sempe allero e disperato,
balcune cu cepolle e sovere appese,
na canzona..nu muro suppuntato,
na festa e nu miraculo ogne mese..
Dint’a nu vascio, sette figlie e ‘a mamma
dormono ‘nzieme… Napule se chiamma !!
soldatini Oggetto: bona jurmata  20 Set, 2017 - 12:17  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7731
Attività utente
Attività utente

a tutta a scola napulitana. St'aria frizzantina ce sta proprio bene.Magari na visitina a Castel dell'Ovo.

Image


A proposito o sapite ca o popolo napulitano e' assai credente e superstizioso, santini, curnicielli e portaportuna stanno in tutte e' case dei napulitani.
O santo dei Napoletani e' San Gennaro pero' c'e' stato nu tiempo che o protettore dei napoletani era Publio Virgilio Marone.
Virgilio nel medioevo era considerato na specie e mago protettore che faceva incantesimi per libera' Napuli da' e sventure, comm' a pestilenz, o terremot e invasioni di insetti ed era molto amato dal popolo partenopeo.
Su Virgilio e Napoli circola na curiosa leggenda che interessa il Castel dell’Ovo che sorge sull’isolotto di Megaride
.

" La leggenda narra che Virgilio, che ha la propria sepoltura a Napoli, nascose in questo castello un uovo chiuso in una gabbietta che fece murare in una nicchia delle fondamenta.
La rottura di questo uovo, predisse Virgilio, avrebbe provocato disgrazie: non solo avrebbe causato il crollo dell’edificio, ma anche una serie di sventure per la città di Napoli.



puffetta Oggetto:   19 Set, 2017 - 10:00  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2790
Attività utente
Attività utente

Buona giornata a voi


Viecchie Marenare
di Rosario Di Nota.


Âbbascio nu cerriglio mmieze ‘o puorto,
stanno assettate viecchie marenare,
denante nu bbicchiere ‘e vino, ’a capa storta,
cercano cquaccosa int’ ‘e ricorde scure.



Stanno accatastate comme cippe âulive,
c’àspettano ‘o destino pe ghì ‘o ffuoco,
‘ncapa nu cappiello ‘e lana fina,
ê vvide sempe llà, rideno poco.


N’aria appaciata, aspettano ‘a cquaccùno,
int’’a ll’uocchie ‘o sole d’’e staggione,
tenano ‘nfaccia ll’ usca, ‘a pella bbruna,
contano storie ê quann’erano guagliune.


So tagliente e nnire ll’uocchie ll’oro,
hanno pruvato ‘o ssale quant’abbrucia,
int’ ‘a sti llune scure, ce sta ‘a mèmmoria
pparole ca songo oro e fanno luce.


E si tu ê gguarde bbuono ‘nfino â ddinto,
t’abbaglia forte nu chiarore argiento,
ce stanno rezze spase accussì llinde,
c’ aspettano ‘na straqquatura ‘e viento.


Ce vide rimme, varche, notte scure,
Ônne grosse comme palazze ‘e case,
nisciuno vuto lle fa sta ‘o ssicuro,
fa male chesta vita quanno ‘ngasa.


‘O ffuoco sta stutanno a ppoco â vota ,
pure ‘o silenzio se sta strignenno cupo,
cchiù nun se vede chill’ ardore ‘e fuoco,
nu parla cchiù nnisciuno cu sti “lupe”.


Nun fernesce maje chillu bbicchiere ‘e vino,
ca nun sta llà p’essere bbevuto,
quanno tu passe Ô truove ancora chino,
serve âscarfà nu core quann’è mmuto.


Guardanno bbuono ê viecchie marenare,
cquacche bbicchiere vide ch’è mmancante,
cquaccuno ê lloro ggià se nè ppartuto,
lassanno chistu core cchiù vvacànte.


Mò stanno naveganno ‘natu mare,
nu viaggio senza limmite e ccunfine,
è bbello ‘a ssapè ca pure ‘ncielo,
ce stà na spònna cu na sabbia fina.


Âspetta tutte quante chesta spònna,
ce truove ‘a pace, ’o bbene ch’è vuluto,
se sente sulo ‘a musica de ll’onna,
e llà turnammo comm’ êvamo partute.


Int’’o silenzio addò chest’acqua fragna,
truvamme ‘nata casa ca c’aspetta,
è cchìena ‘e sole, ‘a mmare ‘na veduta,
e ll’aria addora comm’nu cunfetto.


E’ bbello affacciarse ‘a sta fenesta,
è comme m’affacciasse ‘a casa mia,
‘mponta ‘a stu pizzo veco na chiesietta,
e ll’urdema vista sì Tu, Maronna mia..


soldatini Oggetto:   18 Set, 2017 - 12:51  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7731
Attività utente
Attività utente

Na bona semmana a tutta a scola napulitana e a tutte e cumpagnelle ca passano a cca'.
Chianu chianu ce stammo lasciammo l'estate e gia' cuminciammo a pensa' a chell' ca ci aspetta. E' o tiempo e scola ma pure o' tiempo e vendemmia,e decidere e fa nu viaggetto ca magari co' troppo caldo nun se potuto' fa'. E Allora perche' no.
A fine semmana, io per esempio, vado a fa na capatina a Caserta e precisamente ho intenzione e visita' San Lucio e il suo setificio , na frazione di Caserta che assieme alla Reggia' e' diventato patrimonio dell'Umanita' dell'Unesco.
Ve ne parlero' al mio ritorno.
Pe' mo' godetevi sta bella jurnata




puffetta Oggetto:   18 Set, 2017 - 09:18  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2790
Attività utente
Attività utente

Buona giornata e buon inizio settimana


'A CAPPELLA ABBANDUNATA
di MarioVastarella.


Vicchiàrella e scàrrupata
o' puntone 'e chesta via,
'na cappella è cundannata,
pe' 'sta brutta malatia.



Manche 'a Croce cchiù se fanno,
quanno passano pe' nnante,
tutte 'a vedeno è 'a sanno,
pe' 'sta strada fatta, Santa.


Cca ce sta 'na Marunnella,
sotto all'Arco cu' 'o Nennillo,
'na cappella vicchiarella,
che desidere 'e vasille.


Forse 'a storia è cummuvente,
pe' chi tène ancora core,
comma 'a storia 'e tanta ggente
ca, annascusa, campa e more.


soldatini Oggetto:   17 Set, 2017 - 13:21  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7731
Attività utente
Attività utente



soldatini Oggetto:   15 Set, 2017 - 12:47  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7731
Attività utente
Attività utente

Bona jurnata Puffe' e a tutte e cumpagnelle e nu pensiero gentile a Liliana ca apprezz' semp chell' ca riuscimmo a fa' int'a scola.


Image

Corno si o corno no?
Ci ha pensato la Soprintendenza a risolvere l’eterna diatriba tra coloro che lo volevano e chi invece pensa che deturpi il paesaggio del Lungomare di Napoli, tra gli skyline più caratteristici al mondo. Il tema scelto per quest’anno era “Napoli e la scaramanzia”, per promuovere la cultura e le tradizioni partenopee. Il “trionfo del cattivo gusto“, l’avevano definito invece gli intellettuali
La Soprintendenza, come riporta il Corriere del Mezzogiorno, ha bocciato il corno alto sessanta metri che doveva sorgere a Natale alla Rotonda Diaz. La motivazione è più che comprensibile: il progetto è stato giudicato non adatto ai luoghi.

Ora il Comune di Napoli e l’Italstage, la società che ha presentato l’idea, stanno cercando un’altra location per il super corno.

Veramente pur'io penso che e' orribile

puffetta Oggetto:   15 Set, 2017 - 08:12  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2790
Attività utente
Attività utente

Buona giornata e buon fine settimana Veramente interessante Soldatì

‘O solachianiello
di Enzo Armenio.

‘O cavaliere Armando Benincasa,
m’ha ditto : “ Siente, ‘Ntò, famme ‘o piacere..
mannete a piglià ‘e scarpe ‘ncopp’’a casa,
chelle ca tu m’hê cunzignato ajere.
*
Tengo nu callo, ma propete tantillo
ca è asciuto ‘ncopp’’o dito piccerillo…
quanno cammino, ma fa vedè ‘e stelle !!
Famme stà cuieto, ‘Ntò ! Allargammelle !”
*
Ma che aggia dicere i’, solachianiello
sempe assettato arreto ‘o bancariello ?..
Cusenno sòle, mascarine e ‘mpigne,
s’è fatto ‘o callo arreto comm’’e scigne !
*
Cu ‘o callo ‘ncopp’’o père nun se more :
s’allarga ‘a scarpa e, po, passa ‘o dulore.
Cu ‘o callo ca tengo i’, che pozzo fà ?
A chi ce ‘o conto ? che m’aggia allargà ??
soldatini Oggetto: boa jurnata  14 Set, 2017 - 12:58  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7731
Attività utente
Attività utente

a tutta a scola napulitana. Na bella nutizia
Image
Il Parco Sommerso di Gaiola è l’area marina protetta più bella d’Italia: la spettacolare oasi marina si è aggiudicata il contest promosso da Asdomar battendo la concorrenza di 29 aree marine italiane. La gara si è svolta sui social network, le votazioni si sono chiuse oggi con la vittoria del parco ambientale di Posillipo. Alla Gaiola andrà una donazione di 23mila euro messa a disposizione da Asdomar. Nella classifica del contest ci sono altre location campane: al secondo posto l’area marina protetta di Punta Campanella, al terzo posto la costa degli Infreschi e della Masseta (Sa), al quinto posto il parco sommerso di Baia, al nono posto Santa Maria di Castellabate, al 13esimo posto il Regno di Nettuno a Napoli.
Per la Gaiola
Le vasche dedicate all’allevamento delle murene rappresentano proprio l’area meglio conservata e più interessante da visitare. Proprio per la sua vicinanza alla terraferma e la sua bassa profondità è facilmente visitabile da tutti attraverso percorsi in visita guidata in snorkeling. Da Non perdere



soldatini Oggetto:   13 Set, 2017 - 12:46  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7731
Attività utente
Attività utente



Ma visto Puffe' ca vuliv 'o cafe' so' pront' tre caffettiere. Puo' invita' tutt' l'amici tuje



soldatini Oggetto: Bona Jurnata Puffetta  13 Set, 2017 - 12:33  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7731
Attività utente
Attività utente

Aggio visto ca hai postato Fausto Cigliano. Aggio pruvato anche io me da a stessa scritta.
Aggio cuntrallato gli altri video tutt' spariti.

puffetta Oggetto:   13 Set, 2017 - 08:53  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2790
Attività utente
Attività utente

Buona giornata a voi

soldatini Oggetto: na bona serata  12 Set, 2017 - 21:03  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7731
Attività utente
Attività utente

a tutta a scola napulitana. A tutte e cumpagnelle sta bella poesia e DI GIACOMO. Na serenata doce doce

Nu pianefforte ‘e notte
sona luntanamente,
e ‘a museca se sente
pe ll’aria suspirà.
è ll’una: dorme ‘o vico
ncopp’ a nonna nonna
‘e nu mutivo antico
‘e tanto tiempo fa.
Dio, quanta stelle ‘n cielo!
Che luna! e c’aria doce!
Quanto na della voce
vurria sentì cantà!
Ma sulitario e lento
more ‘o mutivo antico;
se fa cchiù cupo ‘o vico
dint’a ll’oscurità..
Ll’anema mia surtanto
rummane a sta fenesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannese, a pensà.



puffetta Oggetto:   12 Set, 2017 - 08:53  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2790
Attività utente
Attività utente

Buona giornata a voi grz Soldatì - Auguri a tutte le Maria


A Capemonte
di Salvatore Luciano.


Dint’’o bosco ‘e Capemonte
nu permesso i’ mo vurrìa,
pe puterme fravecà..
na celluzza pe abità !..
Quanno ‘a Luna trasarrìa,
‘mmiez’’e ffrasche a me fà ‘a spia,
i’, cu ‘a luce ca Essa dà,
tutt’ammore ca sta cca,
t’’o scrivesse a chiaro ‘e Luna !
Quanno ‘e mierule, â matina,
me scetassero cu ‘o canto,
i’ putesse ammajestrà,
‘o cchiù meglio, ‘e mmiezo llà !
Lle dicesse : Statte attiento,
nun sbaglià ! .. chillo è Surriento,
‘a fenesta a mare dà,
cu ‘a risposta tuorne cca..
tuzzulèa ‘nfaccia a sti llastre ..!!
e nun me fa’ assaje aspettà !!!




Nuova discussione   Rispondi Vai a pagina  
1
          ...