Vai a pagina              ...          
109
 
  I Forum di Anziani.it  Libri  I nostri racconti e riflessioni
Nuova discussione   Rispondi
Sticla Oggetto:   18 Giu, 2006 - 11:59  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 1436
Attività utente
Attività utente

I bambini di oggi, poverini, mica lo sapevano come si stava noi...per loro è tutto normale, il traffico, l'elettronica, il divieto di uscire a giocare ( e dove ,poi? i cortili sono pieni di macchine posteggiate..), il game-boy...lo sport inquadrato a comando...e menomale non lo sanno come si stava prima!

CiaoLili Oggetto:   17 Giu, 2006 - 05:38  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 1763
Attività utente
Attività utente

DUCHESSA, dovremmo farlo leggere ai nostri nipotini...ma poveretti, "il progresso" ed il "benessere" sono i loro carcerieri...tutto si evolve come se i bambini non fossero persone con relativi diritti...tutti incasellati...niente libertà...mamme caricate dal doppio lavoro, papà più o meno altrettanto...notizie inquietanti e continue dal tg...strade dal traffico pazzoide...aria inquinata, droga, pedofilia...poveri genitori...che compito difficile , il loro...insomma era meglio quando si stava peggio...


_________________
Il mondo è un enorme teatro all’aperto dove, sullo sfondo d’una scenografia naturale, si rappresentano commedie, drammi e tragedie. Noi siamo attori e pubblico. L.Batà
Letizia Oggetto:   16 Giu, 2006 - 23:17  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 419
Attività utente
Attività utente

brava Duchessa, mi hai fatto sorridere. Grazie
duchessa Oggetto: La grande domanda  16 Giu, 2006 - 15:12  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 33
Attività utente
Attività utente

Se eri un bambino degli anni 50, 60, 70


COME HAI FATTO A SOPRAVVIVERE?



1.- Da bambini andavamo in auto che non avevano cinture di sicurezza né airbag...

2.- Viaggiare nella parte posteriore di un furgone aperto era una passeggiata speciale e ancora ne serbiamo il ricordo.

3.- Le nostre culle erano dipinte con colori vivacissimi, con vernici a base di piombo.

4.- Non avevamo chiusure di sicurezza per i bambini nelle
confezioni dei medicinali, nei bagni, alle porte.

5.- Quando andavamo in bicicletta non portavamo il casco.

6.- Bevevamo l'acqua dal tubo del giardino, invece che dalla bottiglia dell'acqua minerale...

7.- Trascorrevamo ore ed ore costruendoci carretti a rotelle ed i fortunati che avevano strade in discesa si lanciavano e, a metà corsa, ricordavano di non avere freni. Dopo vari scontri contro i cespugli, imparammo a risolvere il problema. Si, noi ci scontravamo con cespugli, non con auto!

8.- Uscivamo a giocare con l'unico obbligo di rientrare prima
del tramonto. Non avevamo cellulari...cosicché nessuno poteva rintracciarci. Impensabile.

9.- La scuola durava fino alla mezza, poi andavamo a casa per il pranzo con tutta la famiglia (si, anche con il papà).

10.- Ci tagliavamo, ci rompevamo un osso, perdevamo un dente, e nessuno faceva una denuncia per questi incidenti. La colpa non era di nessuno,se non di noi stessi.

11.- Mangiavamo biscotti, pane olio e sale, pane e burro, bevevamo bibite zuccherate e non avevamo mai problemi di soprappeso, perché stavamo sempre in giro a giocare......

12.- Condividevamo una bibita in quattro...bevendo dalla stessa bottiglia e nessuno moriva per questo.

13.- Non avevamo Playstation, Nintendo 64, X box, Videogiochi, televisione via cavo con 99 canali, videoregistratori, dolby surround, cellulari personali, computer, chatroom su Internet... Avevamo invece tanti AMICI.

14.- Uscivamo, montavamo in bicicletta o camminavamo fino a casa dell'amico, suonavamo il campanello o semplicemente entravamo senza bussare e lui era lì e uscivamo a giocare.

15.- Si! Lì fuori! Nel mondo crudele! Senza un guardiano! Come abbiamo fatto? Facevamo giochi con bastoni e palline da tennis, si formavano delle squadre per giocare una partita; non tutti venivano scelti per giocare e gli scartati dopo non andavano dallo psicologo per il trauma.

16.- Alcuni studenti non erano brillanti come altri e quando perdevano un anno lo ripetevano. Nessuno andava dallo psicologo, dallo psicopedagogo, nessuno soffriva di dislessia né di problemi di attenzione né di iperattività; semplicemente prendeva qualche scapaccione e ripeteva l'anno.

17.- Avevamo libertà, fallimenti, successi, responsabilità...


e imparavamo a gestirli.







Ragazzi, se ci pensate...queste sono delle grandi verità!! della serie: SI STAVA MEGLIO QUANDO SI STAVA PEGGIO!!!


mela 4 Oggetto: una riflessione ....non poetica.. sull'avventura di Lore  15 Giu, 2006 - 16:09  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 1090
Attività utente
Attività utente

Bravissima, Lore, se mi permetti, molto ben resa la tua avventura. Che ha un che di Kafkiano di sicuro ma che nulla è ancora al confronto dei perigliosi percorsi che eravamo tutti chiamati ad affrontare prima del 1990 (Legge 142 poi abrogata e sostituita dal Dlgs 267/2000) e prima delle Bassanini. Ho piazzato apposta questi richiami normativi che odorano di pedanteria, per dar risalto alla riflessione successiva: Non si cambia la testa alle persone con una legge, e neanche con cinquemila leggi, le più innovative, le meglio pensate e scritte.
La burocrazia di cui tanto ci lamentiamo affonda le sue radici in epoche lontane ed il continuo richiamo all'efficienza ed alla responsabilità personale sembrano proprio troppo all'avanguardia per il cittadino italiano, per l'impiegato italiano. Purtroppo è ancora vigente la ricerca di un "posto" piuttosto che di un lavoro, e vi prego di notare che la differenza non è da poco. Insomma, abbiamo bisogno di cambiare noi tutti se abbiamo voglia che cambino le cose, credo che di questo ormai siamo coscienti ma.....non è facile, vero?
Un saluto cordiale alla novella cenerentola.



_________________
stretta la foglia, larga la via, dite la vostra che io ho detto la mia.
lore14 Oggetto: da Milano  15 Giu, 2006 - 15:06  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6955
Attività utente
Attività utente

Piccola cronaca milanese
ovvero

TAPPETI ROSSI E BUROCRAZIA

Ritorno or ora dalla Ragioneria del Comune di Milano, dove ho fatto richiesta di un certificato di servizio.

Arrivo stamane, in anticipo, in via Silvio Pellico. L'addetta alle informazioni, cui mi rivolgo, gentilmente mi dice di cercare la stanza n.80, terzo piano.
Riesco a trovare con qualche difficoltà la stanza n.80, busso ed entro... Mi suggeriscono
gentilmente di recarmi alla stanza n.82...
Ringrazio, busso alla stanza n.82 e illustro nuovamente il mio problema....Mi spiegano, sempre gentilmente, che di questo si occupa la stanza n.73 e qualcosa....
Mi metto alla ricerca e, dopo peregrinazioni per lunghi corridoi bui e deserti di dickensiana memoria, ecco che mi imbatto nell' agognata stanza 73... Busso, li metto al corrente per la quarta volta della mia necessità di un certificato di servizio... Mi informano, ancora gentilmente, che quello è proprio l'ufficio che cercavo..
"Bene! Allora mi fate il certificato?"
"Certo signora! Lo vede questo modulo? Lei se ne torna a casa, lo compila e ce lo invia per fax... Provvederemo a farle pervenire il certificato appena pronto...".
"Appena pronto? Cioè?" sussurro smarrita...
"Fra circa due mesi, signora...".
Mi riesce di balbettare soltanto qualcosa sulla possibilità di velocizzare la pratica con una ricerca al computer... "Tranquilla, signora" mi rassicurano "il Comune di Milano è completamente informatizzato"...
Capite? Due mesi di attesa per un certificato e di questo devo ringraziare l' era informatica... Difatti ringrazio e, abbacchiata, con sensazioni che
più di Dickens richiamano ora alla mia memoria Kafka, infilo un' uscita...
Ed ecco, subitamente, che gli antri bui della Ragioneria comunale si illuminano e mi ritrovo casualmente a scendere una magnifica scalinata su un tappeto rosso fuoco degno di una reggia...
Al pianterreno, un grande atrio mi accoglie il cui unico arredo è costituito da un lungo elegante tavolo dietro il quale tre allegre commesse riempiono gli spazi vuoti con il loro cicaleccio...
Esco da un sontuoso portone e, meraviglia, sono al centro di piazza della Scala: alla mia destra la grande arcata della Galleria, alla mia sinistra il palazzo del Piermarini e di fronte il grande edificio dell' ex-Banca Commerciale...
Ma che Dickens, ma che Kafka...improvvisamente mi sento Cenerentola di ritorno dal ballo...
Insomma... la burocrazia, a Milano, può far persino sognare...
Kinkaku 6 Oggetto: Non mi sembra di trovare il "libro" delle poesie  06 Giu, 2006 - 16:46  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4233
Attività utente
Attività utente

e allora inserisco qui questa "riflessione" sottovoce:


Fernando Pessoa

Se potessi mordere la terra intera
E sentirne il sapore,
sarei per un momento più felice…
Ma io non sempre voglio essere felice.
Ogni tanto è necessario essere infelici
Per poter essere naturali…

Non tutti sono giorni di sole,
e la pioggia, quando manca, la si invoca.
Perciò prendo l’infelicità e la felicità
Naturalmente, come chi non si sorprende
Che esistano monti e pianure,
che esistano rocce ed erba…

L’importante è essere naturali e tranquilli
Nella felicità e nell’infelicità,
sentire come chi guarda,
pensare come chi cammina,
e in punto di morte, ricordarsi che il giorno muore,
che il tramonto è bello e bella la notte che resta…
Così è e così sia

Taita Oggetto:   23 Mag, 2006 - 12:40  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2343
Attività utente
Attività utente

Ellamiseriaaaaaaaaa !! E che.. non si può più sbagl.. ops, scherzare???
Senti un po'... piccola "peperina-bonsai"... furente e fumina Zarina.... guarda che tu "ne hai quattro sulla pelle", eh? (cume disen a milan)....
Ehm... sono così arrabbiato per aver fatto la figura del pirla (ahahahaha) che nemmeno sotto tortura me ne uscirò col dire che il nuovo sito Anziani è fighissimo... NO, NO e poi NO!!!!!
Grrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr...
Ameli: prepara la tinozza del bagnetto... che mi devo rilassare!
SGRUNT!!!!
In quanto a te.. Zarina, aspettati di tutto... financo che mi trasformi in grata metallica entro cui bloccare uno dei tuoi leggendari tacchi da 12 cm!!! WOW!!! Voglio proprio sentirti supplicare: liberami Taitino mio, ti prego... altrimenti sono scomoda ad abbracciarti! Ihihihihih...
Te la dò io la politica (puah!)
Sad(((((((((
Iwill Oggetto:   22 Mag, 2006 - 03:08  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 64
Attività utente
Attività utente

MESSER MAGO and TAITA ...

ma dove cavolo vai ???

Non ti sei accorto che in "Quattro chiacchiere tra noi" c'è ....guarda, guarda... proprio,proprio ....il suo celeberrimo "Spazio Taita"?

(psssss...per caso lo volevi in politica ?)





sheshe Oggetto:   21 Mag, 2006 - 23:30  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 753
Attività utente
Attività utente

Tahitino,ma quale ..adieu..à bientot..vorrai dire! Le sgarzoline ti aspettano anche coi mala tempora....e cuurunt ..

et en t'attendant ,cher et fascinant ami un petit bisou de..toutes les Sgargolines sur l'attenti!..si fa per dire....ma siamo tutte col la manina sulla visiera!
Sheshe
Mago Oggetto:   21 Mag, 2006 - 22:39  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 37
Attività utente
Attività utente

Taita, razza di mago traditore non ti azzardare a sparire!!!
E io su che spalla mi appollaio quando, tra poco, la "pisciona" se ne va a giocare con il "mocio"?
Sad(((((((((((((

CiaoLili Oggetto:   21 Mag, 2006 - 20:40  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 1763
Attività utente
Attività utente

Ciao TAITA.
Non dire addio, come faranno le tue sgarzolines senza te? Non vorrai farle piangere, spero!
Non disperare,...forza e coraggio...ricomincia la conquista...
cos'è mai la vita se non si ricomincia, ogni tanto, tutto daccapo?
Anch'io sono disorientata...mi piaceva tanto quella piumetta che scriveva "Ciao" ed ora non c'è più...mannaggia...


Un sorriso e una carezza, va'...

Taita Oggetto:   21 Mag, 2006 - 15:14  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2343
Attività utente
Attività utente

Uèèèè!! Azz... devo aver sbagliato sito... ops, pardon Ladies & Gentlemen... fino a un po' di tempo fa - e per anni - una certa procedura mi portava dritto allo Spazio Taita....
Adesso non è così. Che è successo? E tutto il mio monumentale passato, dov'è finito?
Oh mamma... non oso pensarlo; ma esiste un "cassonetto" così capace?
Aiuto...
Comunque non smetterò di vagare per il mar del web alla ricerca del "mio tempo perduto"...
Sigh... Pensatevi qualche volta, eh?
Mala tempora currunt.... Nuovi vincitori e... la pratica dello "spoiling" impazza.
Viva i dinosauri!
Adieu!
Smile
Saralaporta 7 Oggetto: ... si, devo vuotare la mia tazza!  21 Mag, 2006 - 10:16  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 3935
Attività utente
Attività utente

Un professore universitario giapponese, attirato dalla fama di un vecchio monaco buddista venerato per la sua saggezza, chiede di poterlo incontrare.
Il monaco accoglie lo scienziato nel tempio, lo invita ad entrare e lo fa sedere su un comodo cuscino.
" Gradisce un pò di thé ? " chiede il monaco porgendo la tazza.
Dopodichè versa la bevanda da un pesante bollitore di ferro.
Il liquido sale velocemente sino a un centimetro dall'orlo.
Il professore solleva lo sguardo verso il monaco che, imperturbabile, continua a versare sino a che il liquido trabocca.
Il professore balza in piedi lasciando cadere la tazza.
“ Cosa sta facendo ? ”
Il monaco si ferma, raccoglie la tazza vuota e la porge di nuovo al suo ospite, stavolta riempendola senza farla traboccare.
“ Questa tazza è come la sua mente, che non può recepire nulla di nuovo perché è già troppo colma. ”
“Per poterla riempire bisogna prima essere sicuri che sia vuota".
Kinkaku Oggetto: Testo beneaugurante  19 Mag, 2006 - 11:02  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4233
Attività utente
Attività utente

Anche se in forma di poesia, il testo è riflessione.


La Felicità Creatrice

Se tu progetti per un anno,
semina grano.
Se per dieci anni,
pianta un albero.
Se per cento anni,
diffondi bellezza.

Seminando grano,
raccoglierai una volta.
Piantando un albero,
raccoglierai dieci volte.
Diffondendo bellezza,
raccoglierai cento volte.

Kuan-tseu VII sec. a.C.
Admin Oggetto: I nostri racconti e riflessioni  11 Mag, 2006 - 15:40  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 220
Amministratore
Amministratore

BENVENUTI !!!

Nuova discussione   Rispondi Vai a pagina              ...          
109
 
ANZIANI.IT
Via del Poggio Laurentino 2
00144 Roma (RM)
P.Iva: 05121921000
DATA PROTECTION OFFICER

E' possibile contattare in qualsiasi momento questa email dpo@final.it per richiedere l'anonimizzazione o rimozione completa dei propri dati dalla piattaforma secondo la General Data Protection Regulation (GDPR).

INFORMAZIONI LEGALI