Vai a pagina       
2
      ...             
  I Forum di Anziani.it  Libri  Parliamo di libri
Nuova discussione   Rispondi
Patrizia51 Oggetto:   17 Giu, 2018 - 15:54  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente

Life is a book




_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   23 Apr, 2018 - 10:11  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente

23 aprile - GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO

Il 23 aprile ogni anno si celebra in più di 100 Paesi la Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore, istituita nel 1996 dall’UNESCO e festeggiata con iniziative, eventi e progetti volti a promuovere la lettura, le attività editoriali e l’importanza della proprietà intellettuale protetta dal copyright.

Le origini

L’idea di una giornata dedicata al libro nacque per la prima volta in Catalogna, promossa dallo scrittore valenziano Vincent Clavel Andrés. Fu re Alfonso XIII, il 6 febbraio 1926, a istituire una Giornata del libro spagnolo celebrata in tutta la nazione, inizialmente fissata nella data del 7 ottobre e successivamente spostata al 23 aprile, giorno della festa del patrono della Catalogna San Giorgio. In questa giornata, è tradizione in Spagna che gli uomini regalino alle proprie donne una rosa, sicché divenne consuetudine tra i librai catalani dare in omaggio una rosa ai clienti per ogni libro comprato. Divenuta festa internazionale nel 1996 per volontà dell’Unesco, la Giornata Mondiale del Libro si celebra in una data di grande importanza per il mondo delle lettere, in quanto proprio il 23 aprile morirono tre grandi scrittori, lo spagnolo Miguel de Cervantes, l’inglese William Shakespeare e l’Inca Garcilaso de la Vega.

La capitale mondiale del libro

Prendendo come criterio le iniziative culturali promosse e i progetti presentati in occasione di questa giornata, l’Unesco nomina ogni anno, dal 2001, una Capitale mondiale del libro. La prima fu Madrid, l’anno successivo fu Alessandria d’Egitto, poi fu la volta di New Delhi, Antwerp, Montreal, Torino, Bogotà, Amsterdam, Beirut, Ljubljana, Buenos Aires e Yerevan. Nel 2013 fu Bangkok, in Thailandia, mentre nel 2014 è stata la volta di Port Harcourt, in Nigeria. Quest’anno come capitale mondiale del libro è stata scelta Atene, capitale delle Grecia. La scelta si è basata sulla qualità del suo programma di iniziative a sostegno dei libri e della lettura e sull’impatto che esso avrà sul settore editoriale. Per il 2019 è stata selezionata Sharjah, città degli Emirati Arabi Uniti, capitale dell’emirato di Sharja.

Libreriamo




Dovete studiare e imparare per farvi un’opinione vostra sulla storia e su tutto, se la mente è vuota le opinioni uno non se le può fare. Riempitevi la mente, riempitevi la mente. La mente è il vostro tesoro e nessuno al mondo può ficcarci il naso. Se uno di voi vincesse la lotteria e si comprasse una casa in cui servissero i mobili secondo voi ci metterebbe tutta robaccia? La mente è la vostra casa e se la riempite di robaccia sentita e vista al cinema la manderete in malora. Potete anche essere poveri e avere le scarpe rotte, ma la vostra mente sarà sempre un palazzo.
{Le ceneri di Angela di Frank McCourt}



_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   21 Mar, 2018 - 14:28  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente



"Ho quattro ruote piantate a terra, ma faccio salti altissimi. I limiti non sono quelli che il corpo ci pone, ma quelli che ci poniamo noi stessi"

"Faccio salti altissimi" è il nuovo libro di Iacopo Melio, che molti di noi seguono da tempo su Facebook, e che è assolutamente da leggere.

Nel suo libro autobiografico, Iacopo infrange i preconcetti sulla disabilità, ma non solo: il suo è un inno alla vita, è un invito ad "apprezzare i gesti e le cose semplici, di tutti i giorni, che troppo spesso nemmeno notiamo". "Perché - come scrive - non serve fare chissà che di straordinario per accorgersi che la vita è uno spettacolo pazzesco. La vera bellezza la troveremo ogni volta nel posto più inaspettato, l'imperfezione; quella consapevole, che ci permette di essere noi stessi, sempre e comunque e nonostante tutto. Orgogliosi di ciò che siamo e saremo. Festeggiando con in mano un bicchiere costantemente mezzo pieno".

Molto interessante la sua intervista su
Huffingtonpost

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto: Anche per me è così.....  25 Feb, 2018 - 21:13  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente


"Per me i libri sono solo quelli di carta. Il resto è soltanto lettura, lettura di un dispositivo elettronico, ma non di un libro. Un libro è quell'oggetto con un profumo tutto particolare, che ti entra nelle narici e ci resta per un po'. È quell'oggetto stampato e rilegato con una procedura così affascinante da essere meta di visite guidate per le scolaresche. Un libro è quello che scegli dalla copertina, e non solo per la bellezza dell'immagine, ma anche per la sua consistenza: rigida o leggera, liscia o ruvida, lucida oppure opaca. E la carta... Il colore, la grammatura, la sensazione che immagini sotto la punta della matita quando andrai a sottolineare una frase sulle pagine. Un libro, poi, è anche tutto quello che può contenere: il biglietto di un viaggio o di un concerto, un segnalibro come souvenir di una città, una vecchia foto, lo scontrino di un regalo speciale: perché un libro di carta resterà per sempre su uno scaffale a rappresentare un ricordo..."❤️

Libreria Fogola - Pisa


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto: Parigi e....i libri  29 Gen, 2018 - 23:54  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente

Parigi - La suite pensata per gli amanti dei libri
A Parigi la magia dei libri e il relax si incontrano nelle mura del Paris Boutik, un luogo pensato per chi ama leggere e vuole immergersi in una nuova esperienza per vivere la romantica, meravigliosa Parigi….




"Chi non ha mai passato interi pomeriggi con le orecchie in fiamme e i capelli ritti in testa chino su un libro, dimenticando tutto il resto del mondo intorno a sé, senza più accorgersi di aver fame o freddo; chi non ha mai letto sotto le coperte, al debole bagliore di una minuscola lampadina tascabile, perché altrimenti il papà o la mamma o qualche altra persona si sarebbero preoccupati di spegnere il lume per la buona ragione ch'era ora di dormire, dal momento che l'indomani mattina bisognava alzarsi presto; chi non ha mai versato, apertamente o in segreto, amare lacrime perché una storia meravigliosa era finita ed era venuto il momento di dire addio a tanti personaggi con i quali si erano vissute tante straordinarie avventure, a creature che si era imparato ad amare e ammirare, per le quali si era temuto e sperato e senza le quali d'improvviso la vita pareva così vuota e priva di interesse... "

(La storia infinita di Michael Ende)

... qui, in questa suite, non accadrebbe tutto questo perchè nessuno ti impedirebbe di continuare a leggere e, se arrivasse la tristezza, si può sempre trovare il modo di scacciarla.... siamo a Parigi, che diamine, ci sarebbe certo di che consolarsi ....


PS - Ho appena cercato su Google l'immagine dell'hotel e subito mi è arrivata la notifica da Booking.com per prenotare la camera al Paris Boutik giusto per San Valentino....



.... queste indicizzazioni sono una grande tentazione.....


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
moniaxa Oggetto:   24 Gen, 2018 - 11:40  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4889
Attività utente
Attività utente

..lessi il libro appena uscito, contro ogni previsione,l'ho trovato noioso, forse, non conoscendo , la realta' a cui si e'

ispirata ' la mia conterranea''
Patrizia51 Oggetto:   23 Gen, 2018 - 19:01  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente

"Non dire mai: di quest'acqua io non ne bevo", che poi sarebbe come dire "mai dire mai". Si può riassumere in questa frase che Bonaria Urrai dice alla "figlioccia" Maria tutta la storia e la "sostanza" di Accabadora di Michela Murgia. Ambientato nella Sardegna degli anni cinquanta, descrive un mondo antico che sta per finire, che ha le sue regole, i suoi divieti e taciti patti condivisi, un universo lontano fatto di tradizioni che hanno un loro equilibrio che la modernità che sta avvicinandosi distruggerà, ma solo in parte.
Bello, molto, leggetelo.

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   04 Gen, 2018 - 17:18  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente



“Chi accumula libri, accumula desideri”
(Ugo Ojetti)
Madrid
Art: Alicia Martín


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
nonnogatto Oggetto:   29 Dic, 2017 - 21:17  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2999
Attività utente
Attività utente






Anna Bono (Università di Torino, Storia e istituzioni dell’Africa)


dalla prefazione:

In questo libro, che riassume anni di ricerca, Anna Bono smonta in particolare due fake-news, due autentiche falsificazioni, che hanno invece segnato il dibattito politico su questo tema.

Prima fake-news: “Quelli che arrivano sono profughi, scappano dalla guerra, la loro è una migrazione forzata”. Non è vero, spiega Anna Bono! Dati alla mano, esaminati anno per anno, viene fuori (qui sintetizzo, ma nel volume ci sono tutti i dettagli) che, grosso modo, su 100 migranti che arrivano in Italia, solo 4 si vedranno riconoscere lo status di profugo o rifugiato di guerra. Gli altri 96 sono sostanzialmente migranti economici.

Seconda fake-news: “Quelli che arrivano sono i più poveri fra i poveri”. Non è vero nemmeno questo! Certo, non sono persone benestanti: non occorre un genio per capirlo. Ma sono comunque persone provenienti da paesi stabili (spesso democrazie imperfette, fragili, giovani, ma pur sempre democrazie), e persone che sono state in grado di raccogliere i non pochi soldi (da 5 a 10 mila dollari) necessari a pagare le organizzazioni criminali che lucrano su questo traffico di esseri umani.

Già questa operazione di demistificazione merita ogni gratitudine: la professoressa Bono dimostra che oggi l’atto più “rivoluzionario” è studiare i fenomeni senza pregiudizi, esaminare numeri e dati, anziché “fabbricare narrazioni”.


Patrizia51 Oggetto:   06 Dic, 2017 - 12:16  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente

Luogo da sogno (in tutti i sensi) per gli amanti dei libri.... chi non vorrebbe una camera così?






_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   18 Ott, 2017 - 17:28  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente








e, aggiungo io, delle varie tappe della nostra vita ... quello che leggiamo ora non è quello che leggevamo a vent'anni e se lo rileggessimo ora, non sarebbe lo stesso libro.

"Dai libri che leggi, posso giudicare della tua professione, cultura, curiosità, libertà. Dai libri che rileggi, conosco la tua età, la tua indole, quello che hai sofferto, quello che speri."

- U. Ojetti -


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   15 Ott, 2017 - 23:49  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente

15 ottobre - SOCIAL BOOK DAY


Per celebrarlo, una pagina di un libro "senza tempo" che credo tutti abbiamo letto: L'amante di Lady Chatterley di David Herbert Lawrence



_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
cicuta Oggetto: la conferenza di Paolo Cognetti  20 Set, 2017 - 16:52  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2431
Attività utente
Attività utente

l'incontro con Paolo Cognetti- - BOLOGNA 16/9/2017 -il video di Bologna era troppo buio, ma per non lasciare inutilizzato lo spazio lo sostituisco con questo.



cicuta Oggetto: Le otto montagne  17 Set, 2017 - 08:33  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2431
Attività utente
Attività utente

Ieri pomeriggio nella sala Stabat Mater del'Archiginnasio è avvenulo l'incontro con lo scrittore Paolo Cognetti, vincitore del Premio Strega con il suo romanzo "Le otto montagne". Io lo sto' leggendo, ed assaporando pagina per pagina cio' che scrive, con il linguaggio preciso, essenziale e sincero di chi conosce cio' di cui scrive, e mi fa' sentire come se fossi fra le montagne con lui, in mezzo a boschi, neve , e gli inevitabili disagi di chi vi abita. Lui mi è apparso una persona semplice, che si porge ai lettori così com'è, senza fronzoli e presunzioni. La sala era gremita, ed io purtroppo me ne sono stata in piedi, appoggiata ad una specie di sgabello d'epoca, vicino al muro; tuttavia meritava la fatica.

Non riesco a postare l'immagine perchè con il sistema che uso viene troppo piccola e non allargabile; se avete la pazienza di cliccare. io ero in fondo alla sala, sotto il grande scudo che si vede dipinto nel muro.



http://www.archiginnasio.it/img/2stabat_b.jpg
Patrizia51 Oggetto:   29 Lug, 2017 - 16:31  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente

Che spettacolo!
Scale dell'Università di Balamand in Libano... ogni gradino... un libro....





_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   25 Lug, 2017 - 17:00  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente

Ciao Sticla, grazie della fiducia, mi farà senz'altro piacere conoscere la tua opinione.

Se posso consigliarti un altro libro che mi è piaciuto molto, se non lo hai letto, è Carne mia di Roberto Alajmo; tutt'altro genere, ma che "cattura" molto. Poi fammi sapere, se ti va.

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Sticla Oggetto:   25 Lug, 2017 - 08:26  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 1436
Attività utente
Attività utente

Ciao Pat, ho letto volentieri i primi libri della Allende, poi l'ho abbandonata, non mi ispirava più...ma se ti è piaciuto questo lo leggerò volentieri, sono a corto di libri in questo momento! poi ti dirò

Patrizia51 Oggetto:   24 Lug, 2017 - 18:12  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente





L'AMANTE GIAPPONESE di Isabelle Allende..... se non lo avete letto, leggetelo, a me è piaciuto tantissimo..... una vicenda che trascende il tempo...

"Ci sono passioni che divampano come incendi fino a quando il destino non le soffoca con una zampata, ma anche in questi casi rimangono braci calde pronte ad ardere nuovamente non appena ritrovano l'ossigeno."

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Sticla Oggetto:   11 Lug, 2017 - 08:36  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 1436
Attività utente
Attività utente

Letto...molto carino quel libro

Patrizia51 Oggetto:   10 Lug, 2017 - 15:32  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4870
Attività utente
Attività utente

Ho chiamato la mia libreria galleggiante “Farmacia letteraria”, perché volevo dedicarmi a quegli stati d’animo che non hanno lo status di malattia e che i dottori non degnano di attenzione. Tutte queste timide emozioni, i moti interiori, a cui nessun terapeuta si interessa perché probabilmente troppo piccoli e incomprensibili. Ciò che proviamo quando l’estate finisce di nuovo. O quando capiamo di non avere più tutta la vita davanti per poter trovare il nostro posto nel mondo. O quando i sottili dispiaceri per quando un’amicizia rimane in superficie e bisogna continuare la ricerca di un confidente. La malinconia che ci coglie la mattina del compleanno. La nostalgia dell’aria che respiriamo nell’infanzia. E cose del genere.

(da “Una piccola libreria a Parigi” di N. George)






_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Nuova discussione   Rispondi Vai a pagina       
2
      ...             
ANZIANI.IT
Via del Poggio Laurentino 2
00144 Roma (RM)
P.Iva: 05121921000
DATA PROTECTION OFFICER

E' possibile contattare in qualsiasi momento questa email dpo@final.it per richiedere l'anonimizzazione o rimozione completa dei propri dati dalla piattaforma secondo la General Data Protection Regulation (GDPR).

INFORMAZIONI LEGALI