Vai a pagina       
2
      ...             
Nuova discussione   Rispondi
cicuta Oggetto: 8 MARZO  07 Mar, 2020 - 16:38  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2413
Attività utente
Attività utente

8 marzo: fateci festa tutto l'anno, non "la festa"

Il Coraggio delle Donne

Sono coraggiose le donne,

ci costa caro, ma bisogna ammetterlo.

La fragilità? Solo uno stato culturale,

più che un dato biologico.

Sono forti e coraggiose, le donne.

Quando scelgono la solitudine, rinunciando a un falso amore

, smascherandone la superficialità.

Sono coraggiose le donne,

quando crescono i figli senza l’aiuto di nessuno,

rivalutando l’ancestrale primato,

quello di essere mamme.

Hanno il coraggio di non chiedere

a uomini che sono anche padri,

la loro presenza,puntualmente assente.

Uomini che rifuggono le proprie responsabilità,

trincerandosi in comodi ruoli o

paraventi infantili di adulti mai cresciuti.

Sono forti e coraggiose, le donne,

quando a discapito di tutto e di tutti

scelgono i propri compagni;

costruendo solide storie spendendo patrimoni sentimentali,

contro la morale comune.

Sono forti e coraggiose, le donne,

quando sopportano, violenze di ogni tipo

per salvaguardare quello che resta di famiglie,

che non son più tali

Sono la speranza del mondo, le donne,

in qualsiasi circostanza continuano a far nascere uomini,

che poi le tradiranno.

Bruno Esposit
o
Patrizia51 Oggetto:   06 Mar, 2020 - 16:33  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

Il cantico delle paure

Lavatevi le mani
ma andate scalzi
e baciate la terra
ferita
starnutite pure nel gomito
ma leccate le lacrime di chi piange
non viaggiate a vanvera
ora è tempo di stare fermi
nel mondo
per muoversi in noi stessi
dentro gli spazi sottili
del sacro e dell’umano,
indossate pure le mascherine
ma fatene la cattedrale del vostro respiro
dell’afflato del cosmo,
ascoltate pure il telegiornale
che finalmente parla di noi
e del più grande miracolo
mai capitato:
siamo vivi
e non ci rallegra morire.
Per ogni nuovo contagio
accarezzate un cane
piantate un fiore
raccogliete una cicca da terra,
chiamate un amico che vi manca
narrate una fiaba a un bambino.
Ora che tutti contano i morti
contate i vivi,
e vivete per contare,
concedete solo l’ultimo istante
alla morte
ma fino ad allora
viviamo all’infinito,
consacriamoci all’eterno.

Andrea Melis Parolaio

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   25 Feb, 2020 - 19:29  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

Consigli sentimentali

Fate domande
ma senza chiedere risposte,
cantate passando da una stanza all'altra,
stupitevi che c'è un frigorifero
e che lo potete aprire,
lasciate la confidenza ai respiri,
siate contenti qualche volta del suo nervosismo
ed anche del vostro,
non forzate l'amore ad essere amore.
Trattate bene la vostra solitudine e la sua.
Baciate la sua nuca all'improvviso,
Noi siamo bestie che possiamo farci delle gentilezze.
Ricordatevi William Blake:
"chi desidera ma non agisce, alleva pestilenza".

Diffidate della psicologia,
l'inferno del chi sei tu e del chi sono io.
Non essere gentile quando sei nervoso.
Considera che il silenzio è una punteggiatura.
Ascolta la rabbia con attenzione.
Confessa che se sei prigioniero degli altri è per scelta,
se sei prigioniero di te stesso é per malattia.

Impara il codice delle relazioni:
arrenditi quando ti portano rancore
per i torti che ti hanno fatto.
Infine, spostati,
non intralciare mai la marcia indietro.

Diffidate di chi vi fa la tac
ma poi non vuole spendere tempo per la cura.
Quando non vi odiano pazzamente,
quando non hanno un entusiasmo clamoroso nei vostri confronti,
lasciate stare, non è una storia d'amore.
Quando non hanno tempo
lasciate stare, non è una storia d'amore.
Quando non dovete avere pretese,
quando dovete essere garbati,
lasciate stare, non è una storia d'amore.
Quando non hanno la frenesia di vedervi
lasciate stare, non è una storia d'amore.

Dammela tu
una brutale vicinanza,
tagliami i ponti con la paura.
L'amore deve essere un assedio,
ferro e fuoco,
colpi violenti, morsi
per aprire la strada alla dolcezza.

(F. Arminio)


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   13 Feb, 2020 - 17:05  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   30 Gen, 2020 - 19:37  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

Ti amo
quando mangi dal mio piatto
quando non rispondi e resti pensierosa,
amo la tua espressione imbronciata
quando dico qualcosa di sbagliato,
i tuoi occhi spalancati
quando, forse,
ho detto la cosa giusta.
Ti amo al risveglio,
spettinata, persa in quella bellezza
che solo io possiedo
e che il mondo non conoscerà mai.
Amo quando mi chiami
perché è sempre nel momento sbagliato.
Mi piace spiarti,
mentre cucini
o scegli la frutta,
mentre apri la finestra
o stendi il bucato.
Amo il tuo profumo,
sai di casa.
Amo sentire
il suono dei tuoi piedi scalzi
mentre ti avvicini.
Amo il tuo corpo,
rifugio, riparo, riposo.

Maurizio Rossato


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   25 Gen, 2020 - 17:28  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

Ho imparato
Ottaviano Paler

Ho imparato alcune cose nella vita che condivido con voi!

Ho imparato che non puoi far sì che qualcuno ti ami.
Tutto quello che puoi fare è essere una persona amata.
Il resto... dipende dagli altri

Ho imparato che per quanto mi importi,
Ad altri potrebbero non interessare.

Ho imparato che ci vogliono anni per guadagnare la fiducia
E che solo in pochi secondi puoi perderla.

Ho imparato che non importa quello che hai nella vita ma chi hai.

Ho imparato che sei bravo e il tuo fascino ti serve per circa 15 minuti.
Dopodiché, dovresti avere qualcosa da dire.

Ho imparato che non devi paragonarti a ciò che gli altri possono fare meglio,
Conta quello che puoi fare.

Ho imparato che non importa cosa succede alle persone,
Conta quello che posso fare per aiutarle.

Ho imparato che ogni cosa si taglia, ogni cosa ha due facce.

Ho imparato che devi lasciare i tuoi cari con parole calde,
Potrebbe essere l'ultima volta che li vedi.

Ho imparato che puoi continuare ancora a lungo dopo aver detto che non puoi più.

Ho imparato che gli eroi sono quelli che fanno la cosa giusta, quando devono, indipendentemente dalle conseguenze.

Ho imparato che ci sono persone che ti vogliono bene, ma non sanno come dimostrarlo.

Ho imparato che quando sono arrabbiato ho il diritto di essere arrabbiato, ma non ho il diritto di essere cattivo.

Ho imparato che la vera amicizia continua ad esistere anche a distanza,
E questo vale anche per il vero amore

Ho imparato che se qualcuno non ti ama come vorresti,
Non significa che non ti ami con tutto il cuore

Ho imparato che non importa quanto sia buono il tuo amico,
Comunque ti farà del male ogni tanto,
E tu devi perdonarlo per questo.

Ho imparato che non sempre basta essere perdonati dagli altri,
A volte bisogna imparare a perdonare te stesso.

Ho imparato che non importa quanto tu soffra,
Il mondo non si fermerà per il tuo dolore.

Ho imparato che il passato e le circostanze potrebbero influenzare la tua personalità,
Ma che sei responsabile di ciò che stai diventando.

Ho imparato che due persone che litigano,
Non significa che non si amano
Né il fatto che non litigano,
Non provare che si amano

Ho imparato che due persone possono guardare la stessa cosa e vederla completamente diversa.

Ho imparato che è molto difficile capire dove mettere la linea tra
Essere gentile, non ferire le persone e sostenere le tue opinioni.

Ho imparato ad amare per poter essere amato.

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   19 Gen, 2020 - 17:03  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

MANIFESTO DEL CONTADINO IMPAZZITO

Amate pure il guadagno facile,
l'aumento annuale di stipendio, le ferie pagate.
Chiedete più cose prefabbricate,
abbiate paura di conoscere i vostri prossimi e di morire.
Quando vi vorranno far comprare qualcosa
vi chiameranno.
Quando vi vorranno far morire per il profitto,
ve lo faranno sapere.

Ma tu, amico,
ogni giorno fa qualcosa che non possa essere misurato.
Ama la vita. Ama la terra.
Conta su quello che hai e resta povero.
Ama chi non se lo merita.
Non ti fidare del governo, di nessun governo.
E abbraccia gli esseri umani:
nel tuo rapporto con ciascuno di loro riponi la tua speranza politica.

Approva nella natura quello che non capisci,
perché ciò che l'uomo non ha compreso non ha distrutto.
Fai quelle domande che non hanno risposta.
Investi nel millennio... pianta sequoie.
Sostieni che il tuo raccolto principale è la foresta che non hai seminato,
e che non vivrai per raccogliere.
Poni la tua fiducia nei cinque centimetri di humus
Che crescono sotto gli alberi ogni mille anni.

Finché la donna non ha molto potere,
dai retta alla donna più che all'uomo.
Domandati se quello che fai
potrà soddisfare la donna che è contenta di avere un bambino.
Domandati se quello che fai
disturberà il sonno della donna vicina a partorire.
Vai con il tuo amore nei campi.
Risposati all'ombra.

Quando vedi che i generali e i politicanti
riescono a prevedere i movimenti del tuo pensiero,
abbandonalo.
Lascialo come un segnale della falsa pista,
quella che non hai preso.
Fai come la volpe, che lascia molte più tracce del necessario,
diverse nella direzione sbagliata.
Pratica la resurrezione.

Versi di Wendell Berry (1934-), scrittore, poeta, contadino e militante ecologista statunitense, dalla raccolta “The Collected Poems, 1957–1982” pubblicata nel 1985.

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   13 Gen, 2020 - 17:58  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

Canzona di Bacco

Quant’è bella giovinezza,
che si fugge tuttavia!
chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Quest’è Bacco e Arïanna,
belli, e l’un dell’altro ardenti:
perché ’l tempo fugge e inganna,
sempre insieme stan contenti.
Queste ninfe ed altre genti
sono allegre tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Questi lieti satiretti,
delle ninfe innamorati,
per caverne e per boschetti
han lor posto cento agguati;
or da Bacco riscaldati
ballon, salton tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia
di doman non c’è certezza.

Queste ninfe anche hanno caro
da lor essere ingannate:
non può fare a Amor riparo
se non gente rozze e ingrate:
ora, insieme mescolate,
suonon, canton tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Questa soma, che vien drieto
sopra l’asino, è Sileno:
così vecchio, è ebbro e lieto,
già di carne e d’anni pieno;
se non può star ritto, almeno
ride e gode tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Mida vien drieto a costoro:
ciò che tocca oro diventa.
E che giova aver tesoro,
s’altri poi non si contenta?
Che dolcezza vuoi che senta
chi ha sete tuttavia?
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Ciascun apra ben gli orecchi,
di doman nessun si paschi;
oggi siam, giovani e vecchi,
lieti ognun, femmine e maschi;
ogni tristo pensier caschi:
facciam festa tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Donne e giovinetti amanti,
viva Bacco e viva Amore!
Ciascun suoni, balli e canti!
Arda di dolcezza il core!
Non fatica, non dolore!
Ciò c’ha a esser, convien sia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Lorenzo de’ Medici


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   07 Gen, 2020 - 23:59  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

A volte,
solo a volte,
ritirarsi non è arrendersi.

Cambiare non è ipocrisia,
disfare non è distruggere.

Essere soli non è allontanarsi,
e il silenzio non è non aver niente da dire.

Restare fermi non è pigrizia,
né vigliaccheria,
è sopravvivere.

Immergersi non è annegare,
retrocedere non è fuggire.

A volte,
solo a volte,
occorre allontanarsi per vedere,
issare le vele,

abbandonarsi,
lasciare che scorra,
che il vento cambi,
chiudere gli occhi e tacere.


M.Guadalupe Munguìa Tiscareño


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   02 Gen, 2020 - 10:05  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

BUON 2020!!!!!

Che sia buono
Nei gesti
Nell’animo
Nelle strette di mano
E negli abbracci

Che sia buono
Con le cattiverie
E i dolori
Con chi non ci vede
E chi chiude gli occhi

Che sia buono
Negli affetti
Nel fare
Nel sognare nelle notti più dure
Nel dare ancora

Che sia buono
Nelle incomprensioni
E nelle comprensioni
Nel capire per comprendere
Nel chiedere

Che sia buono
A non dimenticare
Per perdonare liberamente
E non dimenticare
Per non ripetere

Che sia buono
Nei legami silenziosi
Nei riposi e le fatiche
A risaltar note nascoste
A illuminare sorrisi dimenticati

Che sia buono
Negli amori da vivere
Nel sedare le grida
Con I conflitti fuori e dentro
Nell’ascoltare

Che sia buono
Di odori e sapori
Con le parole non dette
Che resteranno sospese
E quelle trovate da scrivere

Che sia buono
Con le note che non potremo fare
E protegga quelle fatte
Nei ricordi di un brivido di pelle

Che sia buono
Nel fare
Che poi è sempre questa poesia
Che non ci abbandona
Composta di ogni giorno
Fino all’ultimo sorriso

E come in musica
Che sia buono ricordandoci
Di vivere
In ogni giorno il primo giorno
E ogni notte l’ultima
Prima del nuovo giorno



(Ogni anno è vivo,
Di incontri, di giorni e luci e bui
Questo è un augurio per noi
Di tenere chi e ciò che ci ha fatto del bene
E lasciare ciò e chi ci ha fatto male
Comprendendo e perdonando
Senza dimenticare. Perché siamo noi
Allo specchio)

Ezio Bosso

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   31 Dic, 2019 - 15:18  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente





Tanti auguri dal "mio" mare!!!!


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
assodipicche Oggetto: Carpe diem  29 Dic, 2019 - 19:06  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6052
Attività utente
Attività utente

Non chiedere tu mai
quando si chiuderà la tua vita,
la mia vita!
Non tentare gli oroscopi d'Oriente:
male è sapere, o Leuconoe.
Meglio è accettare quello che verrà,
gli altri inverni che Giove donerà,
o se questo è l'ultimo
che stanca il mare etrusco
opponendogli scogli di pomice leggera.
Sii saggia e filtra il vino
e recidi la speranza lontana,
perché breve è il nostro cammino
e ora, mentre si parla,
il tempo è già in fuga
come se ci odiasse!
Così...cogli la giornata
non credere al domani!

(Orazio, Odi - I 11)
Patrizia51 Oggetto:   28 Dic, 2019 - 17:49  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

Le parole

Le parole non hanno occhi né gambe,
non hanno bocca né braccia,
non hanno visceri
e spesso nemmeno cuore,
o ne hanno assai poco.
Non puoi chiedere alle parole
di accenderti una sigaretta
ma possono renderti più piacevole il vino.
E certo non puoi costringere le parole
a fare qualcosa che non voglion fare.
non puoi sovraccaricarle
e non puoi svegliarle quando decidono di dormire.
Qualche volta gli scrittori
si uccidono
quando le parole li lasciano.
Altri scrittori
fingeranno di averle ancora
in pugno
anche se le loro parole
sono già morte e sepolte.
Le parole sono
uno dei più grandi
miracoli al mondo,
possono illuminare
o distruggere menti,
nazioni,
culture.
Le parole sono belle
e pericolose.
Se vengono a trovarti,
te ne accorgerai
e ti sentirai
il più fortunato
della terra. Nient'altro avrà più
importanza
e tutto sembrerà importante.
Ti sentirai
il dio sole,
riderai del tempo che fugge,
ce l'avrai fatta,
lo sentirai
dalle dita
fino alle budella,
e sarai diventato,
finché
dura,
un fottutissimo scrittore
che rende possibile
l'impossibile,
scrivendo parole,
scrivendole,
scrivendole.

Charles Bukowski

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   24 Dic, 2019 - 00:21  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente



E te ne vai, Maria, fra l'altra gente
che si raccoglie intorno al tuo passare,
siepe di sguardi che non fanno male
nella stagione di essere madre.
Sai che fra un'ora forse piangerai
poi la tua mano nasconderà un sorriso:
gioia e dolore hanno il confine incerto
nella stagione che illumina il viso.
Ave Maria, adesso che sei donna,
ave alle donne come te, Maria,
femmine un giorno per un nuovo amore
povero o ricco, umile o Messia.
Femmine un giorno e poi madri per sempre
nella stagione che stagioni non sente.

Fabrizio De Andre / Gian Piero Reverberi

BUON NATALE


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   20 Dic, 2019 - 15:52  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

Vive nel fondo di me
cristallizzata
una bambina
dai pensieri
come acqua di lago
dove non si tocca.

Non invecchia,
non si fa carico del tempo.

La vita che sfiorisce
non la tocca,
del tempo
che si prende
il meglio
non se ne cura.

Un giorno lei sarà dentro
un profumo salato di mare.

Acqua nella neve, fumo di comignoli, brezza di fresche notti.

Sarà nelle stagioni
che tornano
come tornano vivide
le infanzie
dentro la memoria.

Giusy J. Palumbo

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   12 Dic, 2019 - 23:53  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

Un giorno tutti saremo felici.
Le lacrime, chi le ricorderà?
I bimbi scoveranno
nei vecchi libri
la parola "piangere"
e alla maestra in coro chiederanno:
"Signora, che vuol dire?
Non si riesce a capire".
Sarà la maestra,
una bianca vecchia
con gli occhiali d'oro,
e dirà loro:
Così e così.
I bimbi lì per lì
non capiranno.
A casa, ci scommetto,
con una cipolla a fette
proveranno e riproveranno
a piangere per dispetto
e ci faranno un sacco di risate...
E un giorno tutti in fila,
andranno a visitare
il Museo delle lacrime:
io li vedo, leggeri e felici,
i fiori che ritrovano le radici.
Il Museo non sarà tanto triste:
non bisogna spaventare i bambini.
E poi, le lacrime di ieri
non faranno più male:
è diventato dolce il loro sale.
...E la vecchia maestra narrerà:
"Le lacrime di una mamma senza pane...
le lacrime di un vecchio senza fuoco...
le lacrime di un operaio senza lavoro...
le lacrime di un negro frustato
perché aveva la pelle scura..."
"E lui non disse nulla?"
"Ebbe paura?"
"Pianse una sola volta ma giurò:
una seconda volta
non piangerò".
I bimbi di domani
rivedranno le lacrime
dei bimbi di ieri:
del bimbo scalzo,
del bimbo affamato,
del bimbo indifeso,
del bimbo offeso, colpito, umiliato...
Infine la maestra narrerà:
"Un giorno queste lacrime
diventarono un fiume travolgente,
lavarono la terra
da continente a continente,
si abbatterono come una cascata:
così, così la gioia fu conquistata".

Gianni Rodari

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   06 Dic, 2019 - 16:40  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

Se (lettera al figlio) di Rudyard Kipling - 1910
Una delle poesie più belle ed emozionanti dedicate ai figli



_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   02 Dic, 2019 - 23:58  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

“Non è mai morta la bambina che fui
si stringe a me con i suoi sogni
sbrindellati
e quanto dolore quanta rabbia
quanto disperato amore…

All’orizzonte della mia sera
si sfilacciano bianchi cirri
strade senza meta
porte che restano chiuse
ma tengo in pugno ben serrati
i sassolini per il sentiero perduto
raccolti dalla bambina

ad uno a uno li lascio cadere
fra l’uniforme grigio
un sassolino bianco
che occhieggia malandrino

sono punti sul rigo
pensieri a capo
ricomincia ogni volta la lenta marcia
sempre all’indicativo presente.”

Narda Fattori


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   25 Nov, 2019 - 17:43  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

Sei bella.
E non per quel filo di trucco.
Sei bella per quanta vita ti è passata addosso,
per i sogni che hai dentro
e che non conosco.
Bella per tutte le volte che toccava a te,
ma avanti il prossimo.
Per le parole spese invano
e per quelle cercate lontano.
Per ogni lacrima scesa
e per quelle nascoste di notte
al chiaro di luna complice.
Per il sorriso che provi,
le attenzioni che non trovi,
per le emozioni che senti
e la speranza che inventi.
Sei bella semplicemente,
come un fiore raccolto in fretta,
come un dono inaspettato,
come uno sguardo rubato
o un abbraccio sentito.
Sei bella
e non importa che il mondo sappia,
sei bella davvero,
ma solo per chi ti sa guardare.

Alda Merini


_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Patrizia51 Oggetto:   22 Nov, 2019 - 15:34  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4812
Attività utente
Attività utente

Non lamentarti

Non incolpare nessuno, non lamentarti mai di nessuno, di niente,
perché in fondo tu hai fatto quello che volevi nella vita.
Accetta la difficoltà di costruire te stesso ed il valore di cominciare a correggerti.
Il trionfo del vero uomo proviene dalle ceneri del suo errore.
Non lamentarti mai della tua solitudine o della tua sorte, affrontala con valore e accettala.
In un modo o in un altro è il risultato delle tue azioni
e la prova che Tu sempre devi vincere.
Non amareggiarti del tuo fallimento né attribuirlo agli altri.
Accettati adesso o continuerai a giustificarti come un bimbo.
Ricordati che qualsiasi momento è buono per cominciare e che nessuno è così terribile per cedere.
Non dimenticare che la causa del tuo presente è il tuo passato,
come la causa del tuo futuro sarà il tuo presente.
Apprendi dagli audaci, dai forti da chi non accetta compromessi, da chi vivrà malgrado tutto, pensa meno ai tuoi problemi e più al tuo lavoro.
I tuoi problemi, senza alimentarli, moriranno.
Impara a nascere dal dolore e ad essere più grande, che è il più grande degli ostacoli.
Guarda te stesso allo specchio e sarai libero e forte
e finirai di essere una marionetta delle circostanze, perché tu stesso sei il tuo destino.
Alzati e guarda il sole nelle mattine e respira la luce dell’alba.
Tu sei la parte della forza della tua vita.
Adesso svegliati, combatti, cammina, deciditi e trionferai nella vita;
Non pensare mai al destino,perché il destino è il pretesto dei falliti.

Pablo Neruda

_________________
Preferisco le eccezioni - Wislawa Szymborska
Nuova discussione   Rispondi Vai a pagina       
2
      ...             
ANZIANI.IT
Via del Poggio Laurentino 2
00144 Roma (RM)
P.Iva: 05121921000
DATA PROTECTION OFFICER

E' possibile contattare in qualsiasi momento questa email dpo@final.it per richiedere l'anonimizzazione o rimozione completa dei propri dati dalla piattaforma secondo la General Data Protection Regulation (GDPR).

INFORMAZIONI LEGALI