Vai a pagina              ...          
25
 
  I Forum di Anziani.it  Pagine di Storia  La storia che nessuno conosce
Nuova discussione   Rispondi
LAREDAZIONE Oggetto:   02 Feb, 2007 - 02:39  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 116
Moderatore
Moderatore

GLI EBREI NELLA STORIA (2)

Le origini, la formazione della diaspora

Gli ebrei hanno una propria religione, cultura, tradizione e storia che data da oltre 30 secoli. Il loro nome è fatto risalire etimologicamente a un leggendario progenitore Ever o alla provenienza geografica originaria, al di là del fiume Eufrate. La storia antica degli ebrei è narrata dalla Bibbia, da sempre il testo base della cultura e della tradizione ebraica. La peculiarità dell’ebraismo era costituita, in base all’intuizione di Abramo, dal monoteismo, in un’epoca in cui dominavano forme religiose politeistiche.

Per circa dodici secoli gli ebrei ebbero una vita indipendente in Palestina, dove elaborarono una cultura originale fondata sul messaggio biblico e profetico. La Torà o Pentateuco divenne la legge morale, civile e sociale del popolo di Israele: vi sono contenute norme relative al comportamento del singolo in una società organizzata, e ai rapporti familiari, sociali, giuridici e di lavoro. Secondo lo spirito della Torà vivere secondo i precetti in essa contenuti eleva l’uomo e conferisce un valore morale agli atti della vita quotidiana……
Il Talmud ( studio, insegnamento) si può definire il codice fondamentale del sapere e del vivere ebraico : vi si trovano discussioni sui precetti contenuti nella Torà, sentenze e opinioni di Maestri, fatti storici, leggende, nozioni scientifiche, tradizioni popolari, ma soprattutto indicazioni di metodo su come agire dando alle proprie azioni un significato etico.

La presenza degli ebrei in Europa data dal II secolo a.C. A Roma, dove gli ebrei avevano inviato ambascerie fino dall’epoca dei Maccabei, il gruppo ebraico aumentò la sua consistenza all’epoca di Pompeo che, dopo la conquista della Palestina nel 63 a.C. , portò nella città un folto gruppo di prigionieri e di schiavi. Altri nuclei erano rappresentati da gruppi di mercanti del Levante venuti nella penisola al seguito delle legioni romane. Come altri popoli del Mediterraneo, quali i greci e i fenici, gli ebrei si stabilirono nei territori romani dedicandosi all’artigianato e al commercio.

Con la distruzione del Tempio di Gerusalemme a opera dell’imperatore Tito, nel 70 d.C., ebbe inizio la diaspora o dispersione degli ebrei nel mondo: la comunità di Roma si accrebbe di numerosi profughi e prigionieri che andarono a consolidare il nucleo ebraico già esistente. Il candelabro del Tempio di Gerusalemme, raffigurato nel bassorilievo dell’ Arco di Tito come bottino di guerra del trionfo imperiale, divenne simbolo dell’indipendenza nazionale perduta.
.....

Franca Tagliacozzo, Bice Migliau "Gli ebrei nella storia e nella società contemporanea" La Nuova Italia, 1993, pp 1/2

(a cura della redazione di anziani.it)

LAREDAZIONE Oggetto:   31 Gen, 2007 - 16:39  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 116
Moderatore
Moderatore

GLI EBREI NELLA STORIA (1)
di Franca Tagliacozzo


Premessa metodologica

La presenza da oltre 2OOO anni della minoranza ebraica nella storia d’Europa non ha impedito che spesso ci si riferisca agli ebrei come a stereotipi estrapolati dalla storia e dal contesto sociale di cui fanno parte.
Quasi tutti i testi scolastici, su cui soprattutto si basano le conoscenze di chiunque non sia un esperto dell’argomento, trattano degli ebrei come di oggetti di storia che appaiono e scompaiono senza che ne venga data alcuna spiegazione: sono tra i popoli antichi stanziati sulle sponde del Mediterraneo insieme a egizi e fenici, spariscono in una misteriosa diaspora, ritornano fuori dal nulla, come vittime dello sterminio nazista e dell'antisemitismo, fenomeno dato per scontato e poco analizzato criticamente nelle sue origini.
Inoltre, la storia dell'esperienza ebraica è spesso ridotta a una storia dell’antisemitismo, tanto da indurre a pensare che, se gli ebrei sono stati “sempre” perseguitati, qualche colpa l’hanno “sicuramente” commessa. Vittime eterne di secolari persecuzioni, gli ebrei sono visti come un gruppo omologato dal punto di vista ideologico ed economico-sociale.

L'ottica scelta da questo tipo di storiografia tende a trascurare non solo molti degli eventi storici necessari alla comprensione delle vicende degli ebrei nel corso del tempo, ma anche quanto la dislocazione in diverse aree geografiche abbia influito nel caratterizzarne usi costumi e vita socio-culturale.
Pertanto non si può parlare solo di storia degli ebrei, ma occorre anche parlare di storia di comunità ebraiche, microcosmi che non si presentano affatto statici ed omogenei, ma assumono caratteristiche diverse a seconda della collocazione geografica, subiscono mutamenti nel tempo, si caratterizzano per il modello di interazione con la società in cui vivono, si adattano o reagiscono agli avvenimenti storici e politici, sviluppano una propria vita culturale. Non sono formati da individui omologati, ma da persone diverse per mentalità, interessi, idee.
Questo appare particolarmente evidente osservando le caratteristiche e le differenziazioni tra le comunità sefardite presenti nell’ Europa occidentale e nell’area mediterranea, e quelle ashkenazite dell’ Europa orientale che, se pur unite dalle comuni radici, si diversificano, oltre che negli aspetti culturali e nella ritualità religiosa, anche linguisticamente con l’uso del ladino gli uni, e dell’yddish gli altri.

La storia degli ebrei merita dunque di essere conosciuta per ciò che è stata. La storia di una minoranza culturale e religiosa che, con il suo bagaglio culturale fondato sull'assoluta trascendenza e unicità di Dio e su un'etica mirata alla realizzazione dell'uomo nella sua prassi e nei suoi rapporti con gli altri, ha largamente contribuito allo sviluppo della società occidentale.
......
(a cura della redazione di anziani.it)







Ultima modifica di LAREDAZIONE il 03 Feb, 2007 - 20:24, modificato 1 volta in totale
LAREDAZIONE Oggetto:   31 Gen, 2007 - 14:40  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 116
Moderatore
Moderatore

Cari amici, vi preghiamo di inserire i vostri commenti, peraltro più che graditi, nel topic aperto qui a fianco ( Domande, osservazioni, approfondimenti), onde evitare in seguito di interrompere l'esposizione del testo che, per facilitarne la lettura, verrà suddiviso in brevi paragrafi .
Grazie!

laredazione

TittiMendoza Oggetto:   31 Gen, 2007 - 12:24  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 5941
Attività utente
Attività utente

Complimenti per l'intelligente ed interessante iniziativa !

Dovremmo tutti imparare a conoscere cosa si cela dietro il sipario delle apparenze che la storia ha proposto e continua a proporre.

Un cordiale saluto, con stima, ai curatori di questo nuovo Topic.

Untuffonelblu Oggetto:   31 Gen, 2007 - 12:07  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 252
Attività utente
Attività utente


Grazie...una splendida iniziativa...
Francesca
LAREDAZIONE Oggetto:   31 Gen, 2007 - 11:52  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 116
Moderatore
Moderatore

Pensiamo di far cosa gradita a molti aprendo questo Forum, che avrà caratteristiche diverse dagli altri. Questo spazio ospiterà alcune “lezioni di storia” su temi e vicende che i nostri manuali solitamente non raccontano e di cui quindi quasi nessuno, se non gli esperti, è a conoscenza.
Riteniamo infatti che sia utile e necessario approfondire la storia di popoli le cui vicende sono state, e sono tuttora, parte integrante della nostra storia . Di questi popoli spesso si hanno solo notizie vaghe e incomplete, a volte distorte, quando la cronaca li porta alla ribalta per fatti di attualità. Ma il presente, per essere compreso a fondo, ha bisogno della conoscenza del passato.

Il nostro lavoro redazionale consisterà nel proporvi la lettura di testi di autori che hanno studiato e scritto di queste “storie che nessuno conosce” .
Inizieremo con una Storia degli ebrei utilizzando stralci di saggi e lezioni di una storica, la dott.ssa Franca Tagliacozzo, che ha lavorato in questi anni a ricostruirne le vicende, dalla diaspora (70 d.C.) alla costituzione dello Stato di Israele nel 1948. Per renderne più agevole la lettura, procederemo trascrivendo di volta in volta brevi spezzoni dei suoi scritti.

Per non interrompere e appesantire il filo del discorso apriremo uno spazio collaterale (Domande, osservazioni, approfondimenti) dove inviare i vostri commenti e eventuali richieste di ulteriori informazioni.

Se, come ci auguriamo, questa nostra iniziativa avrà successo ci proponiamo di proseguire con queste “lezioni” su altri argomenti, ricercando l’apporto e la collaborazione di nuovi esperti.
Grazie, e buona lettura!

laredazione



Admin Oggetto: La storia che nessuno conosce  31 Gen, 2007 - 09:44  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 220
Amministratore
Amministratore

Buona lettura a tutti !

Nuova discussione   Rispondi Vai a pagina              ...          
25
 
ANZIANI.IT
Via del Poggio Laurentino 2
00144 Roma (RM)
P.Iva: 05121921000
DATA PROTECTION OFFICER

E' possibile contattare in qualsiasi momento questa email dpo@final.it per richiedere l'anonimizzazione o rimozione completa dei propri dati dalla piattaforma secondo la General Data Protection Regulation (GDPR).

INFORMAZIONI LEGALI