Vai a pagina              ...          
185
 
Nuova discussione   Rispondi
tiziana Oggetto: ma cert  15 Dic, 2009 - 17:58  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 3171
Attività utente
Attività utente

ma cert viuleta
ti te scrivet come te voret!
haahahahah




violetera Oggetto: auguri per l'apertura del sito  15 Dic, 2009 - 17:26  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 1618
Attività utente
Attività utente

Wue..... auguroni e buon proseguimento....
Ma i non milanesi possono scrivere in italiano?
ciao ciaooooooooo
Vittoria 14 Oggetto:   15 Dic, 2009 - 17:19  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4400
Attività utente
Attività utente


Grassie Lore, te set un bumbunin...

lore14 Oggetto:   15 Dic, 2009 - 16:37  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 6955
Attività utente
Attività utente

Ciao Milan, te voeuri ben...
Gh' è na canzun de Mazzarella che me piass e la me par giusta per el clima natalissi de sti dì chì. La se intitula « La gesa di Lusert », na gesa senza el sagrà e fada de sass...
E siccome sta gesa l'è in su la strada che porta a Biatgrass, mi sta canzun voeuli dedicalla alla Vitti..

(Fioeui, scusè el me milanes, ma co tuti i leng che me tuca parlà, mi credi ca poeudi vess giustifigada ahahahahahah)



La gesa di Lusert
( testo di: Mazzarella. musica di: Moietta )

L 'è ona gesa che gh 'è in su la strada che porta a Abiatgrass,
la gh 'ha minga el sagraa e l'è fada de sass;
l'è freggia d'inverno, co'i mur che se lassen andaa,
ma la cros del Signor la te manda calor.
Nott e dì gh 'è semper vèrt
a la gesa di lusert,
lì ghe prega la povera gent,
senza cà, senza nient.
Famm la grazia anca a mì, che son pover come tì,
tì tel see che son senza pretes,
scusom tant se hoo pregaa in milanes.
Quand l'è primavera e in de l'aria l'è teved el so',
caccen dent el crapin e stan lì a curiosà,
la famiglia luserta: i fiolin con la mamma e'I papà
lì de sott de la cros preghen forsi anca lor.
Nott e dì gh 'è semper vèrt
a la gesa di lusert,
lì ghe prega la povera gent, senza cà, senza nient.
Famm la grazia anca a mì, che son pover come tì,
tì tel see che sun senza pretes,
scusom tant se hoo pregaa in milanes.
Traduzione:
La chiesa delle lucertole. E' una chiesa che c' è sulla strada che porta ad Abbiategrasso, non ha il sagrato ed è fatta di sassi; è fredda d' inverno, coi muri che si lasciano andare, ma la croce del Signore ti manda il caldo.
Notte e giorno, è sempre aperto, alla chiesa delle lucertole, lì ci prega la povera gente, senza casa, senza niente. Fai la grazia anche a me, che sono povero come te: lo sai che sono senza pretese, scusami tanto se ho pregato in milanese.

Quando è primavera e in aria vede il sole, caccia dentro la testina e stà lì a curiosare, la famiglia Lucertola: i bambini, con la mamma e il papà, lì sotto la croce pregano forse anche loro.
Notte e giorno, è sempre aperto, alla chiesa delle lucertole, lì ci prega la povera gente, senza casa, senza niente. Fai la grazia anche a me, che sono povero come te: lo sai che sono senza pretese, scusami tanto se ho pregato in milanese.

Tinal Oggetto:   15 Dic, 2009 - 16:34  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2624
Attività utente
Attività utente

Anca mi te voeri ben, Milan!
Per adess tel disi inscì
che me gù de fà ma
tel disi col coeur in man.
Se vedum, fieu e tusan.
Bravo Admin!

Cassandra Oggetto: Il Naviglio  15 Dic, 2009 - 16:26  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 820
Attività utente
Attività utente




EL MÈ NAVILI

In sul gran fiumm del temp e di memori,
per mì gh’è l’acqua del Navili Grand
che la m’ha battezzaa finna de quand
sont vegnuu al mond in del so territori.
On segn profetich, forse perentori
che m’ha guidaa la vitta ‘me on command
tuttcoss buttand a l’ari, tutt mudand
quell’alter viv, po’ dass, pussee ilusori.
On’acqua verda che, per tanta gent,
la dis propri nagott, la cunta nient.
On’acqua ch’hoo sgonfiada col sudor
de la mia front, di brasc, de la mia s’cenna.
Che m’ha però ligaa con la cadenna
d’ona poesia che nass dal mè stupor
(dal web)

Il mio naviglio

Sul grande fiume del tempo e delle memorie,
per me c’è l’acqua del Naviglio grande
che mi ha battezzato fin da quando
sono venuto al mondo nel suo territorio.
Un segno profetico, forse perentorio
che mi ha guidato la vita come un comando
tutto buttando all’aria, tutto mutando
quell’altro vivere, può darsi, più illusorio.
Un’acqua verde che, per tanta gente,
non dice proprio nulla, non conta niente.
Un’acqua che ho gonfiata col sudore
della mia fronte, delle braccia, della mia schiena.
Che mi ha però legato con la catena
d’una poesia che nasce dal mio stupore.


I Navigli di Milano sono ormai scomparsi quasi del tutto sottoterra, hanno perso l'importanza che avevano un tempo, ma a prestar loro attenzione sanno raccontarci interessanti pagine di storia che ci possono far riscoprire luoghi molto belli e ancora poco conosciuti


_________________
Val sempre la pena fare una domanda, ma non sempre di darle una risposta - O.W.
tiziana Oggetto: presente!!  15 Dic, 2009 - 16:26  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 3171
Attività utente
Attività utente

eccomi...presente!

De Milan ghe n'è domà vun
(Di Milano ce n'è uno solo)




airOne Oggetto:   15 Dic, 2009 - 15:21  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 989
Attività utente
Attività utente

MILAN

Pover Milan, trattaa de malarbètt !
Ti senza l'Arno, el Tevere, nè el Pò,
senza dò spann de mar, senza on laghètt,
senza el Vesuvi coi sò bèj falò.

Ti senza gòndol per passà el traghètt,
senza el Navilli, ormai tutt quattaa giò;
senza montagn e senza collinnètt,
senza pinét, nè praa, nè bosch de fò !

Ma, eppur, se a vèss insci comesessìa,
te fiocca d'ogni part gent a monton —
che poeu ona volta chi la va pù via, —
bisogna proppi dì che sornion,
al post di sò bellèz, t'hee concentraa
tutt quèll che gh'hann de bon i alter Cittaa.


Corradino Cima

Trad. Povera Milano trattata come delle erbette malevoli / tu senza l'Arno, el Tevere, nè el Po / senza due spanne di mare, senza un laghetto / senza il Vesuvio coi suoi bei falò, / Tu senza gondole per passare il traghetto / senza il Naviglio, oramai tutto coperto / senza montagne e senza collinette / senza pinete, ne prati, nè boschi di faggeti / Ma eppure, se essere così, come sei / ti arriva da ogni parte gente in quantità / che poi una volta qui non se ne va più via / bisogna proprio dire che, sornione / al posto delle loro bellezze hai concentrato / tutto quello che hanno di buono le altre città.
airOne Oggetto:   15 Dic, 2009 - 14:58  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 989
Attività utente
Attività utente

Milano brutta? Milano caotica? Milano fredda? Milano senza verde? Milano affannata? Milano complicata? forse. Ma mi “Te voeuri ben” E questo affetto per la più europea delle città italiane, lo affidiamo a questo topic che la redazione ci ha gentilmente messo a disposizione. Ovvio, ma lo chiariamo ugualmente, tutti possono dire la loro, milanesi o non, cosi come possono esprimere anche critiche ed evidenziare lati negativi della Grande Milano e quando dico Grande Milano intendo riferirmi non al solo capoluogo, ma anche al suo comprensorio fatto di città altrettanto illustre, ricche di fascino e storia.
Airone

Il video: Walter di Gemma "Così è Milano"





Ultima modifica di airOne il 15 Dic, 2009 - 19:26, modificato 2 volte in totale
Vittoria 7 Oggetto:   15 Dic, 2009 - 13:15  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4400
Attività utente
Attività utente





Tutto il bene possibile per Milano e tutti i Milanesi (purosangue o acquisiti) che amano questa splendida città.

solidea Oggetto: la solidea la cumincia da par le  15 Dic, 2009 - 13:05  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2674
Attività utente
Attività utente


auguri vivissimi per il nuovo topic e a tutti........buon lavoro !!

Admin Oggetto: Milan te voeuri ben  15 Dic, 2009 - 11:34  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 220
Amministratore
Amministratore

Benvenuti nella nuova scuola di lingua milanese. Inserite racconti, poesie, detti e quanto altro vogliate in questo forum "dialettale".

Nuova discussione   Rispondi Vai a pagina              ...          
185
 
ANZIANI.IT
Via del Poggio Laurentino 2
00144 Roma (RM)
P.Iva: 05121921000
DATA PROTECTION OFFICER

E' possibile contattare in qualsiasi momento questa email dpo@final.it per richiedere l'anonimizzazione o rimozione completa dei propri dati dalla piattaforma secondo la General Data Protection Regulation (GDPR).

INFORMAZIONI LEGALI