Vai a pagina              ...      
80
      ...             
Nuova discussione   Rispondi
Vittoria Oggetto: Canzone milanese  16 Mag, 2011 - 11:40  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 3885
Attività utente
Attività utente




solidea Oggetto: diamoci una mano  15 Mag, 2011 - 15:06  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2668
Attività utente
Attività utente



Demes 'na man

L'é on poo che va 'dree a pioeuv in sul bagnaa
gh'é chi brontola che stemm pegg de prima
a tanta gent ghe manca 'l lavorà
se lamenta chi tira la lima
per superà la crisi el malandaa
bisognaria vutass almen tra numm
perché se gh'é uguaglianza e civiltà
se poeu tira 'l carrell on poo per un

Demes 'na man
come se faa tra amis
tiremm su insemma el mur
che gh'é crollaa
‘na préia per un
come se dis
e on ciccin de bòna
volontà ghe voeur per fà tornà
ancamò el seren
senza pù invidia
e senza ipocrisia
mi sont sicur che se
se voeurom ben
i dispiasé se fann
scarligà via

Me fa paura quand senti parlà
chi dis che per salvà la situazion
saria ora ormai de dass de fà
perché femm minga ‘na rivoluzion
ma per chi l'ha giamò subii ‘na guerra
e l'é on discors ch'el faa vegnì el magon
l'é mej stà mal ma stà coi pee per terra
chi voeur crepà per mi l'é un grand cojon

Demes 'na man
come se fa tra amis
tiremm su insemma el mur
che gh'é crollaa
‘na préia per un
come se dis
e on ciccin de bòna volontà
ghe voeur per fa tornà
ancamò el seren
senza pù invidia
e senza ipocrisia
mi sont sicur che se
se voeurom ben
i dispiasé se fann
scarligà via

(Mimmo Dimiccoli)

lore14 Oggetto:   15 Mag, 2011 - 12:31  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 5166
Attività utente
Attività utente


Speriamo sia per voi, cari amici milanesi, una splendida domenica !
A volte, è proprio la domenica il giorno più triste e pure un piccione può ritrovarsi a volare solo nel cielo di Milano...



Spesso è monotona e malinconica la domenica, specialmente nel pomeriggio,come quello che ci viene presentato da Alfonso Gatto nella poesia dal titolo "Domenica al crepuscolo" [Nella raccolta La forza degli occhi del 1954.].
In quei primi anni Cinquanta, il poeta abitava in un quartiere della vecchia Milano, con le vie e i cortili che sembrano stare "in fondo al pozzo delle case". Lo immaginiamo in casa, come tanti altri, intento ad ascoltare la radiocronaca d'una partita di calcio.
C’è un ragazzino che sta sulla via, in quell'ambiente chiuso tra i palazzi, ma che, per lui, è il "suo grigio universo". E’ la sua voce "sola", che dà risalto al silenzio del tardo pomeriggio. Corre con la bicicletta; pedala forte, tanto che il suo mantello svolazza; ogni tanto va vociando ... Il poeta dice che la partita è già finita; e in quel "già" si sente ch’egli è un po’ contrariato per la fine d'uno svago che gli aveva consentito, durante la trasmissione, di sottrarsi alla noia.
"Restano voci immote", conclude Gatto: la casa è ritornata silenziosa, e anche la via sottostante, da cui il ragazzino se n’è ormai andato.
(dal web, Literary)

DOMENICA AL CREPUSCOLO

In fondo al pozzo delle case sola
la voce di un bambino che pedala
nel suo grigio universo sotto l’ala
del mantello che vola.

E’ musica di stanza tra le vuote
specchiere delle porte la partita
che s’ascolta alla radio, è già finita.
Restano voci immote.

Alfonso Gatto

soldatini Oggetto: Buna dumenica  15 Mag, 2011 - 10:10  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 5895
Attività utente
Attività utente

Ciau a tucc i amiss milanees e non, buna dumenica




_________________
Annamaria Soldatini
airOne Oggetto: Poesia milanese  14 Mag, 2011 - 17:55  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 979
Attività utente
Attività utente

FlNIDA L'È LA NOTT

Finida l'è la nòtt:

La bianca luna, smòrta,
deslengua dent al lagh...
I compagn hoo lassaa,
per resta depermì
col ricòrd tant lontan:
tant lontan, come i stell.

Insci viv l'è l'autunn
in quij mont indoraa
e coi pin semper verd,
poeu l'inverno e la nev:
a vint'ann me rivedi!...

Finida l'è la nòtt:

sponta el só da Vares:
se desseda el paés
e tuscoss el sparissi...
Ma doman, ai primm ciar,
come acqua sorgiva
che me sbilza dal coeur...

tornará quell ricòrd,
finché i dì finirann:
rododender de foeugh
e ona eros piscinina
con su scritt el tò nòmm,
tra duu fior de edelvais.

Guido Pench

airOne Oggetto: A Milano si dice così  14 Mag, 2011 - 17:50  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 979
Attività utente
Attività utente







Ultima modifica di airOne il 14 Mag, 2011 - 18:06, modificato 1 volta in totale
Vittoria Oggetto: Cucina lombarda  14 Mag, 2011 - 10:24  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 3885
Attività utente
Attività utente





Antipasto di carne meneghino

Un antipasto fresco ma molto calorico, tutto a base di carne. Un’evoluzione della classica insalata di nervetti tanto apprezzata nella cucina lombarda.

Ingredienti per 4 persone

1 “pesce” di manzo di circa 400 gr
mezza testina di vitello
300 gr di nervetti di manzo
200 gr di cipolle
2 acciughe sotto sale
1 cucchiaiata di capperi
1 bicchiere di olio di oliva
1 bicchiere di aceto di vino
2 spicchi di aglio
100 gr di cipolline sott’aceto
sale
pepe

Preparazione:

Mettete a bollire il “pesce” di manzo in una casseruola in 2 litri di acqua, insieme con la mezza testina di vitello e i nervetti di manzo. Non aggiungete sale.
Appena l’acqua comincia a bollire, aggiungete le cipolla, precedentemente tagliata a fette, quindi lasciate proseguire la cottura per un paio d’ore. Nel momento in cui i nervetti e la testina avranno raggiunto un buon grado di tenerezza, toglieteli dal fuoco e scolateli sopra un setaccio.
Quando tutta la carne si sarà raffreddata, riducete a dadini il “pesce” di manzo, affettate la testina di vitello e sminuzzate i nervetti di manzo. Mettete il tutto in un’insalatiera, salate e pepate.
Schiacciate e triturate le acciughe in una ciotola, dopo averle lavate e pulite dalle spine, e versatevi sopra l’aceto. Tritate gli spicchi di aglio, affettate i capperi e le cipolline. Unite l’olio di oliva e mescolate con la salsa un poco di brodo di cottura già passato al setaccio insieme con le cipolle cotte. Aggiungete sale e pepe a piacere e versate sulla carne il preparato.
Conservate il preparato in frigorifero prima di trasferirlo sul piatto da portata e servirlo in tavola.


****************************************************************************************


Vittoria Oggetto: Orticola très chic  12 Mag, 2011 - 10:55  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 3885
Attività utente
Attività utente





AI GIARDINI MONTANELLI SI È INAUGURATA LA XVI MOSTRA MERCATO

Un trionfo di fiori e cappelli
È Orticola la festa très chic
Vivaisti e specie rare, mondanità e piantine a un euro

MILANO - Sì, alla fine ci sono anche i fiori. Ma come ogni anno, anche stavolta le rose americane e le genziane, i mirtilli e i rododendri, sono stati travolti dall'invasione dei copricapo. Perché Orticola non è Orticola senza l'esercito delle impalcature floreali, in una mai confessata competizione all'ultimo cappello decorato.



















**********************************************************************************************



Vittoria 11 Oggetto:   11 Mag, 2011 - 20:41  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 3885
Attività utente
Attività utente





Guarda chi si rivedeeeee!!! Smackkkkkk Cassandrina!!!!!!

Cassandra Oggetto:   11 Mag, 2011 - 18:09  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 812
Attività utente
Attività utente




Milan sconduda

Milan l'è brutta, disen,

nebbiosa, carisnenta,
la gent semper de pressa, '
"Tant, cos'è gh'è de bell ......

Ma mì che son veggiòtta

e hoo vist tanti stagion
cognossi ben Milan,
quella dedree ai porton,

dove passeggia i spirit

de omen de talent,
scrittor, poeta, artista,
a l'ombrìa di giardin.

Hann faa granda la stòria

de la nòstra città
che, come ona gran dama,
di sò bellezz gelosa

ie ten sconduu e guarnaa,

e per podé vedella
an'mò inscì come l'era
bisògna sarà i oeucc
e dervì el coeur

Francesca Giussani Ornago

Milano nascosta


Milano è brutta, dicono,

nebbiosa, fuligginosa,
la gente sempre di fretta.
‘’ Tanto, cosa c’è di bello …

Ma io che sono vecchiotta

ed ho visto molte stagioni,
conosco bene Milano,
quella dietro i portoni,

dove passeggiano gli spiriti

degli uomini di talento,
scrittori, poeti, artisti,
all’ombra dei giardini.

Hanno fatto grande la storia

della nostra città
che, come una gran dama,
gelosa delle sue bellezze

le tiene nascoste e custodite,

e per poterle vedere
ancora così com’erano
occorre chiudere gli occhi
ed aprire il cuore.




_________________
Val sempre la pena fare una domanda, ma non sempre di darle una risposta - O.W.
Vittoria Oggetto: Canzoni milanesi  11 Mag, 2011 - 11:17  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 3885
Attività utente
Attività utente






airOne Oggetto: La poesia milanese  10 Mag, 2011 - 23:09  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 979
Attività utente
Attività utente

L'è primavera

L'è semper bell el mónd
Ma quand vègn primavera
E l'aria l'è pussee leggera
Me pias fà el vagabond
E girà da mattina a séra.

El mónd l'è bell però
In primavera
L'è pussee bell an'mò.

L'è bell vede spontà la natura
Anca in cittàa
Cont on ciùff d'erba pura
Su de on marciapé, in ona fessura
De l'asfalladura.

In ona bella giornada de sò
L'è bell passa sott on àlber
Cont i ramm che te sfioren el coo
O sta settàa-giò a on tavolin
in mezz al vérd de on giardin.

La primavera in cittàa l'è on balcon fiorii
L'è on mur de verd rivestii
L'è ona ròsa fiorida su de on davanzal
L'è ona forsìtzia pièna de fior giall.

La primavera la vègn in April
E con lee la natura la rinàss
Cont on bell gerani ross in vas
Ch'el se 'faccia su de on cortil.

Dòpo l'inverna, el par minga vera,
Lassa averta la porta su 'l balcon
Per fa entrà la primavera
Per vedè volà i piccion
E per sentì, pussee vesin,
El cip-cip di passerin.

L'è bell andà al mar o in montagna
Ma mi resti con la speranza
De andà a viv in campagna
De la bella mia Brianza.

Virginio Sala Milano

Vittoria Oggetto: Cucina Lombarda  10 Mag, 2011 - 11:17  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 3885
Attività utente
Attività utente






Guazzetto lombardo

Salsiccia e pancetta ma anche tante verdure per questo secondo nutriente e genuino che unisce il meglio dei frutti della gastronomia contadina del cuore della Padania lombarda.

Ingredienti per 4 persone

500 gr di pomodori
300 gr di cavolo
200 gr di patate
200 gr di cipolle
200 gr di zucchine
200 gr di salsiccia
100 gr di sedano
100 gr di pancetta
50 gr di burro
mezzo bicchiere di olio di oliva
sale
pepe
parmigiano reggiano grattugiato
2 mestoli di brodo

Preparazione:

Mettete in una casseruola la pancetta tritata, il burro, l’olio e le cipolle affettate, fate rosolare bene il tutto e quindi aggiungete la salciccia, già spelata e sminuzzata.

Sbucciate la patate e riducetele a dadini. Sbucciate e tagliate allo stesso modo le zucchine. Spezzettate il sedano, toglietegli i fili e infine trasferite tutte le verdure in una casseruola. Fatele insaporire, aggiungete sale e pepe, quindi unite i pomodori dopo averli tagliati a spicchi e privati dei semi.

Fate cuocere per una mezz’ora circa a recipiente coperto. Nel frattempo pulite, lavate e tagliate in modo grossolano il cavolo. Buttatelo in acqua bollente per alcuni minuti, poi scolatelo e unitelo alle altre verdure, innaffiando il tutto con il brodo.

Portate a bollore il liquido, salate, pepate, poi abbassate la fiamma e fate cuocere le verdure per circa 20 minuti. Servite in tavola aggiungendo abbondante parmigiano grattugiato.


**************************************************************************


airOne Oggetto: La poesia milanese  09 Mag, 2011 - 18:29  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 979
Attività utente
Attività utente

LA TERZA ETÀ... COME LA VEDI MI

Sont chi a pensà:
l'è minga poeu insci brutta
la terza età!
Sì, perchè a la prima età gh'era la guerra,
cont i stremizzi, la famm e la miseria,
perciò ghe pensi pù,
l'è mej che la sia andada!

Cont la segonda hin rivaa i fastidi.
Semper de corsa:
cor per fà quadra el bilanc,
cor per fà studia i bagaj,
cor per fà sù la cà.
Poeu el bilanc el s'è equilibraa,
ma i fioeu hin andà,
e i personn pussee car m'han lassaa.
La cà l'è restada... piena de ricordi
ma svoiada de tutti i soeu affett.

Poeu l'è rivada, la terza età:
sont vanzada mi e el mè gatt in cà,
ma cont la serenità de avè
faa tutt, per fà content i mè gent.

Sari sù i oeucc e pensi: «Adess 'se foo?».
Foo quell che voeuri,
quand voeuri e come voeuri.

Me par on sogn: podè finalment
Pensà on poeu anca a mi.
Prima devi desmett de cor:
cor per fà?
Per rivà prima a l'aldilà?

Sont sincera: sont contenta insci!
Me ven voeuja de cantà, de ballà
e, perchè no,
anca de ricomincia ad amà!
Come l'è bella, per mi, la terza età!

Rosetta Villa Calderoni

Vittoria Oggetto: Tuttofood a Milano  09 Mag, 2011 - 10:49  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 3885
Attività utente
Attività utente





Cibo e alimentazione a Milano

Parte il count-down per Tuttofood

Tuttofood
, che si tiene a Milano dall’8 all’11 maggio, si inserisce a pieno titolo nella top ten delle più importanti rassegne alimentari internazionali e in prospettiva Expo 2015, dedicato al tema della nutrition, è oggi una delle manifestazioni ritenute maggiormente strategiche da Fiera Milano

MILANO è partita la terza edizione di Tuttofood, Milano Word Food Exibition, da domenica 8 maggio, per quattro giorni, catalizzerà sul quartiere espositivo fieramilano a Rho l’attenzione degli operatori professionali del food e della nutrition di tutto il mondo. Con oltre 2mila marchi presenti e 4 padiglioni occupati (13, 15, 22 e 24) Tuttofood si inserisce a pieno titolo nella Top ten delle più importanti rassegne alimentari internazionali e, in prospettiva Expo 2015 - dedicato proprio al tema della nutrition - è oggi una delle manifestazioni ritenute maggiormente strategiche da Fiera Milano.

Le sfide

In un mondo che cambia rapidamente, nel quale i gusti dei consumatori variano con ancora maggiore velocità, anche le rassegne del food si trasformano per continuare a svolgere al meglio il loro compito principale, quello, cioè, di favorire l’incontro tra domanda ed offerta. A Tuttofood “l’offerta” è rappresentata dal Made in Italy alimentare, diventato insieme alla “Dieta mediterranea”, “Patrimonio mondiale dell’Umanità dell’Unesco”, mentre “la domanda” dai buyer delle catene della Gdo mondiale e da importatori e grossisti provenienti dai Cinque continenti, oltre che da dettaglianti, responsabili di reparto fine-food e ristoratori.

Gli espositori

Lo straordinario paniere alimentare italiano sfila a Tuttofood 2011: a rappresentare il Made in Italy alimentare i grandi nomi dell’industria accanto alle piccole e medie imprese provenienti da tutte le Regioni d’Italia. Tuttofood ha sempre dedicato uno spazio privilegiato a questi suoi espositori “istituzionali”, Regioni, Provincie, Unioncamere regionali e Camere di Commercio, che hanno il merito di “accompagnare” sul palcoscenico internazionale della rassegna milanese decine e decine di quelle piccole e medie aziende che rappresentano, anche nel comparto agroalimentare, la spina dorsale del Sistema Italia.

I visitatori

Protagonisti, al pari degli espositori, i buyer rappresentano un ulteriore punto di forza di Tuttofood che sulla “professionalità” ed internazionalità certificata dei suoi visitatori ha giocato gran parte delle propria credibilità. Nel 2009 sono stati più di 30.000, i visitatori professionali che hanno scelto Tuttofood, 61% dei quali italiani, equamente divisi tra buyer della Gdo, grossisti, importatori di Made in Italy alimentare e responsabili di punto vendita o reparto speciality-food.

Buyer da tutto il mondo

Nello specifico per l’edizione 2011 Tuttofood ha già calendarizzato per gli operatori della Gdo italiana una serie di workshop dedicati ai temi caldi della distribuzione, mentre per i Grossisti in arrivo dal Mezzogiorno ha previsto una serie di agevolazioni sull’incoming.

Sul “fronte” estero hanno già confermato la loro presenza a Milano i buyer provenienti da Stati Uniti, Canada e Giappone - mercati “maturi” per l’export agroalimentare italiano con elevata capacità d’acquisto – oltre a Sud Africa ed Australia – nazioni in crescita, considerate “molto performanti” dai trade-analist del food – senza dimenticare i 27 Paesi dell’Unione Europea. Fra questi ultimi, naturalmente la parte del leone è recitata dalla Germania (primo partner commerciale dell’Italia) seguita a ruota da Francia, Austria, Svizzera, Spagna, Russia, Repubblica Ceca, Polonia e Scandinavia. Non mancheranno, poi, i buyer in arrivo dal Sud America, Brasile, Argentina, Messico, Venezuela e Cuba - nazioni con una cultura gastronomica molto vicina a quella italiana che negli anni si sono rivelate mercati di primo piano per il Made in Italy alimentare – dal Medio Oriente, Turchia ed Emirati Arabi e dall’Estremo Oriente, Thailandia e Cina – mercati destinati a recitare, in un prossimo futuro, la parte del leone nell’export del food italiano, nei quali però, sussistono ancora problemi di esportabilità per i nostri prodotti alimentari.

Il mondo del “fuori casa”

Agli italiani più che a qualsiasi altro “europeo”, lo dicono le statistiche, piace mangiare “fuori”, al ristorante o al bar, per lavoro o con gli amici. Al mondo del “fuoricasa” – al canale Horeca e dell’Ospitalità, per dirla con gli addetti ai lavori – Tuttofood, in collaborazione con Fiera Milano Editore, dedica il “Villaggio Mixer”, una superficie espositiva di 6.000 metri quadrati a cui hanno già dato il loro ok big del calibro di Lavazza, San Pellegrino, Conserve Italia, Diageo, Eraclea, Galbani, GM Piccoli, Heineken, Illy Caffè, Mediaset, Partesa, Pago, Pepsi, Rancilio, Rauch, Seng, Sky, Surgital e Martini&Rossi e nella quale sono attesi non meno di 5mila operatori provenienti da tutta Italia. (da Italia a Tavola.net)














*******************************************************************************


soldatini Oggetto: Auguri a tutte le mamme  08 Mag, 2011 - 15:46  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 5895
Attività utente
Attività utente





Vergine Madre, figlia del tuo figlio,
Umile ed alta più che creatura,
Termine fisso d'eterno consiglio,
Tu se' colei che l'umana natura
Nobilitasti sì, che 'l suo Fattore
Non disdegnò di farsi sua fattura.
Nel ventre tuo si raccese l'amore
Per lo cui caldo nell'eterna pace
Così è germinato questo fiore.
Qui se' a noi meridiana face
Di caritade, e giuso [intra]1 mortali
Se' di speranza fontana vivace.
Donna, se' tanto grande, e tanto vali,
Che qual vuol grazia, e a te non ricorre,
Sua disianza vuol volar senz'ali.
La tua benignità non pur soccorre
A chi domanda, ma molte fiate
Liberamente al dimandar precorre.
In te misericordia, in te pietade,
In te magnificenza, in te s'aduna
Quantunque in creatura è di bontade.


_________________
Annamaria Soldatini
Vittoria Oggetto: Cara mamma....  08 Mag, 2011 - 12:06  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 3885
Attività utente
Attività utente





Vittoria Oggetto: Proverbi milanesi  07 Mag, 2011 - 10:08  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 3885
Attività utente
Attività utente


Dal Dialetto milanese...

Magg magion,
se fa' des di de bonn

Ovvero...

A maggio è già tanto, se fa bel tempo per 10 giorni

Anche secondo la tradizione popolare, Maggio è sempre stato ritenuto un mese piovoso.

*******************************************************


solidea Oggetto:   06 Mag, 2011 - 22:31  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2668
Attività utente
Attività utente

On pontesell

"Tra ier e incoeu
gh’è on pontesell faa de memòria,
che adess gh’ha de passà
da sponda a sponda.
Tra nòtt e dì gh’è on pontesell
faa de regòrd,
e ’l vent je fa volà
da coeur a coeur.
Tra mì e tì gh’è on pontesell
faa d’emozion
che gh’emm de tegnì strett,
per nò desmentegà.
In tut’i coeur ghè on pontesell,
tra el ben e ’l mal,
te gh’hee de savè tì
se traversall..."

Gianfranco Gandini

airOne Oggetto: Indice di aprile  06 Mag, 2011 - 17:52  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 979
Attività utente
Attività utente

MILAN TE VOEURI BEN

2011 – 04

Ricette
Bolliti misti (18-04-2011)
Cocktail milanese (06-04-2011)
Fegato alla lodigiana (01-04-2011)
Polpettone di tonno (09-04-2011)
Risotto alla pitocca (14-04-2011)
Spicchi di patate (30-04-2011)
Torta paesana (28-04-2011)

Canzoni
Cara mamma (02-04-2011)
Corr in di sogn (22-04-2011)
Ho visto un re (19-04-2011)
L'è forse un sogn (26-04-2011)
Libera la ment (22-04-2011)
Montagna de san Sir (10-04-2011)
Sognando Milano (04-04-2011)

Curiosità
“L'Italia in croce” alla Triennale (21-04-2011)
Cristal ball (27-04-2011)
Kilo fashion (18-04-2011)
La bancarella + lunga del mondo (05-04-2011)
La banda d'Affori (02-04-2011)
Mariangela Melato milanese (04-04-2011)
Milano green (08-04-2011)
Palazzo Isimbardi (13-04-2011)
Turandot a La Scala (11-04-2011)

Vari
Beatificazione papa Giovanni (16-04-2011)
Indice marzo (02-04-2011)
Pace (25-04-2011)
Tramonto infuocato a Milano (28-04-2011)

Poesia
Acquarell (07-04-2011)
Bella gioventù (12-04-2011)
Fraternitaa (07-04-2011)
La tegnoeula (11 e 26 -04-2011)
Monegh o fraa (29-04-2011)
Pàs (26-04-2011)
Preghiera disperada (21-04-2011)
Tramont a Milan (18-04-2011)
Voraria ciamamm (15-04-2011)

A Milano si dice così
Fà de san giovann... (07-04-2011)
Fà el bòia e l'impiccaa (29-04-2011)
Fà el gir di sett ges (29-04-2011)
Pures (11-04-2011)

Motti e detti
Quand pioeuv (22-04-2011)
Nuova discussione   Rispondi Vai a pagina              ...      
80
      ...