Vai a pagina              ...      
80
      ...             
Nuova discussione   Rispondi
zetax Oggetto:   25 Apr, 2012 - 11:39  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 1560
Attività utente
Attività utente




Vittoria Oggetto: Cucina lombarda  25 Apr, 2012 - 11:30  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4368
Attività utente
Attività utente

Photobucket


Uccellini scappati

Gli uccellini scappati, che precisiamo subito non hanno nulla a che vedere con i volatili, costituiscono una saporita ricetta lombarda a base di fettine di carne di maiale che verranno battute per distenderle e farcite con pancetta e salvia; verranno poi arrotolate per essere infilzate su uno spiedino alternate a un dado di pancetta e una foglia di salvia e cotte nel burro.

Ingredienti per 4 persone:

Lombo di maiale 600 g
Pancetta affettata 120 g
Pancetta a cubetti 100 g
Salvia, foglie q.b.
Burro 60 g
Sale q.b.
Pepe macinato fresco q.b.

Preparazione:

Distendere le fettine di maiale battendole leggermente col batticarne, poi adagiarvi una fettina di pancetta e una foglia di salvia, arrotolandole poi e fermandole con degli stuzzicadenti. Su uno spiedino di legno infilzare un involtino, un dado di pancetta, una foglia di salvia e un altro involtino, facendo somigliare la preparazione ad un uccellino, una volta pronti tutti gli spiedini far soffriggere in una padella il burro e rosolarvi a fuoco alto gli spiedini per circa 15 minuti, girandoli di tanto in tanto per cuocerli uniformemente.
Una volta nei piatti individuali andranno insaporiti col sugo di cottura.


**************************************************************************

Photobucket

Vittoria Oggetto:   24 Apr, 2012 - 09:36  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4368
Attività utente
Attività utente

Photobucket

Vittoria Oggetto: brava Soli...posto la ricetta del Pan del Mei (bacio)  23 Apr, 2012 - 16:57  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4368
Attività utente
Attività utente





Pan de mei ( per i bambini "pammeino")

Il «pan de mei» (pane di miglio) è legato ad una antica tradizione milanese, che vuole che si mangi il giorno di San Giorgio (23 aprile) auspicando una stagione propizia: si narra che il giorno di San Giorgio un gruppo di armigeri mandato da Luchino Visconti vinse i briganti che infestavano le campagne milanesi. La gente festeggiò con l'unica cosa che aveva, pane di miglio e crema di latte.

Ecco la ricetta

Ingredienti:

100 g di farina bianca
100 g di farina gialla a grana grossa
100 g di burro
100 g di zucchero
4 uova
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di lievito in polvere
panna

Preparazione:

Lavorate a lungo i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto gonfio e spumoso, aggiungetevi il burro ammorbidito, le due farine, il sale, il lievito.
Fate riposare la pasta e poi suddividetela in sei parti.
Date a ogni porzione di pasta la forma di una palla e poi schiacciatele come se fossero pizzette.
Cuocete in forno già caldo a 160 gradi per quindici minuti: devono prendere un bel colore dorato.
Sfornate, fate raffreddare e servite con panna liquida freschissima (normalmente si mette la panna in una tazza e si "puccia"
il pammeino...)

***************************************************************


solidea Oggetto: sono di passaggio...un abbraccio a tutti  23 Apr, 2012 - 16:02  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2674
Attività utente
Attività utente

24 April: San Giòrg

A l'è ona tradizion tutta Milanesa festeggià el 24 April "San Giòrg", quand che Milàn festeggia la liberazion de Maiorca di turch in de l'ann 1340, quand che el santu guerrier faseva la soa comparsa in di trupp Cristian.
Semm sòlet fà festa con el ritual de la "PANERA e PANMEJN", carsenz con pan giald (de melgon) dolz: pan che in di temp antigh a l'era fà con el MEJ.
Poeu se fà ona pacciada con la "PANIGADA" che l'è ona carsenza con fior de sambugh pocciada in de la panera sliquida.
L'è osanza andà a fà San Giòrg foeura pòrta per fà inzetta de formaj fà cont el lacc de la primma erba de l'ann.
De fatt questa celebrazion del lacc e di lattee Milanès la ven de on cont antigh.
Se dis che Luchino Viscont scior de Milàn, l'aveva ciappaa i arm contra el bandii famos Vione Squilletti, che infestava la nòstra bassa cont ona banda, per defend i pòver pajsan semper minaccià.
In d'ona localitaa che la se ciama Morì-vione, el bandì l'è staa coppaa.
L'era el dì de San Giòrg: a luu el vegniva attribuii el meret de questa vittòria.
Sicchè dònca quel dì l'era anch cald caldisc, inscì i lattee scoeudeven la set di soldaa di Viscont cont el "FIOR DE LACC".
Inscì a regòrd de quell dì lì i nòster vegg seren sòlet andà foeura pòrta a fà la "PANERADA" in di trani per ciappà la PANERA (fior de lacc), el PANMEJN e la PANIGADA cont ona spolverada de zuccher.




Vittoria Oggetto: Poesia milanese  23 Apr, 2012 - 11:07  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4368
Attività utente
Attività utente

Photobucket


Ona bòna amisa (Giuseppe Margorani)

La vedi spess e specialment de sera
quand cala quietta l'ombra,
senza fà differenza de stagion,
sia cald, sia fregg, per lee
el temp l'è semper bon...
la fa minga frecass
ma mì la senti istess,
l'è discreta, l'è bona'
e semper tanto viva.
Ghe voeuri ben e quand la troeuvi lì
e me la senti apress
mi son tanto content forse perchè
la me fa tanta tanta compagnia
e la impieniss el voeui che me circonda;
l'è come se in del mar de la mia ment
rivass de colp on'onda
a moeuv i mè penser e l'è per quell
che per mì l'è important
e quasi semper noeuva.
Di vòlt l'è spiritosa,
alter vòlt l'è on poo seria, mai noiosa...
Mì ghe tegni al so ben, la senti mia
anca se soo che alter fann de tutt
per veghela anca lor
ma mì rispetti tucc e insemma a lee
vivi i mè or senza malinconia
e la tegni de cunt.Come faria
a sta chì depermì senza 'st'amisa,
quella che tutti ciamom "fantasia"..?

Una buona amica

La vedo spesso e specialmente la sera
quando quieta cala l’ombra,
senza fare differenza di stagione,
sia caldo, sia freddo, per lei
il tempo è sempre buono …
non fa rumore
ma io la sento ugualmente,
è discreta, è buona
e sempre tanto viva.
Le voglio bene e quando la trovo lì
e me la sento vicina
io sono tanto felice forse perché
mi fa molta, molta compagnia
e riempie il vuoto che mi circonda;
è come se nel mare della mia mente
arrivasse di colpo un’onda
a muovere i miei pensieri ed è per quello
che per me è importante
e quasi sempre nuova.
A volte è spiritosa,
altre volte un po’ seria, mai noiosa …
Io tengo al suo bene, la sento mia
anche se so che altri fanno di tutto
per averla pure loro
ma io rispetto tutti e con lei
vivo le mie ore senza malinconia
e la tengo cara. Come farei
a stare qui da solo senza questa amica,
quella che tutti chiamiamo ‘’fantasia’’ …?

************************************************************************

Vittoria Oggetto: Buona domenica serena a tutti!  22 Apr, 2012 - 09:54  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4368
Attività utente
Attività utente

Photobucket

Vittoria Oggetto: Proverbio milanese  21 Apr, 2012 - 11:51  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4368
Attività utente
Attività utente


Dal Dialetto milanese...

Magg magion,
se fa' des di de bonn

Ovvero...

A maggio è già tanto, se fa bel tempo per 10 giorni

Anche secondo la tradizione popolare, Maggio è sempre stato ritenuto un mese piovoso


***************************************************


solidea Oggetto: t'è capìì ? stem alegher  20 Apr, 2012 - 20:48  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2674
Attività utente
Attività utente

La versione milanese della famosissima canzone dei Beatles reinterpretata da Edoardo Fiorini e i sò Bitòlz


Vittoria Oggetto: Manzoni, rari versi in dialetto milanese  20 Apr, 2012 - 09:40  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4368
Attività utente
Attività utente





Gli unici versi in dialetto milanese del milanesissimo Alessandro Manzoni che sono conosciuti, sono quelli della seguente quartina, dedicata all’amico Carlo Porta.

On badee che voeur fà el sapienton
el se toeu subet via per on badee;
ma on omm de coo che voeur paré mincion,
el se mett anca lu in un bell cuntee

Lo sciocco che vuol fare il sapientone
si vede subito che è uno sciocco;
ma l’uomo di ingegno che vuol apparire incapace
si mette anche lui in un bell’impiccio

*************************************************************

Photobucket

soldatini Oggetto: Buon pomeriggio  19 Apr, 2012 - 14:52  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7201
Attività utente
Attività utente







Copertina del volume I Promessi Sposi
rimato in versi milanesi composto da 500 sestine pari a 3000 endecasillabi da Marco Candiani - tradotto liberamente dal capolavoro di Alessandro Manzoni
edito da Angelo Martinelli


I PROMESSI SPOSI




Vun de quij ramm che fann el lagh de Còmm,
el guarda vers mezzdì e tra quij mont
el se restring e poeu el cambia nòmm
pròpi in del sit in doe se ved on punt.
Lì han faa depòsit trii bei canalon
nessuu sul san Martin e 'l Resegon.

Marco Candiani
El ciamen Resegon perchè el gh'ha i dent
'me resega ('me disen a Milan)
e de Milan l'è come on ornament
che se l'è bell par de tocall coi man,
La stòria la incomincia tra quj mont
'na sera de november, al tramont
.
............

Vittoria Oggetto: Cucina lombarda  19 Apr, 2012 - 11:59  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4368
Attività utente
Attività utente





Ravioli alla milanese

Ingredienti per 4 persone:

350 g di arrosto di manzo (o di pollo o tacchino)
2 cucchiai di fondo di cottura dell'arrosto sgrassato
70 g di prosciutto crudo in 1 fetta
1 uovo
60 g di parmigiano grattugiato
cannella in polvere
noce moscata
400 g di salsa di pomodoro
sale e pepe

Preparazione ripieno:

Tritate finemente il prosciutto crudo e l'arrosto e, raccoglieteli in una terrina, poi incorporatevi metà del parmigiano grattugiato, il fondo di cottura dell'arrosto e l'uovo, mescolando bene con un cucchiaio di legno. Insaporite con un pizzico di cannella, una grattata di noce moscata, un pizzico di sale e una macinata di pepe; quindi mescolate con un cucchiaio di legno fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo. Stendete la pasta in una sfoglia sottile e distribuitevi a intervalli regolari il ripieno, formando i ravioli. Fate cuocere i ravioli in abbondan¬te acqua bollente salata, scolateli al dente, conditeli con la salsa di po¬modoro e il parmigiano grattugiato rimasto e serviteli, guarnendo con stecche di cannella.

Variante:

Se non gradite l'aroma della cannella, potete sostituirla con 1 spicchio d'aglio e un poco di prezzemolo finemente tritati.

*****************************************************

Vittoria Oggetto: Tra fede e mistero...  18 Apr, 2012 - 17:05  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4368
Attività utente
Attività utente






Il 'Pret de Ratanà'

Giuseppe Gervasini nacque nel 1867, per l'esattezza il primo di marzo, a Sant'Ambrogio Olona, un paesino in provincia di Varese.
Fin da piccolo visse a Milano, dove giunse al seguito dei genitori, che facevano gli osti in città. Rimasto orfano, visse con uno zio che lo fece studiare. Fin dai tempi della scuola il piccolo Giuseppe si appassionò alla botanica, alla medicina, insomma alle scienze, con una passione curiosa che coltivò anche durante il servizio militare. Soltanto dopo il periodo trascorso nelle fila dell'esercito Giuseppe decise di consacrarsi al sacerdozio.
Le notizie delle sua gesta cominciano proprio da quando il nostro ragazzotto di provincia diventa Don Giuseppe; infatti inizia a correre veloce per tutta la città (e non solo) la fama di un prete che guarisce le persone, specialmente i poveri che possono rivolgersi a lui in quanto non chiede alcun compenso per il suo operato.
Tra le tante leggende metropolitane sorte sul conto di Don Gervasini ce n'è una che lo vuole 'nemico dei ricchi'; in realtà amici benestanti (si parla addirittura di membri di famiglia Pirelli) ne aveva; noi riteniamo che il fatto di guarire anche le persone meno abbienti, che in quegli anni (tra il 1920 e l'inizio della guerra) non avevano altro modo per farsi medicare, abbia spinto a vedere in lui un benefattore dei poveri a discapito dei più ricchi.
La sua fama di guaritore (e si narra anche di veggente e 'stregone') e forse anche certi suoi modi bruschi (che riservava in modo particolare alle donne) lo resero però presto inviso a certa parte del clero milanese che lo 'confinò' dapprima nel paesino di Retenate (da cui presumibilmente prese il soprannome di Pret de Ratanà - che lui non amava- anche se la questione del nome è controversa) e poi lo sospese a divinis. Ma don Gervasini non uscì mai completamente dalla Chiesa Cattolica, continuò a dire messa privatamente anche quando gli era stato inibito di farlo in pubblico e venne infine reintegrato a tutti gli effetti, forse grazie all'intercessione diretta del Cardinal Ildefonso Schuster (del quale si narra fosse uno dei beneficati del prete).
Il 'pret de Ratanà', viveva quasi con nulla, indossava un saio molto liso (spesso con le maniche rimboccate) e offriva tutto quanto riceveva ai più poveri (si dice che facesse sfornare a sue spese tutti i giorni grandi quantità di pane che poi lasciava a disposizione dei bisognosi in una cesta davanti all'uscio della sua casa) ma, a conferma del fatto che anche tra i ricchi aveva degli estimatori, abitava in una villetta nei pressi della cascina Linterno (nel quartiere milanese di Baggio), donatagli appunto da un ricco beneficato.
Qui, nell'ampio orto retrostante l'abitazione, il sacerdote si dedicava ai suoi studi preferiti, cioè quelli relativi alle erbe e al loro possibile impiego medico; studi per nulla teorici e molto immediati.
Grazie ai suoi ritrovati molte persone guarirono, ovviamente da mali leggeri. Il prete, che venne investito poi da un alone di fascino e mistero legati a suoi possibili miracoli, era in realtà un omeopata all'avanguardia, in un periodo dove la chimica non si era ancora sposata con la medicina dando vita alla farmacologia moderna.
In questo senso, grazie alle sue intuizioni e al suo spirito democratico che lo portava a vivere come i poveri e al fianco dei poveri, la sua figura è davvero da venerare come un esempio di benefattore della cittadinanza di Milano. Molti, al momento della sua morte, avvenuta il 22 novembre 1941, vollero ringraziarlo facendone scolpire un busto a grandezza naturale da porre sulla sua tomba, al Cimitero Monumentale.
E ancor oggi, a 60 anni dalla sua scomparsa, la sua tomba è meta continua di pellegrinaggi di beneficati e di devoti che ne chiedono l'intercessione, ricoprendone la lapide (che porta incisa la frase: 'la fiumana dei tuoi beneficati così ti ricorda e ti ricorderà sempre') di fiori, lumini ed ex voto. Per questo motivo anni fa la sua tomba, inizialmente posta all'inizio del cimitero, è stata traslata in fondo, per l'esattezza al campo XX, di modo che i suoi numerosissimi visitatori non intralcino i parenti delle persone delle tombe adiacenti. E, credenti o non credenti, vedere questo piccolo tempio ricoperto di fiori in mezzo a tanti sepolcri scarni e monumentali, provoca una certa emozione. (Alessandro Milani)


***********************************************************


Vittoria Oggetto: C'era una volta...  17 Apr, 2012 - 12:05  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4368
Attività utente
Attività utente

Photobucket


*****************************************************************

Photobucket

solidea Oggetto:   16 Apr, 2012 - 16:35  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2674
Attività utente
Attività utente

Mì e el mè can

I cavei bianch sui ann, sora l’etaa
me disen nient,
nient come l’è ‘l temp…fermo inciodaa.
Minga ona vos
e minga on pass;
nagòtt che nass denter de mì.
In là de la finestra, vardi el ciel:
al e nivol in vol…
hinn tròpp lontan!
E mì son soll cont el mè can,
mì…e lù,
settaa sui sciamp dedree,
sora i mè pee,
el mus sui mè genoeucc…
el varda in su,
el carezzi.
Vun per l’alter…
i so oeucc…i mè oeucc: nient alter!

( Luigi Cazzetta )



solidea Oggetto: e piove piove  15 Apr, 2012 - 18:17  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 2674
Attività utente
Attività utente


April ghe n'ha trenta, ma se piovess trentun el faria dagn a nissun

il mese di aprile ha trenta giorni ma se piovesse per trentun giorni, non farebbe danno a nessuno
ovvero la pioggia di aprile è sempre benefica



Vittoria Oggetto: Cucina lombarda  15 Apr, 2012 - 10:14  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 4368
Attività utente
Attività utente






Spaghetti alla milanese

Ingredienti per 2 persone:

200 gr. spaghetti
60 gr. burro
scorza grattugiata di 1 limone non trattato
prezzemolo fresco
parmigiano reggiano
pepe nero

Preparazione:

La preparazione degli spaghetti alla milanese è veramente semplice.
La cosa importante è che il burro sia a temperatura ambiente.
Mettete l’acqua sul fuoco e quando bolle buttateci dentro la pasta.
Quando mancheranno 2 minuti alla fine della cottura trasferite la pasta in una padella antiaderente, aggiungete il burro a temperatura ambiente, la scorza del limone grattugiata e cominciate a mantecare dal basso verso l’alto, fuori dal fuoco. *Quando grattugiate la scorza del limone attenti a non grattugiare la parte bianca*
Se la pasta tende ad asciugarsi aggiungete ancora un po’ d’acqua di cottura. Deve formarsi una leggera cremina. Ultimata la cottura servite nei piatti e aggiungete il trito di prezzemolo, del pepe nero macinato al momento ed una spolverata di parmigiano reggiano grattugiato.

*************************************************************************




airOne Oggetto:   14 Apr, 2012 - 17:49  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 986
Attività utente
Attività utente

I MÈ MARGHERITT

On fil de só ch'el ven da 'na vedrada
e odor d'incens brusaa...
Poeu, tutt intorna, in di canton l'è scur,
scur come '1 senti an'mì,
in d'ona nebbia de sentiment passii.

Da quanto temp vegnevi denter pù?

A metaa Gesa l'incens l'è pussee fort,
el sfrisa el coo
e quell fesin de só, ch'el ne fa ciar,
el mett in lùs
l'altar de la Madonna.

Me vegnen in la ment i margheritt
che ghe portavi chi de piscinina,
cattaa in di scés...

"Te preghi per la mamma,
per el papà,
Te preghi per la mia....."

e poeu, corr via, a giugattà col só.
E adess... cerchi on quaicoss
che chi hoo desmentegaa,
che avroo lassaa vesin a un confessionari,
o forse, l'è per ari,
in mezz a quij angiolitt ch'hinn là sul mur?
E tegni dur
per non scappa de foeu'.

El fil de só
el scigna in d'on canton
travers a di ragner che paren d'or.
Gh'avessi mi ona lus,
l'antiga féd, somenza di mè gent!

("Te preghi per la mamma...")

El temp!... 'Me '1 passa svelt el temp!
I ombrii hann fassaa tutta la Gesa
e i angiolitt sul mur se veden pù,
ma '1 scur...l'è meno grév...
Sora l'altar sbarlusa an'mò on ciaror...
Hinn no lumitt, che s'hinn oramai sfreggii,
l'è on bianch de fior...

Si... Si. Hinn i mè margheritt
ch'hinn mai passii.


Caterina Sangalli Bianchi
airOne Oggetto: La cucina milanese  14 Apr, 2012 - 17:42  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 986
Attività utente
Attività utente



soldatini Oggetto: Buon fine settimana forum  14 Apr, 2012 - 08:33  Profilo Rispondi citando   

Messaggi: 7201
Attività utente
Attività utente




Batt i pagn, cumpar la stria = Quando si parla di una persona, arriva proprio lui

Nuova discussione   Rispondi Vai a pagina              ...      
80
      ...